Man­ci­ni ora chie­de il col­po per la fu­ga

«Na­po­li fa­vo­ri­to, ma pas­sa­re al San Pao­lo ci da­reb­be for­za...Scu­det­to? Ri­par­lia­mo­ne tra ven­ti gior­ni...»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Napoli-Inter (ore 21) - Di An­drea Ra­maz­zot­ti

De­ci­si­va no, im­por­tan­te sì. Ro­ber­to Man­ci­ni si è ri­fiu­ta­to di ca­ta­lo­ga­re il mat­ch del San Pao­lo co­me una tap­pa chia­ve del­la sta­gio­ne, ma non ha avu­to difficoltà ad am­met­te­re che i tre pun­ti in pa­lio avran­no un cer­to pe­so in vi­sta del pro­se­gui­men­to dell’an­na­ta. Per­ché vin­cen­do la sua for­ma­zio­ne avreb­be la pos­si­bi­li­tà di al­lun­ga­re a +6 sul­la Ro­ma e a +5 su­gli az­zur­ri, con il pun­to in­ter­ro­ga­ti­vo del ri­sul­ta­to del­la Fio­ren­ti­na che scen­de­rà in cam­po pri­ma di Icar­di e com­pa­gni. « Il Na­po­li è fa­vo­ri­to - ha sot­to­li­nea­to - per­ché gio­ca in ca­sa, ma noi sia­mo pri­mi in clas­si­fi­ca, un fat­to mol­to im­por­tan­te. Af­fron­tia­mo il pri­mo scon­tro di­ret­to fuo­ri ca­sa e so­no cu­rio­so di ve­de­re la ri­spo­sta del­la squa­dra. Usci­re con una vit­to­ria dal San Pao­lo ci da­reb­be una for­za enor­me, an­co­ra più gran­de di quel­la che cre­dia­mo di ave­re, ma sia­mo al­la quat­tor­di­ce­si­ma gior­na­ta e la sta­gio­ne è lun­ga. Se sa­re­mo da­van­ti tra 20 par­ti­te, po­tre­mo ini­zia­re a par­la­re di scu­det­to. Ora è pre­sto. Qua­lun­que sia il ri­sul­ta­to di do­ma­ni (sta­se- ra, ndr) non cam­bie­rà nien­te per­ché ci so­no 4 for­ma­zio­ni in po­chi pun­ti e mi aspet­to una bel­la lot­ta fi­no al­la fi­ne. Il Na­po­li, la Ro­ma, la Ju­ven­tus e la Fio­ren­ti­na so­no più at­trez­za­te di noi, ma sia­mo lì in al­to e vo­glia­mo re­star­ci».

Man­ci­ni sa be­ne che so­lo con una gran­de pre­sta­zio­ne la sua squa­dra po­trà man­te­ne­re l’im­bat­ti­bi­li­tà ester­na (è ri­ma­sta l’ul­ti­ma del­la A con ze­ro scon­fit­te lon­ta­no da ca­sa), ma non ha sve­la­to... il suo pia­no di bat­ta­glia: « Non ho mai sen­ti­to un al­le­na­to­re di­re ai suoi di sta­re 90’ in di­fe­sa e ri­par­ti­re so­lo in con­tro­pie­de. Il no­stro obiet­ti­vo è fa­re una gran­de pre­sta­zio­ne e vin­ce­re 3-0, ma è dif­fi­ci­le. Le for­ma­zio­ni buo­ne so­no quel­le che fan­no più gol e ne pren­do­no po­chi per­ché si di­fen­do­no con tut­ti gli ef­fet­ti­vi. Mes­si, uno da due re­ti a ga­ra, l’al­tro gior­no è an­da­to a re­cu­pe­ra­re un pal­lo­ne rin­cor­ren­do l’av­ver­sa­rio per 60 me­tri e bec­can­do­si l’am­mo­ni­zio­ne. Que­sta è l’at­ti­tu­di­ne giu­sta. In una sfi­da co­me quel­la del San Pao­lo, co­me di­ce­va Bo­skov, si può per­de­re, vin­ce­re o pa­reg­gia­re. Ce la met­te­re­mo tut­ta, ma non sap­pia­mo co­me an­drà».

FI­DU­CIA.

Non è dif­fi­ci­le ca­pi­re che l’av­ver­sa­rio che te­me di più è Hi­guain: «Il Na­po­li è una squa­dra co­strui­ta con una lo­gi­ca da quat­tro an­ni gra­zie a in­ve­sti­men­ti im­por­tan­ti che han­no per­mes­so di ac­qui­sta­re cam­pio­ni co­me Hi­guain, uno che

ICAR­DI E HI­GUAIN.

ha vin­to an­che al Real Madrid. Tra lui e Icar­di c’è una no­te­vo­le dif­fe­ren­za di espe­rien­za in­ter­na­zio­na­le, ma an­che Mau­ro di­ven­te­rà un gran­dis­si­mo at­tac­can­te e i gol li fa­rà sem­pre. Sar­ri? E’ bra­vo. Ave­va fat­to be­ne a Em­po­li e si è con­fer­ma­to a Na- po­li. Lui fa gio­ca­re sem­pre la stes­sa squa­dra e noi no? Cre­do sia giu­sto co­sì in que­sto mo­men­to, spe­cial­men­te se non hai 11 fenomeni. E poi noi ab­bia­mo 6-7 ele­men­ti che uti­liz­zia­mo sem­pre e gli al­tri che ruo­ta­no».

Ro­ber­to Man­ci­ni, 51 an­ni, ie­ri ad Ap­pia­no Gen­ti­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.