Mon­toya che pau­ra nell’in­fer­no di Day­to­na

L’ex pi­lo­ta di For­mu­la 1 il­le­so dopo lo scon­tro in pi­sta con un ca­mion

Corriere dello Sport - - Front Page - di Ro­ber­to Zan­ni

Spa­ven­to­so, im­pres­sio­nan­te: la mac­chi­na di Juan Pa­blo Mon­toya, sen­za con­trol­lo, che si schian­ta con­tro un mez­zo di ser­vi­zio ca­ri­co di car­bu­ran­te che sta­va ri­pu­len­do la pi­sta. Un’esplo­sio­ne nel­la not­te ha scos­so il cir­cui­to di Day­to­na, fiam­me al­tis­si­me, una sce­na mai vista su una pi­sta, sem­bra­va un film, ma è sta­to tutto ve­ro: at­ti­mi di sgo­men­to, poi ecco Mon­toya e l'ad­det­to al­la gui­da del “jet dryer” (co­sì è chia­ma­to l'au­to­mez­zo che asciu­ga l'asfal­to e to­glie i de­tri­ti) en­tram­bi in­co­lu­mi, un mi­ra­co­lo.

Tutto è suc­ces­so al 160º gi­ro del­la 500 Mi­glia di Day­to­na, la pro­va d'av­vio del­la Na­scar (vin­ta poi da Matt Ken­se­th), la cor­sa più pre­sti­gio­sa, rin­via­ta do­me­ni­ca per la piog­gia, scat­ta­ta lu­ne­dì se­ra, per la pri­ma vol­ta in not­tur­na. Era“un­der cau­tion” la ga­ra, ban­die­ra gial­la, c'era sta­to un al­tro incidente, le mac­chi­ne do­ve­va­no pro­ce­de­re a bas­sa ve­lo­ci­tà per per­met­te­re ai mez­zi di ser­vi­zio di ri­pu­li­re la pi­sta: tut­ti a pas­so d'uo­mo, an­che la Che­vro­let nu­me­ro 42 di Juan Pa­blo Mon­toya che pe­rò all'im­prov­vi­so ha uno scar­to, s’in­tra­ver­sa e or­mai sen­za più con­trol­lo, co­me se fos­se su una pi­sta di ghiac­cio, sci­vo­la pun­tan­do il “jet dri­ver”, mez­zo die­sel, che tra­spor­ta­va qua­si 800 li­tri di car­bu­ran­te: l'im­pat­to è ine­vi­ta­bi­le, le fiam­me si al­za­no, men­tre l'au­to di Mon­toya dal mu­ret­to, do­ve era l'au­to­mez­zo, rim­bal­za all'in­ter­no del­la pi­sta sul pra­to, ma tra le fiam­me e i rot­ta­mi il co­lom­bia­no ex pi­lo­ta di For­mu­la 1 esce dall'abi­ta­co­lo, il­le­so.

Va con­tro un ca­mion ca­ri­co di car­bu­ran­te Per for­tu­na tut­ti il­le­si «Non è sta­to di­ver­ten­te Ho il ca­sco bru­cia­to»

MI ASPET­TA­VO L'IN­CEN­DIO - Un incidente co­sì biz­zar­ro, e che for­tu­na­ta­men­te non ha avu­to con­se­guen- ze, se non una so­spen­sio­ne di 2 ore 5 mi­nu­ti e 29 se­con­di: la ga­ra è poi fi­ni­ta all'1 di not­te. «Nel­la mia car­rie­ra ho col­pi­to tan­te co­se - ha det­to Mon­toya - ma un “jet dryer”?... In que­gli istan­ti ho pen­sa­to: “Sto an­dan­do a sbat­te­re con­tro il jet e non sa­rà di­ver­ten­te”. Pri­ma dell'ur­to sa­pe­vo già che sa­reb­be scop­pia­to un brut­to in­cen­dio. E co­sì è sta­to. Ho vi­sto le fiam­me e il mio ca­sco si è un po' bru­cia­to» .

Mon­toya è usci­to da so­lo dall'abi­ta­co­lo e si mes­so a cam­mi­na­re in mez­zo al pra­to. An­che Dua­ne Bar­nes, che era al­la gui­da dell'au­to­mez­zo, è ri­ma­sto il­le­so. Dopo l'incidente il co­lom­bia­no ha pas­sa­to ven­ti mi­nu­ti al “me­di­cal cen­ter” del cir­cui­to: «Non è cer­to que­sto il mo­do in cui vor­re­sti fi­ni­re la 500 Mi­glia - ha sot­to­li­nea­to - mi fa fa ma­le un pie­de, sta­vo fre­nan­do e nell'ur­to è fi­ni­to sot­to al pe­da­le» . La cau­sa dell'incidente è stata pro­ba­bil­men­te un gua­sto. «Non an­da­vo for­te - ha con­clu­so Mon­toya - ma ogni vol­ta che da­vo gas sen­ti­vo uno slit­ta­men­to, poi all'im­prov­vi­so la mac­chi­na si è gi­ra­ta sul­la de­stra» . TWIT­TER - È il se­con­do stra­no incidente che ca­pi­ta a Day­to­na in tre an­ni: nel 2010 la cor­sa fu so­spe­sa due ore per un buco nel­la pi­sta. Ma que­sta vol­ta l'incidente di Mon­toya è an­da­to an­che in di­ret­ta su Twit­ter, fo­to e com­men­ti po­sta­ti da un al­tro pi­lo­ta, Brad Ke­se­lo­w­ki, dal­la pro­pria mac­chi­na, si­cu­ra­men­te la pri­ma vol­ta che ca­pi­ta nel­la sto­ria del­le cor­se. (roz/ecp)

L’au­to con­tro un ca­mion ca­ri­co di car­bu­ran­te: per Mon­toya tan­ta pau­ra e il ca­sco bru­cia­to

(Ap)

Il ca­mion in fiam­me ap­pe­na col­pi­to dal­la vet­tu­ra

Da si­ni­stra i soc­cor­si, la vet­tu­ra di Juan Pa­blo Mon­toya di­strut­ta, il pi­lo­ta, 36 an­ni, il­le­so dopo l’incidente (Reuters)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.