Au­ba­meyang ol­tre la fa­vo­la

Con 17 gol ha stac­ca­to Lewan­do­w­ski: Dort­mund vo­la

Corriere dello Sport Stadio (Toscana) - - Estero - Di En­zo Pier­gian­ni

Il fan­ta­sti­co Ro­bert Lewan­do­w­ski (14 re­ti) è fi­ni­to nel re­tro­vi­so­re di Pier­re-Eme­rick Au­ba­meyang (17). Il sor­pas­so è l'ul­ti­ma emo­zio­ne nel duel­lo dei due bom­ber per il ti­to­lo di ca­po­can­no­nie­re in Ger­ma­nia. Nel­la par­ti­ta che ie­ri avreb­be po­tu­to in­co­ro­na­re il Bayern cam­pio­ne d'in­ver­no tre giornate d'an­ti­ci­po pri­ma del gi­ro di boa, il nu­me­ro 17 gial­lo­ne­ro agli or­di­ni di Tu­chel è usci­to al­tre due vol­te sul­la ruo­ta del­la Bun­de­sli­ga, fir­man­do il suc­ces­so del Bo­rus­sia Dort­mund sul­lo Stoc­car­da (4-1) che ri­tar­da il pri­mo tra­guar­do sta­gio­na­le dei mo­na­cen­si di Guar­dio­la. E' la ter­za dop­piet­ta sta­gio­na­le di Au­ba­meyang, che viag­gia ad una me­dia di più di un gol a par­ti­ta, do­po 14 giornate in cui ha sem­pre gio­ca­to. «E' un fe­no­me­no, sem­pre con il gol in can­na», so­no d'ac­cor­do com­pa­gni di squa­dra e av­ver­sa­ri. Ap­pe­na ar­ri­va­to a Dort­mund, per una sta­gio­ne ha coa­bi­ta­to con Lewan­do­w­ski se­gnan­do su­bi­to 13 gol con­tro i 20 del po­lac­co. Non lo tur­bò nean­che l'ar­ri­vo di Ci­ro Im­mo­bi­le per com­pen­sa­re il tra­slo­co di Lewan­do­w­ski al Bayern. Tan­to me­no gli fa om­bra Mar­co Reus. An­zi, col suo so­cio bo­rus­sia­no ha fat­to an­che l'at­to­re per fe­steg­gia­re la vit­to­ria nel der­by con lo Schal­ke : lui nei pan­ni di Bat­man, Reus di Ro­bin. Ec­cen­tri­co sia nei mo­vi­men­ti in cam­po, sia nel­la vi­ta pri­va­ta, an­co­ra­ta so­li­da­men­te al­la fi­dan­za­ta Aly­sha, al par­ruc­chie­re pa­ri­gi­no "Bar­ber Gè", al vo­lan­te del­la sua Lam­bor­ghi­ni co­lo­re oro, co­me l'in­gag­gio che po­treb­be ot­te­ne­re in In­ghil­ter­ra o in Spa­gna. Per ades­so, l'in­com­pre­so di Mi­la­nel­lo (2007-08 nel vi­va­io ros­so­ne­ro al­le­na­to da Fi­lip­po Gal­li) ri­ma­ne a Dort­mund a 4 mi­lio­ni l'an­no fi­no al 2020. Il suo ido­lo è Ibra­hi­mo­vic. La sua Na­zio­na­le è il Ga­bon. Scat­to da cen­to­me­tri­sta e tec­ni­ca­men­te com­ple­to, ie­ri ha in­sac­ca­to pri­ma di de­stro, poi di si­ni­stro. Co­sta­to 13 mi­lio­ni al suo ar­ri­vo dal St.Etien­ne, ora ne va­le 60. Non si dà arie, per­ciò i com­pa­gni e i ti­fo­si gli vo­glio­no be­ne. «E' una gran­de gio­ia la­vo­ra­re con Au­ba­meyang - di­ce l'al­le­na­to­re Tu­chel vuol di­re che an­ch'io ho fat­to stra­da». Il tec­ni­co gli ha da­to il po­sto fis­so di cen­tra­van­ti, piaz­zan­do­lo in agguato da­van­ti al­la por­ta av­ver­sa­ria. Klopp in­ve­ce lo pre­fe­ri­va sull'out, per sco­del­la­re ghiot­ti tra­ver­so­ni ver­so Im­mo­bi­le e Ra­mos. Do­po il Bayern è il Bo­rus­sia Dort­mund a crea­re que­st'an­no il mag­gior nu­me­ro di op­por­tu­ni­tà in area av­ver­sa­ria. Al cen­tro Au­ba­meyang cor­re me­no (9,50 chi­lo­me­tri a par­ti­ta an­zi­ché ol­tre 11 ai tem­pi di Klopp) e ha più ener­gie per fi­na­liz­za­re.

ANSA

Au­ba­meyang, 26 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.