In­cre­di­bi­le In­ne­rho­fer mez­za li­be­ra col pa­lo!

Cen­tra una por­ta, il te­lo e un pa­lo gli ri­man­go­no at­tac­ca­ti e lui con­clu­de la ga­ra (4°) a 140 km/h!

Corriere dello Sport Stadio (Toscana) - - Da Prima Pagina - Di Al­ber­to Dol­fin

Chia­ma­te­lo Su­pe­rIn­ner. Se già per fa­re di­sce­sa li­be­ra ci vuo­le una bel­la quan­ti­tà di paz­zia, per im­prov­vi­sa­re uno show co­me quel­lo in­sce­na­to ie­ri dal tren­tu­nen­ne al­toa­te­si­no il do­sag­gio aumenta ver­ti­gi­no­sa­men­te.

A fu­ror di po­po­lo è Ch­ri­stof In­ne­rho­fer il vin­ci­to­re mo­ra­le del­la ga­ra di San­ta Ca­te­ri­na Val­fur­va, per­ché quel­lo che è sta­to ca­pa­ce di fa­re nel­la sua fol­le pic­chia­ta sul­la “De­bo­rah Com­pa­gno­ni” ha dav­ve­ro dell'in­cre­di­bi­le e ri­mar­rà im­pres­so nel­le men­ti de­gli ap­pas­sio­na­ti più del­la clas­si­fi­ca fi­na­le.

NU­ME­RO. Sul trac­cia­to val­tel­li­ne­se che l'ave­va vi­sto an­da­re for­tis­si­mo nel­le pro­ve, il fuoriclasse az­zur­ro si è in­ven­ta­to un nu­me­ro da fu­nam­bo­lo de­gno sol­tan­to del mi­glior Bo­de Mil­ler. Do­po aver pen­nel­la­to le cur­ve più tec­ni­che nel­la par­te al­ta, po­co pri­ma di me­tà ga­ra, In­ne­rho­fer è an­da­to un po' lun­go di li­nea, riu­scen­do a ri­ma­ne­re in cor­sa per un sof­fio, ma al­lo stes­so tem­po cen­tran­do in pie­no una por­ta. Il vio­len­to im­pat­to gli spo­sta­va la ma­sche­ra dal vi­so, con il te­lo ed uno dei due pa­li che ri­ma­ne­va­no ag­gan­cia­ti ad es­sa e di­ven­ta­va­no una fa­sti­dio­sa za­vor­ra da por­ta­re a spas­so.

«Per una fra­zio­ne di se­con­do ho pen­sa­to: "Mi fer­mo o non mi fer­mo?". Poi so­no riu­sci­to a si­ste­mar­mi la ma­sche­ra per­ché al­tri­men­ti non ve­de­vo più nien­te e co­sì ho de­ci­so di con­ti­nua­re a tut­ti i co­sti», rac­con­ta l'im­pa­vi­do In­ne­rho­fer do­po aver af­fron­ta­to il sal­to del Gal­lo qua­si al buio. Il tut­to men­tre sfrec- cia­va a ol­tre 140 km/h con al­le spal­le il pa­lo che con­ti­nua­va a sbat­te­re a de­stra e si­ni­stra e stri­scia­va nel­la ne­ve. Un po’ co­me se aves­se il fre­no a ma­no ti­ra­to, con l'ul­te­rio­re ri­schio che po­tes­se pian­tar­si nel ter­re­no da un mo­men­to all'al­tro e tra­sfor­mar­si in un'ar­ma pe­ri­co­lo­sa.

COM­PA­GNO DI VIAG­GIO. Un fa­sti­dio­so com­pa­gno di viag­gio che l'ha la­scia­to sol­tan­to 25 se­con­di do­po, men­tre il te­lo aran­cio­ne che svo­laz­za­va sul­le spal­le a ri­cor­da­re il man­tel­lo di un su­pe­re­roe l'ha scor­ta­to fi­no al tra­guar­do. Un mix di co­rag­gio e fol­lia che a mol­ti ha ri­cor­da­to la di­sce­sa su un so­lo sci di Mil­ler sul­la non lon­ta­na Stel­vio di Bor­mio die­ci an­ni or­so­no.

«No­no­stan­te ab­bia fat­to... pa­ra­pen­dio, so­no riu­sci­to lo stes­so ad es­se­re mol­to ve­lo­ce e so­no fe­li­ce, per­ché ho of­fer­to uno spet­ta­co­lo in­di­men­ti­ca­bi­le per il pub­bli­co ita­lia­no - ha ag­giun­to l'im­pa­vi­do az­zur­ro scher­zan­do sull'ac­ca­du­to -. Mi so­no re­so con­to del­la pe­ri­co­lo­si­tà di quel­lo che ho fat­to, ma la mia grin­ta e la mia vo­lon­tà mi han­no spin­to a pro­se­gui­re. Il ri­sul­ta­to fi­na­le di­mo­stra che non bi­so­gna mai fer­mar­si di fron­te a nul­la: do­po aver tri­bo­la­to per an­ni con il mal di schie­na che mi im­pe­di­va di fa­re quel­lo che vo­le­vo, sen­to che par­te da qui la mia se­con­da car­rie­ra».

SET­TE. E pen­sa­re che per so­li set­te cen­te­si­mi la sua paz­za di­sce­sa non gli è val­sa an­che il ter­zo gra­di­no del po­dio, strap­pa­to­gli in ex­tre­mis dal fran­ce­se Da­vid Pois­son, al pri­mo piaz­za­men­to di ri­lie­vo in Cop­pa del Mon­do. In una di­sci­pli­na in cui la com­po­nen­te ae­ro­di­na­mi­ca è tut­to, sen­za l'as­sur­do in­con­ve­nien­te pro­ba­bil­men­te In­ne­rho­fer avreb­be an­ni­chi­li­to tut­ta la con­cor­ren­za. In­ve­ce, a fe­steg­gia­re è sta­to un al­tro tran­sal­pi­no, Adrien Theaux, che ha ri­fi­la­to ol­tre un se­con­do all'au­stria­co Han­nes Rei­chelt per fir­ma­re il ter­zo suc­ces­so in car­rie­ra.

Nel ro­deo di San­ta Ca­te­ri­na nes­su­no ha sa­pu­to at­tac­ca­re e pren­der­si i ri­schi di In­ne­rho­fer e la “De­bo­rah Com­pa­gno­ni” ha crea­to se­ri pro­ble­mi pu­re al do­mi­na­to­re del­la ve­lo­ci­tà Ak­sel Lund Svin­dal, che sin qui ave­va vin­to tut­te le tre di­sce­se di­spu­ta­te e che ie­ri si è ac­con­ten­ta­to del set­ti­mo po­sto, e all'al­tro vi­chin­go Kje­til Jan­srud, ap­pe­na ven­ti­set­te­si­mo.

L’epi­so­dio L’im­pat­to mol­to vio­len­to gli ha spo­sta­to an­che la ma­sche­ra

La rea­zio­ne «Mi so­no chie­sto se do­ve­vo an­da­re avan­ti o no, poi ho con­ti­nua­to»

Il ri­schio Il pa­lo avreb­be po­tu­to pian­tar­si nel ter­re­no con con­se­guen­ze gra­vi

FILL. La for­tu­na non ha gi­ra­to per il ver­so giu­sto nem­me­no per le al­tre due pun­te ita­lia­ne. È du­ra­ta po­chi se­con­di la ga­ra di Pe­ter Fill, che si è ri­tro­va­to sen­za lo sci de­stro in una cur­va bru­sca ver­so si­ni­stra ed ha do­vu­to co­sì ab­ban­do­na­re su­bi­to ogni am­bi­zio­ne di ri­pe­te­re quan­to fat­to in que­sto pri­mo scor­cio di sta­gio­ne. Spe­ra­va di ri­pe­te­re il po­dio del­lo scor­so an­no an­che Do­mi­nik Pa­ris ed ave­va di­mo­stra­to di va­ler­lo per gran par­te del­la sua pro­va, pri­ma di sdra­iar­si sul­la ne­ve nel­la cur­va Gi­mon­di ed es­se­re co­stret­to a ri­par­ti­re qua­si da fer­mo. Do­po lo spet­ta­co­lo adre­na­li­ni­co di ie­ri, San­ta Ca­te­ri­na sa­rà an­co­ra tea­tro di Cop­pa del Mon­do ad ini­zio 2016 con uno sla­lom fem­mi­ni­le (5 gen­na­io) ed uno ma­schi­le (6 gen­na­io).

Il commento «Ho of­fer­to un gran­de spet­ta­co­lo da qui par­te la mia se­con­da car­rie­ra» Nel­la di­sce­sa a S.Ca­te­ri­na l’az­zur­ro è pro­ta­go­ni­sta di un as­sur­do in­ci­den­te

Ch­ri­stof In­ne­rho­fer (31 an­ni) scia con il pa­lo ag­gan­cia­to do­po aver col­pi­to una por­ta

ANSA

Ch­ri­stof In­ne­rho­fer, 31 an­ni, ha com­piu­to ... l’im­pre­sa

L’az­zur­ro In­ne­rho­fer cen­tra la por­ta

ANSA

La sua smor­fia all’ar­ri­vo

Lui scen­de con la ma­sche­ra fuo­ri po­sto

Il te­lo e un pa­lo ri­man­go­no im­pi­glia­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.