Al la­vo­ro in si­len­zio: la Juve va avan­ti con la sua stra­te­gia

Corriere dello Sport - - Calcio | Serie A - Do­me­ni­co La­ta­glia­ta/ass

TO­RI­NO - Il pre­si­den­te Andrea Agnel­li e il con­si­glie­re di am­mi­ni­stra­zio­ne Pa­vel Ned­ved, im­pec­ca­bi­le con la sua cra­vat­ta blu, ar­ri­va­no al cen­tro spor­ti­vo di Vi­no­vo ap­pe­na pri­ma dell’ora di pran­zo. Il grup­po, sot­to­po­sto­si in giornata a una dop­pia se­du­ta di al­le­na­men­to, è quel­lo che è: man­ca­no die­ci na­zio­na­li, di cui set­te ita­lia­ni, ma la vo­ce del pa­dro­ne è ri­suo­na­ta lo stes­so. Nes­su­na ra­man­zi­na, ci man­che­reb­be al­tro: so­lo il de­si­de­rio di mo­strar­si vi­ci­ni al­la squa­dra e al suo al­le­na­to­re all’ini­zio di una set­ti­ma­na che si con­clu­de­rà sa­ba­to con il mat­ch ca­sa­lin­go con­tro il Chie­vo. So­prat­tut­to, la vo­lon­tà di fa­re ca­pi­re an­che a chi non è par­ti­to per le na­zio­na­li la par­ti­co­la­ri­tà del mo­men­to: tut­ti uni­ti, tut­ti con Con­te, tut­ti con la Juve e per la Juve. Tut­ti con la te­sta bas­sa, so­prat­tut­to: la­vo­ro, la­vo­ro e an­co­ra la­vo­ro. NO GRA­ZIE - Polemiche? Pre­go, ri­vol­ger­si da al­tre par­ti. In ca­sa Ju­ven­tus, dopo il fi­schio fi­na­le dell’arbitro Ta­glia­ven­to sa­ba­to se­ra a San Si­ro, nes­sun di­ri­gen­te ha più pre­so la pa­ro­la. Non lo ha fat­to Agnel­li, non lo ha fat­to Ma­rot­ta e non lo ha fat­to nem­me­no Ned­ved a Du­bli­no, do­me­ni­ca se­ra in oc­ca­sio­ne di una pre­mia­zio­ne che lo ha vi­sto pro­ta­go­ni­sta. To­ni bas­si e pe­da­la­re. Ver­so un tra­guar­do che pa­re sem­pre più rag­giun­gi­bi­le a pat­to, ap­pun­to, che ri­man­ga­no en­tu­sia­smo, uni­tà di in­ten­ti e vo­glia di sa­cri­fi­car­si l’un per l’al­tro. La Ju­ven­tus da una par­te, il re­sto del mon­do (cal­ci­sti­co) dall’al­tra: pa­re un po’ una stra­te­gia si­mi­le a quel­la uti­liz­za­ta da Mou­ri­n­ho ovun­que sia an­da­to, ma­ga­ri co­sì è e co­mun­que l’im­por­tan­te è il ri­sul­ta­to fi­na­le. Fi­no­ra ha fun­zio­na­to, non è det­to che non pos­sa con­ti­nua­re a far­lo. In ogni ca­so, la Si­gno­ra si è ri­co­strui­ta un’iden­ti­tà e, per dir­la con Buf­fon, «sia­mo tor­na­ti a da­re fa­sti­dio, la co­sa mi pia­ce» . Af­fer­ma­zio­ne che fa il pa­io con quel­la pro­nun­cia­ta al­la vi­gi­lia del­la tra­sfer­ta di Milano da Con­te, se­con­do cui «la co­sa più bel­la è ave­re re­sti­tui­to ai nostri ti­fo­si una vi­gi­lia co­me si de­ve» .E dal mo­men­to che, al net­to di sva­rio­ni e svi­ste, la clas­si­fi­ca è an­co­ra lì che sor­ri­de ai co­lo­ri bian­co­ne­ri, tan­to vale cre­der­ci e non mol­la­re l’os­so. SERENITA’ - Quel­lo che tra­pe­la da Vi­no­vo e dal­le stan­ze di cor­so Ga­li­leo Fer­ra­ris è una to­ta­le tran­quil­li­tà. La Ju­ven­tus è con­vin­ta di ave­re agi­to per il me­glio e lì fi­ni­sce tutto. L’arbitro ha sba­glia­to? Era già suc­ces­so in al­tre cir­co­stan­ze. Il Mi­lan si è in­fu­ria­to? Ognu­no fa quel­lo che vuo­le: noi non in­ten­dia­mo met­te­re an­co­ra car­ne sul fuo­co e co­mun­que sul­la que­stio­ne ar­bi­tra­le ab­bia­mo già det­to quel­lo che ci in­te­res­sa­va. Ov­via­men­te non in ma­nie­ra uf­fi­cia­le, que­sto è il to­no del­le rea­zio­ni. Poi è chia­ro che pri­ma o poi an­che la di­ri­gen­za do­vrà tor­na­re sull’ar­go­men­to, ma per il mo­men­to nes­su­no sen­te il bi­so­gno di far­lo. Né al mo­men­to è da­to a sa­pe­re se ve­ner­dì, in oc­ca­sio­ne del­la riu­nio­ne di Le­ga, Ma­rot­ta e/o Agnel­li pren­de­ran­no la pa­ro­la: for­se sì o for­se no. L’im­pres­sio­ne pe­rò è che di Ta­glia­ven­to e dei suoi er­ro­ri, di Buf­fon e del fuo­ri­gio­co di Ma­tri si cer­che­rà di par­la­re il me­no pos­si­bi­le. Se poi pe­rò ar­ri­ve­ran­no ul­te­rio­ri pro­vo­ca­zio­ni, al­lo­ra qual­cu­no pren­de­rà la pa­ro­la. In­tan­to, sem­pre ve­ner­dì sa­rà giornata di vi­gi­lia e Con­te, pre­sen­tan­do la par­ti­ta con­tro il Chie­vo, non po­trà esi­mer­si dall’espri­me­re un pa­re­re sull’in­te­ro ac­ca­du­to. A Co­ver­cia­no, lu­ne­dì, se ne è ri­ma­sto qua­si in di­spar­te e co­mun­que lon­ta­no da tac­cui­ni e mi­cro­fo­ni men­tre Al­le­gri si mo­stra­va se­re­no e qua­si scher­zo­so: mo­di di­ver­si di vi­ve­re il mo­men­to, pun­to. A Con­te ba­sta il mon­do Juve, que­sto è quan­to: par­lot­ta­re mez­zo­ra con Ned­ved a bor­do campo e stri­glia­re la squa­dra co­me si de­ve so­no il mo­do mi­glio­re per la­sciar­si al­le spal­le gior­na­te qua­si de­li­ran­ti. Spe­ran­do non ce ne sia­no al­tre.

Il pre­si­den­te Andrea Agnel­li

Ie­ri Agnel­li e Ned­ved era­no a Vi­no­vo: nes­sun ri­tor­no su sa­ba­to se­ra. Stes­sa co­sa po­treb­be ac­ca­de­re ve­ner­dì in Le­ga. Poi par­le­rà Con­te...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.