Ma­tri si pren­de l’ita­lia

Ma Pran­del­li ha ab­brac­cia­to Cas­sa­no, ve­nu­to a sa­lu­ta­re gli azzurri: «An­to­nio, io ti aspet­to»

Corriere dello Sport - - Front Page - Dall'inviato Andrea San­to­ni

Amichevole a Ge­no­va (20.45) con­tro gli Sta­ti Uni­ti di Klin­smann Lo ju­ven­ti­no ti­to­la­re con Gio­vin­co De Ros­si e Mon­to­li­vo in pan­chi­na E all’al­le­na­men­to di ri­fi­ni­tu­ra gra­di­tis­si­ma vi­si­ta di Cas­sa­no

GE­NO­VA - Cas­sa­no ap­plau­di­to a Ma­ras­si, dai suoi ex ti­fo­si, or­fa­ni del­le sue ma­gie. Pran­del­li avreb­be vo­lu­to ac­ca­des­se og­gi, non ie­ri, quan­do l'ex do­ria­no, e ora az­zur­ro in stand by, è ap­par­so me­sco­la­to ai com­pa­gni, spro­fon­da­to nel giac­co­ne del­la na­zio­na­le, da sem­pli­ce ag­gre­ga­to in vi­si­ta, du­ra­ta un'oret­ta, tra ab­brac­ci, bat­tu­te e au­gu­ri. Si so­no scam­bia­ti nuo­ve pro­mes­se, i due, par­lan­do di Europeo: «Ti aspet­to fi­no al­la fi­ne, An­to­nio» . «Vo­glio es­ser­ci, mi­ster» . Ma sen­za Fan­tan­to­nio né Ros­si, che era na­to per l'ita­lia pro­prio con­tro gli Usa, nell'uni­ca bel­la pa­gi­na no­stra­na del­la Con­fe­de­ra­tions Cup su­da­fri­ca­na del 2009, sta­se­ra con­tro gli ame­ri­ca­ni di Klin­smann il pre­sen­te si chia­ma Ma­tri-gio­vin­co (con Bo­ri­ni in ag­giun­ta, at­te­so al de­but­to nel­la ri­pre­sa). An­zi, e il ct è sta­to chia­ro, i due si gio­ca­no in cop­pia una bel­la fet­ta del ri­spet­ti­vo fu­tu­ro az­zur­ro. Non un fat­to ca­sua­le, da­to che en­tram­bi han­no de­but­ta­to in con­tem­po­ra­nea po­co me­no di un an­no fa a Kiev, en­tran­do nel­la ri­pre­sa. E pro­prio un col­po di tac­co del­la For­mi­ca Ato­mi­ca per­mi­se all'al­lo­ra neo ju­ven­ti­no di ba­gna­re su­bi­to il pri­mo get­to­ne con un gol, ri­ma­sto uni­co nei se­guen­ti tre spez­zo­ni di par­ti­te na­zio­na­li, una in me­no del par­mi­gia­no, a quo­ta 5, ti­to­la­re pe­rò una vol­ta, nell'ot­to­bre scor­so a Pe­sca­ra con­tro l'ir­lan­da ma an­co­ra a sec­co. In­sie­me, Ma­tri-gio­vin­co, han­no con­di­vi­so un'oret­ta di Na­zio­na­le, in due "tem­pi" (Ucraina e Ir­lan­da del Nord). In­sie­me po­treb­be­ro ave­re mol­to di più da con­di­vi­de­re se dav­ve­ro il pic­co­lo attaccante do­ves­se tor­na­re al­la Juve nel­la pros­si­ma sta­gio­ne, una pos­si­bi­li­tà che pa­re tor­na­ta pra­ti­ca­bi­le dopo al­cu­ne in­com­pren­sio­ni pas­sa­te. LA GRANDE OC­CA­SIO­NE - In­tan­to que­sta op­por­tu­ni­tà glie­la of­fre Pran­del­li, su­bi­to: «Gio­vin­co-ma­tri se­con­do me si pos­so­no com­ple­ta­re. Ma­tri dà pro­fon­di­tà e am­piez­za, an­che quan­do si de­fi­la. Gio­vin­co ma­ga­ri de­ve tro­va­re una po­si­zio­ne mi­glio­re tra cen­tro­cam­po e at­tac­co, ma so­no due at­tac­can­ti che fan­no gol. In­sie­me nel­la Juve? Que­sto non lo so. So pe­rò che, a pro­po­si­to di bian­co­ne- ri, Bor­riel­lo e Qua­glia­rel­la non so­no de­pen­na­ti: li se­guia­mo...» . Que­ste le pa­ro­le del ct del­la vi­gi­lia. Do­ve bril­la­va­no gli oc­chi del cen­tra­van­ti bian­co­ne­ro. Un Ma­tri rag­gian­te, che sta vi­ven­do gior­ni stre­pi­to­si, dal gol di San Si­ro al­la pri­ma ma­glia da ti­to­la­re a Ge­no­va. Una vol­ta so­lo al­za il so­prac­ci­glio, il bom­ber di Sant'an­ge­lo Lo­di­gia­no: «C'è chi di­ce che ren­do di più se par­to dal­la pan­chi­na? No, non mi pia­ce la pan­chi­na, non ne ho bi­so­gno, an­zi mi dà fa­sti­dio» . Mes­sag­gio chia­ro e sem­pli­ce. Ma non ha vo­glia di po­le­miz­za­re, Ma­tri: «So­no mo­men­ti bel­li, pie­ni di co­se po­si­ti­ve. So che è un esa­me per me, un'oc­ca­sio­ne che vo­glio pren­de­re al vo­lo. Mi au­gu­ro di cre­sce­re an­co­ra. C'è bi­so­gno di qua­li­tà e vo­glia di vin­ce­re» . C'è bi­so­gno di buon cal­cio, so­prat­tut­to, dopo i ve­le­ni di Mi­lan-juve, se­gui­ta­ti col ca­so Buf­fon: «Pen­so che di tutto que­sto si sia par­la­to an­che trop­po» . CON­TRO­RE­PLI­CA - Già, Buf­fon. Gi­gi, an­che ie­ri, polemiche o me­no, da ca­pi­ta­no az­zur­ro, non ha di­ser­ta­to l'intervista del­la vi­gi­lia: «Non mi aspet­ta­vo nul­la e non mi sorprende nul­la: que­sto ca­si­no non l'ho crea­to io. Quel­lo che ho det­to ho det­to. Fi­nal­men­te si gio­ca. Pos­so so­lo ri­cor­da­re che tut­ti quel­li che vi­vo­no di cal­cio han­no espres­so lo stes­so mio pun­to di vista. Mi di­spia­ce...» . Il por­tie­re ac­ca­rez­za poi ideal­men­te i due fa­mo­si re­pro­bi azzurri: «Ba­lo­tel­li? Io so­no buo­no a sba­glia­re da so­lo, quin­di nien­te con­si­gli. L'uni­ca co­sa che pos­so di­re è quel­la di tor­na­re pre­sto per­chè ab­bia­mo bi­so­gno di lui. Co­me Cas­sa­no: ci man­ca tan­to an­che lui e spe­ria­mo ci man­chi an­co­ra per po­co. E' una per­so­na che rie­sce a can­cel­la­re in un at­ti­mo me­si di as­sen­za. Non so se "ro­si­ca" a ve­der­ci gio­ca­re sen­za di lui. Ades­so cre­do ab­bia co­se più im­por­tan­ti da pen­sa­re» .

Un ul­ti­mo pen­sie­ro Buf­fon lo ri­ser­va al Cal­cio­scom­mes­se:

«Pe­truc­ci ha ra­gio­ne, la sua po­si­zio­ne sul­la pro­po­sta di am­ni­stia spor­ti­va avan­za­ta dal pm di Cremona Di Mar­ti­no è giu­sta: non si può ne si de­ve fa­re. D'al­tra par­te la vi­cen­da è co­sì gros­sa che si ri­schia di in­fan­ga­re chi non c'en­tra nul­la con la ma­la­vi­ta, co­me Bo­nuc­ci, su cui met­to la ma­no sul fuo­co» .

An­to­nio Cas­sa­no in vi­si­ta al­la Na­zio­na­le con Pran­del­li

(Lapresse)

Che bel­la sor­pre­sa! La vi­si­ta di An­to­nio Cas­sa­no al­la na­zio­na­le az­zur­ra di Ce­sa­re Pran­del­li

(Get­ty Ima­ges)

Vi­gi­lia di Ita­lia-usa: l’al­le­na­men­to di Ma­tri, Gio­vin­co e Bo­ri­ni ie­ri nell’im­pian­to di Ma­ras­si

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.