Juve in sa­li­ta per Ca­ce­res

Esor­dio e dop­piet­ta al Mi­lan in Cop­pa Ita­lia, poi è spa­ri­to. Ma con il Chie­vo...

Corriere dello Sport - - Calcio | Serie A - Do­me­ni­co La­ta­glia­ta/ass

TO­RI­NO - Mi­nu­to 53 di Mi­lan-ju­ven­tus, an­da­ta del­la se­mi­fi­na­le di Cop­pa Ita­lia: ti­ro di Bor­riel­lo, re­spin­ta di Ame­lia e tap in vin­cen­te da sot­to mi­su­ra. Mi­nu­to 83: pal­la al li­mi­te dell’area, con­trol­lo ve­lo­ce e de­stro che si in­fi­la sot­to l’in­cro­cio dei pa­li con Ame­lia che non può fa­re al­tro che guar­da­re e al­lar­ga­re le brac­cia. L’esor­dio bis di Mar­tin Ca­ce­res con la ma­glia bian­co­ne­ra - a To­ri­no ave­va già gio­ca­to nel­la sta­gio­ne 2009-10 col­le­zio­nan­do 15 pre­sen­ze - non po­te­va es­se­re mi­glio­re: un jol­ly di­fen­si­vo che se­gna due re­ti a San Si­ro, per­met­ten­do al­la squa­dra di fa­re un de­ci­so pas­so avan­ti ver­so la fi­na­le del­la se­con­da ma­ni­fe­sta­zio­ne na­zio­na­le, non è ro­ba che suc­ce­da tut­ti i gior­ni. L’ex gio­ca­to­re del Siviglia si era go­du­to la se­ra­ta e i com­pli­men­ti di tut­ti, do­ven­do pe­rò an­che pren­de­re at­to del­la dif­fi­col­tà di Con­te a dir­si sod­di­sfat­to di quan­to vi­sto. «E’ sta­to bra­vo a se­gna­re due gol, ma la fa­se di­fen­si­va va mi­glio­ra­ta» , ave­va spie­ga­to il tec­ni­co sa­len­ti­no. «E’ ve­ro, ha ra­gio­ne il mi­ster» , la re­pli­ca del su­da­me­ri­ca­no. Il qua­le del re­sto era sta­to schie­ra­to co­me ester­no nel­la li­nea a cin­que di cen­tro­cam­po, ruo­lo pro­pria­men­te non suo e al qua­le si era co­mun­que adat­ta­to per per­met­te­re a Li­ch­tstei­ner di ti­ra­re un po’ il fia­to dopo ave­re ti­ra­to la car­ret­ta per me­si. CAMPIONATO - Ar­chi­via­ta la Cop­pa Ita­lia con un sor­ri­so a 32 den­ti, for­se lo stes­so Ca­ce­res si aspet­ta­va di po­ter con­ce­de­re il bis an­che in campionato. In­ve­ce la mu­si­ca è cam­bia­ta in fret­ta: spic­cio­li di ga­ra a Par­ma, so­sti­tuen­do pro­prio Li­ch­tstei­ner in un fi­na­le in cui si cer­ca­va­no for­ze nuo­ve per sbloc­ca­re il ri­sul­ta­to, so­lo pan­chi­na con­tro il Ca­ta­nia e il Mi­lan. Dei 270’ di­spo­ni­bi­li sul­la car­ta, «El Pe­la­do» ne ha gio­ca­ti po­co più di cin­que no­no­stan­te lo sfol­go­ran­te «riec­co­mi» ur­la­to nel­la not­te del Meaz­za. Non una boc­cia­tu­ra, ov­vio: sem­mai il de­si­de­rio, da par­te di Con­te, di non stra­vol­ge­re un mec­ca­ni­smo che fi­no­ra ha fun­zio­na- to più che be­ne vi­sto che la di­fe­sa bian­co­ne­ra è da me­si la me­no bat­tu­ta del campionato. Sic­co­me pe­rò Ca­ce­res è sta­to for­te­men­te vo­lu­to dal­lo stes­so al­le­na­to­re, c’è da aspet­tar­si che lo stes­so ven­ga uti­liz­za­to quan­to pri­ma: ma­ga­ri già sa­ba­to se­ra nel mat­ch ca­sa­lin­go con­tro il Chie­vo. Re­sta da ca­pi­re al po­sto di qua­le com­pa­gno e, so­prat­tut­to, in qua­le ruo­lo. LI­NEA - Se Con­te con­fer­me­rà il 3-5-2, l’ipo­te­si più plau­si­bi­le è quel­la di un tur­no di ri­po­so per Bar­za­gli, ve­ro sta­ka­no­vi­sta che fi­no­ra non ha sal­ta­to una so­la par­ti­ta né di campionato né di Cop­pa Ita­lia: Ca­ce­res si piaz­ze­reb­be in­som­ma al­la de­stra di Bo­nuc­ci, che com­ple­te­reb­be il re­par­to in­sie­me a Chiel­li­ni. L’al­tra pos­si­bi­li­tà è che Con­te op­ti per il ri­tor­no al 4-3-3: a quel pun­to, es­sen­do quel­lo un mo­du­lo che il neo ju­ven­ti­no co­no­sce al­la per­fe­zio­ne, au­men­te­reb­be­ro an­cor più le pos­si­bi­li­tà di ve­der­lo in campo po­ten­do es­se­re schie­ra­to in­dif­fe­ren­te­men­te su una del­le due fa­sce la­te­ra­li o an­che in mez­zo al­la re­tro­guar­dia stes­sa. A quel pun­to l’in­di­zia­to nu­me­ro uno per guar­da­re gli al­tri dal­la pan­chi­na sa­reb­be Bo­nuc­ci, in­suf­fi­cien­te con­tro il Mi­lan al di là dell’epi­so­dio che ha por­ta­to al gol di No­ce­ri­no.

In campionato fi­no­ra ha gio­ca­to po­co più di 5’ (quel­li fi­na­li a Par­ma) Nel frat­tem­po ha la­vo­ra­to mol­to sul­la fa­se di­fen­si­va Con­te lo può ri­pro­por­re sa­ba­to con­tro i ve­ne­ti: co­me cen­tra­le nel 3-5-2 o co­me la­te­ra­le su una del­le due fa­sce nel 4-3-3

BAR­CEL­LO­NA - Nel frat­tem­po, og­gi Ca­ce­res gio­che­rà con la pro­pria na­zio­na­le a Bu­ca­re­st con­tro la Ro­ma­nia. La Juve pe­rò lo aspet­ta, cer­ta di ri­ce­ver­ne poi un ap­por­to con­cre­to di qui al­la fi­ne del­la sta­gio­ne. Lui, che se­con­do il si­to www.fi­cha­ses.com in­te­res­se­reb­be an­che al Man­che­ster Uni­ted, ha co­mun­que già di­mo­stra­to di ave­re le idee chia­re e di non ave­re pau­ra di espor­le: «Se con­ti­nue­re­mo co­sì, non man­ca tan­to per ar­ri­va­re al li­vel­lo del Ba­rça. Se riu­scis­si­mo a imi­ta­re i ca­ta­la­ni, sa­reb­be fan­ta­sti­co. Per ora, pe­rò, me­glio con­cen­trar­ci par­ti­ta dopo par­ti­ta cer­can­do di fa­re sem­pre il me­glio pos­si­bi­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.