DO­NA­DO­NI: CAM­BIO COSI’ PER CAL­LE­RI

«Se ar­ri­va una se­con­da pun­ta può ser­vi­re un al­tro mo­du­lo? Non sa­rà un pro­ble­ma In mol­ti mi par­la­no be­ne dell’ar­gen­ti­no»

Corriere dello Sport Stadio (Toscana) - - Primo Piano - Di Fu­rio Fe­de­le

C’è chi rie­sce ad ar­ric­chir­si an­che aven­do ri­nun­cia­to a mol­ti sti­pen­di, aven­do mes­so di ta­sca pro­pria sol­di ve­ri ma sin­ce­ri per aiu­ta­re chi è sta­to me­no for­tu­na­to di lui e con­di­vi­den­do le mi­se­rie di un cal­cio che non ha più di­rit­to di cit­ta­di­nan­za. Ro­ber­to Do­na­do­ni da Ci­sa­no Ber­ga­ma­sco, 52 an­ni, al­me­no da que­sto pun­to di vi­sta, non cam­bia mai: il suo 2015 si chiu­de con il sor­ri­so an­che se era ini­zia­to in­tra­ve­den­do gli spet­tri del «crack» Par­ma, in fon­do a un tun­nel fat­to di ama­rez­ze e im­pre­se co­mun­que esal­tan­ti. Più gen­ti­luo­mo che....uf­fi­cia­le (lea­der sì, ma sem­pre ri­fles­si­vo e si­len­zio­so), il tec­ni­co del Bo­lo­gna si rac­con­ta al­la vi­gi­lia del­la pri­ma sfi­da del 2016. Con­tro il «suo» Milan, una por­zio­ne del­la sua vi­ta (non so­lo cal­ci­sti­ca) in­di­men­ti­ca­bi­le, in­de­le­bi­le, che an­co­ra ades­so gli pro­cu­ra pia­ce­vo­li tu­mul­ti quan­do, da av­ver­sa­rio, si pre­sen­ta a San Si­ro. Edu­ca­to e ri­ser­va­to, si ri­bel­la so­lo da­van­ti a chi in­tra­ve­de in que­ste pre­zio­se qua­li­tà un’in­so­ste­ni­bi­le de­bo­lez­za. Una te­le­fo­na­ta, pri­ma di ap­pro­da­re sul­la pan­chi­na del Bo­lo­gna, con il pre­si­den­te Ber­lu­sco­ni gli ha con­fer­ma­to, sem­mai ce ne fos­se sta­to bi­so­gno, che ha an­co­ra un po­sto di ri­guar­do nell’Olim­po ros­so­ne­ro. L’am­bi­zio­so e ri­ge­ne­ra­to Bo­lo­gna, ere­di­ta­to in una si­tua­zio­ne dav­ve­ro com­pli­ca­ta, pe­rò, po­treb­be di­ven­ta­re il suo...Milan. Do­po aver in­di­vi­dua­to, da su­bi­to, la «pas­sword» per ria­bi­li­ta­re De­stro, ri­na­to e tor­na­to ai suoi mi­glio­ri li­vel­li, smar­ri­ti ne­gli ul­ti­mi tem­pi ro­ma­no-mi­la­ne­si, non avreb­be ades­so difficoltà a fa­re al­tret­tan­to con Floc­ca­ri e Cer­ci. Men­tre il gio­va­ne Cal­le­ri lo in­tri­ga...In­som­ma, un uni­ver­so, quel­lo do­na­do­nia­no che me­ri­ta di es­se­re esplo­ra­to.

Buon­gior­no Do­na­do­ni, che co­sa con­si­glia a De­stro nel­le ve­sti di...ex-mi­la­ni­sta? «Io di­co sem­pre ai miei cal­cia­to­ri che de­vo­no pen­sa­re a lo­ro stes­si, al­la lo­ro car­rie­ra. Dif­fi­do un po’ da cer­te mo­ti­va­zio­ni, dal­la vo­glia di ri­vin­ci­ta o ri­scat­to. Uno può es­ser­si tro­va­to più o me­no be­ne in un am­bien­te, ma de­ve di­spen­sa­re le sue ener­gie so­lo per il be­ne del­la squa­dra in cui sta gio­can­do».

Do­na­do­ni co­me è riu­sci­to a re­cu­pe­ra­re De­stro re­du­ce da due espe­rien­ze con­trad­dit­to­rie con Ro­ma e Milan? «Ov­via­men­te la ma­te­ria tec­ni­ca c’era, si­cu­ra­men­te di qua­li­tà. Io pen­so che bi­so­gna agi­re an­che sul­la sfe­ra psi­co­lo­gi­ca del­le per­so­ne. L’aspet­to men­ta­le fa sem­pre la dif­fe­ren­za. Poi, è chia­ro, de­vi sem­pre sfrut­tar­lo al me­glio».

Il Bo­lo­gna, con un’al­tra pun­ta ti­to­la­re, po­treb­be cam­bia­re mo­du­lo, vol­to. Po­treb­be es­se­re un pro- ble­ma da ri­sol­ve­re per lei? «No, per me cam­bia­re qual­co­sa non è mai un pro­ble­ma... Io pen­so che sia ne­ces­sa­rio sfrut­ta­re al me­glio le qua­li­tà e le ca­rat­te­ri­sti­che dei gio­ca­to­ri che si han­no a di­spo­si­zio­ne. Il mio com­pi­to è met­te­re cia­scu­no di lo­ro nel­le con­di­zio­ni di ren­de­re al me­glio».

Si di­ce che Floc­ca­ri po­treb­be es­se­re il nuo­vo at­tac­can­te giu­sto, al po­sto giu­sto al fian­co di De­stro. «Io cre­do che in que­sta fa­se del­la sta­gio­ne oc­cor­ra in­se­ri­re de­gli ele­men­ti che non va­da­no a in­tac­ca­re l’am­bien­te so­li­do che si è ve­nu­to a crea­re. Io creo con i miei gio­ca­to­ri un rap­por­to per­so­na­le che mi ve­de sem­pre at­ten­to an­che ol­tre i va­lo­ri tec­ni­ci. Si trat­ta di un aspet­to che nel no­stro me­stie­re non si può tra­scu­ra­re».

Si di­ce e si scri­ve che an­che Cer­ci pos­sa cer­ca­re la...re­sur­re­zio­ne al­la cor­te di Do­na­do­ni do­po due an­ni piut­to­sto dif­fi­ci­li. « Il pe­rio­do at­tua­le è mol­to fer­ti­le per ge­ne­ra­re no­ti­zie con­ti­nue in que­sto sen­so. A me in­te­res­sa so­lo che, nel caso ci sia un ef­fet­ti­vo in­te­res­se re­ci­pro­co, si trat­ti di gio­ca­to­ri di un cer­to li­vel­lo».

Co­no­sce Cal­le­ri, a qua­le at­tac­can­te può es­se­re pa­ra­go­na­to? «One­sta­men­te non è che lo co­no­sca be­ne, ma ne sen­to par­la­re in ma­nie­ra estre­ma­men­te po­si­ti­va. Si­cu­ra­men­te i cam­pio­ni emer­gen­ti rap- pre­sen­ta­no una pro­spet­ti­va lo­gi­ca di mer­ca­to per una so­cie­tà co­me il Bo­lo­gna».

Dall’in­cu­bo al so­gno: Bo­lo­gna co­sa può e de­ve spe­ra­re? «Mai vi­ve­re di ec­ces­si! Il no­stro cam­mi­no è an­co­ra dif­fi­ci­le e il me­se di gen­na­io che ci aspet­ta non ci age­vo­la fra...di­sat­ten­zio­ni mer­can­ti­li e vo­li pin­da­ri­ci im­mo­ti­va­ti. Il no­stro obiet­ti­vo è uno so­lo, met­ter­ci in si­cu­rez­za. Le al­tre so­no so­lo chiac­chie­re».

Bo­lo­gna do­po Par­ma. Una pa­ren­te­si lun­ga, af­fa­sci­nan­te, ma an­che mol­to do­lo­ro­sa. «Sì, l’epi­lo­go è sta­to quel­lo peg­gio­re... Ma a Par­ma ho an­co­ra tan­ti ami­ci, la cit­tà mi ha ama­to, mi ha da­to una ma­no, mi ha da­to una fi­glia, mi ha fat­to cre­sce­re».

Ro­ber­to Do­na­do­ni, eroe e pa­la­di­no di un cal­cio da di­sin­fe­sta­re? «No, non mi piac­cio­no cer­te me­ta­fo­re. An­che in al­tre oc­ca­sio­ni (Lecco, in Le­ga Pro, quan­do pa­ga­va di ta­sca sua i cam­pi di al­le­na­men­to; dnr) ho cer­ca­to di fa­re al me­glio que­sto me­stie­re. Ho ri­ce­vu­to tan­to dal cal­cio, cer­co quan­do pos­so di tra­sfe­ri­re ad al­tri qual­co­sa di quel­lo che ho ri­ce­vu­to...».

Con qua­le «pas­sword» Do­na­do­ni è en­tra­to nel Bo­lo­gna ri­sol­ven­do in bre­ve tem­po pro­ble­mi che sem­bra­va­no enor­mi, gi­gan­te­schi? «Quan­do un al­le­na­to­re ar­ri­va a sta­gio­ne in cor­so vuol di­re che l’am­bien­te è in difficoltà. Ho sem­pli­ce­men­te tra­smes­so a tut­ti l’en­tu­sia­smo e la vo­glia di quel­lo che so fa­re e che mi pia­ce fa­re. L’en­tu­sia­smo, se lo sai tra­smet­te­re, può di­ven­ta­re con­ta­gio­so».

La pan­chi­na del Milan: un so­gno che po­treb­be di­ven­ta­re real­tà? «Chia­ra­men­te an­ch’io ho l’am­bi­zio­ne, un gior­no, di po­ter al­le­na­re una gran­de squa­dra. Non è det­to che non pos­sa es­se­re an­che il Bo­lo­gna... Si­cu­ra­men­te mi fa sem­pre un ef­fet­to par­ti­co­la­re en­tra­re an­co­ra og­gi a San Si­ro e ri­ce­ve­re il tri­bu­to dei ti­fo­si ros­so­ne­ri. Mi vie­ne la pel­le d’oca... È una gra­ti­fi­ca­zio­ne che mi ri­pa­ga di tan­te ama­rez­ze».

C’è chi di­ce che Do­na­do­ni non può al­le­na­re il Milan per­ché non sor­ri­de da­van­ti al­le te­le­ca­me­re... «Se que­sto è un dub­bio o un que­si­to do­vreb­be ri­spon­de­re chi pen­sa che que­sta sia una mo­ti­va­zio­ne se­ria e con­cre­ta. Un cer­to at­teg­gia­men­to fa par­te del mio mo­do di es­se­re. So­no io il pri­mo a es­ser fe­li­ce di sor­ri­de­re quan­do c’è un mo­ti-

vo se­rio e ne va­le la pe­na».

Il Milan non è più il...Milan da al­me­no 2-3 an­ni a que­sta par­te. Co­sa sta suc­ce­den­do? «One­sta­men­te un’idea pre­ci­sa non ri­se­co ad aver­la nep­pu­re io... Pe­rò ci so­no de­gli in­ter­ro­ga­ti­vi che tut­ti quan­ti si de­vo­no por­re».

Cioè? «Bi­so­gna fa­re un pro­ces­so a 360 gra­di. Chi c’è de­ve ave­re le car­te in re­go­la per po­ter la­vo­ra­re e ope­ra­re in ma­nie­ra co­strut­ti­va e cor­ret­ta».

Ol­tre agli al­le­na­to­ri e ai cal­cia­to­ri bi­so­gna cam­bia­re an­che qual­co­sa d’al­tro? «No, non è det­to. Non bi­so­gna per for­za di co­se cam­bia­re le per­so­ne per mu­ta­re i ri­sul­ta­ti, ma per con­ti­nua­re a la­vo­ra­re nel tem­po è ne­ces­sa­rio ade­guar­si al­le nuo­ve si­tua­zio­ni. Chi re­sta, chi c’è, chi ha la for­za per far­lo de­ve ave­re il co­rag­gio e la ca­pa­ci­tà di cam­bia­re. Non pos­sia­mo re­sta­re sem­pre noi stes­si nel cor­so de­gli an­ni».

Do­na­do­ni che co­sa pro­po­ne? «Io pos­so so­lo par­la­re per la mia espe­rien­za da al­le­na­to­re. Fac­cio que­sto me­stie­re già da qual­che an­no ma mi so­no su­bi­to re­so con­to che bi­so­gna cre­sce­re, che è ne­ces­sa­rio ade­guar­si ai tem­pi che cam­bia­no e al­le nuo­ve si­tua­zio­ni».

Fra i tan­ti re­cord po­si­ti­vi di Do­na­do­ni c’era, fi­no a po­co tem­po fa, quel­lo di es­se­re uno dei po­chi a non aver mai li­ti­ga­to con Cas­sa­no. Poi co­sa è suc­ces­so a Par­ma? «Io cre­do che tut­ti quan­ti noi co­no­scia­mo il ca­rat­te­re e la per­so­na­li­tà di que­sta per­so­na. Tut­to quel­lo che è suc- ces­so e si può di­re si ri­du­ce a co­se su­per­flue. Ognu­no ha il di­rit­to di sce­glie­re co­sa es­se­re nel­la vi­ta».

Cal­le­ri «E’ un emer­gen­te. Que­sti cal­cia­to­ri rap­pre­sen­ta­no la lo­gi­ca pro­spet­ti­va del Bo­lo­gna»

Il Milan, si di­ce­va, un so­gno... Ma co­sa è ri­ma­sto del rap­por­to fra Ro­ber­to Do­na­do­ni e il pre­si­den­te che lo vol­le, dall’Ata­lan­ta, fra i pri­mi ac­qui­sti del­la sua av­ven­tu­ra mi­la­ni­sta? « Mol­to, tan­to... Qual­che me­se fa (pri­ma che Do­na­do­ni si se­des­se sul­la pan­chi­na del Bo­lo­gna; ndr) ci sia­mo sen­ti­ti per te­le­fo­no. È sta­ta una bel­la chiac­chie­ra­ta, ab­bia­mo ri­cor­da­ti i tem­pi d’oro del no­stro Milan».

Che mes­sag­gio ha tra­smes­so Ber­lu­sco­ni a uno dei suoi cam­pio­ni pre­fe­ri­ti che ave­va l’ob­bli­go con le sue gio­ca­te di «ac­cen­de­re la lu­ce a San Si­ro»? « Il pre­si­den­te mi ri­cor­da­va quan­do mi pren­de­va sot­to­brac­cio e par­la­va­mo di quel­lo che sa­reb­be di­ven­ta­to il Milan. Mi di­ce­va sem­pre che la gen­te lo con­si­de­ra­va un ve­ro e pro­prio Re Mi­da, an­che con il Milan, per­ché tut­to quel­lo che toc­ca­va di­ven­ta­va oro».

Be’ la sto­ria ros­so­ne­ra par­la chia­ro... «Sì, ma an­co­ra quan­do ci sia­mo sen­ti­ti mi ha ri­ba­di­to che al­la ba­se di ogni suc­ces­so c’è il la­vo­ro, la de­di­zio­ne, le 20 ore al gior­no pas­sa­te a crea­re, co­strui­re e a tra­smet­te­re que­sti va­lo­ri a chi la­vo­ra con noi».

Co­sa ha im­pa­ra­to, a di­stan­za di 30 an­ni, Ro­ber­to Do­na­do­ni da que­sta nuo­va le­zio­ne, qua­si un ri­pas­so, di vi­ta? «Che ognu­no di noi de­ve sfrut­ta­re le ca­pa­ci­tà che ha sen­za tra­scu­ra­re nul­la. Io ci sto pro­van­do...».

LA CAR­RIE­RA

Gran­di club «Ho l’am­bi­zio­ne di po­ter al­le­na­re una gran­de: ma chi lo di­ce che que­sta non sia il Bo­lo­gna?»

L’an­ti­e­roe «Par­ma è sta­ta un do­lo­re ma io non mi sen­to un pa­la­di­no, so­lo uno che può da­re»

Ro­ber­to Do­na­do­ni (Ci­sa­no Ber­ga­ma­sco, 52 an­ni) ha avu­to un’ec­cel­len­te car­rie­ra da cal­cia­to­re, straor­di­na­rio cen­tro­cam­pi­sta di fa­scia de­stra cre­sciu­to nell’Ata­lan­ta, men­tre da al­le­na­to­re ha fi­no­ra ot­te­nu­to i ri­sul­ta­ti mi­glio­ri con la Na­zio­na­le az­zur­ra, gui­da­ta nel bien­nio po­st mondiale 2006/08, fer­ma­ta nei quar­ti di fi­na­le, do­po i cal­ci di ri­go­re, agli Eu­ro­pei 2008 dal­la Spa­gna (poi lau­rea­ta­si cam­pio­ne) e il se­sto po­sto con il Par­ma in Se­rie A (cam­pio­na­to 2013-2014). In cam­po ha vin­to di tut­to e di più con il Milan: 6 Scu­det­ti (1 con Sac­chi, 4 con Ca­pel­lo, 1 con Zac­che­ro­ni), 4 Su­per­cop­pe d’Ita­lia, 3 Cop­pe dei Cam­pio­ni, 3 Su­per­cop­pe d’Eu­ro­pa, 2 Cop­pe In­ter­con­ti­nen­ta­li, 1 cam­pio­na­to sau­di­ta e ha ot­te­nu­to una pro­mo­zio­ne in Se­rie A con l’Ata­lan­ta. E’ sta­to vi­ce­cam­pio­ne del mon­do a Usa ‘94. Nel­la sua car­rie­ra ha di­spu­ta­to com­ples­si­va­men­te 550 par­ti­te se­gnan­do 34 gol (390/23 il par­zia­le con il Milan). So­no in­ve­ce 328 le panchine fi­no­ra col­le­zio­na­te (dal­la Se­rie C-1 fi­no al­la Se­rie A) da al­le­na­to­re.

Cer­ti sor­ri­si «Chi di­ce che non so­no da Milan per­ché non sor­ri­do in tv de­ve far­si del­le do­man­de...»

Per­so­na­li­tà «La rot­tu­ra tra me e Cas­sa­no? Tut­ti han­no di­rit­to di sce­glie­re co­sa es­se­re nel­la vi­ta»

LAP­RES­SE

Ro­ber­to Do­na­do­ni, 52 an­ni, at­tua­le tec­ni­co del Bo­lo­gna

ANSA

Do­na­do­ni da ct az­zur­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.