Ca­va­ni: Na­po­li è ca­sa mia

«Chiun­que vor­reb­be gio­ca­re in un grande club e que­sto è il mio grande club»

Corriere dello Sport - - Calcio | Serie A - Dal­la re­da­zio­ne An­to­nio Giordano

NA­PO­LI - Ma­ra­do­na è me­gl‘e Pe­lè: e ora che l’arit­me­ti­ca ha of­fer­to (sta­ti­sti­ca­men­te) un’al­tra opi­nio­ne, el ma­ta­dor Ca­va­ni può an­dar­se­ne in gi­ro per il Mon­do - sen­za aver l’in­ten­zio­ne di vo­ler ap­pa­ri­re sa­cri­le­go - con la sua au­reo­la da can­no­nie­re im­pe­ni­ten­te, quel­lo 0,70 di me­dia-gol che schiac­cia per­si­no Sua Maestà il cal­cio fer­ma­to­si a 0,44, e la fe­li­ci­tà le­git­ti­ma di chi sa d’es­se­re spin­to in al­to tra gli elet­ti, al fian­co d’un Dio mag­gio­re. «Io so­no or­go­glio­so di ciò. Scel­si Na­po­li, due an­ni fa, per­ché ave­vo vo­glia di cre­sce­re e ma­tu­ra­re in un am­bien­te sti­mo­lan­te: ho ri­ce­vu­to tan­ta fi­du­cia e ora de­vo ri­cam­bia­re». Ve­di Na­po­li e poi ri­na­sci, in una pri­ma gio­vi­nez­za scan­zo­na­ta e ga­ia, cin­quan­ta­sei re­ti in ap­pe­na ot­tan­ta par­ti­te, die­ci dop­piet­te e cin­que tri­plet­te, un’eco spar­sa sull’uni­ver­so at­tra­ver­so Es­pn du­ran­te «Ha­ble­mos de fut­bol», il megafono per go­der­si tutto Ca­va­ni dal­la A al­la Cham­pions: «So­no in una cit­tà che mi ha ac­col­to be­nis­si­mo e che mi ha im­me­dia­ta­men­te ama­to. Io qui mi so­no sen­ti­to su­bi­to co­me a ca­sa mia. Chiun­que vor­reb­be gio­ca­re in un grande club e il Na­po­li per me è il mio grande club». EDYGOL - Un an­no e mez­zo per in­can­ta­re il san Pao­lo, per pren­de­re a pal­la­te il Vec­chio Con­ti­nen­te e co­strui­re una gio­stra per­so­na­le, at­tra­ver­so la qua­le of­fri­re gio­ia e re­ga­lar­si emo­zio­ni: il Ca­va­ni dall’ago­sto del 2010 al feb­bra­io del 2012, quel fa­me­li­co av­vol­to­io ca­ta­pul­ta­to in una del­le are­ne più en­tu­sia­sman­ti d’eu­ro­pa, è un on­ni­vo­ro che non fa di­stin­zio­ni, mal­trat­ta la Ju­ven­tus & il Mi­lan, il Chel­sea & il Man­che­ster Ci­ty, e pe­rò in­tan­to con­ti­nua ad da­re un’oc­chia­ta all’oriz­zon­te, in cui c’è il pro­fi­lo az­zur­ro del­la pro­pria se­re­ni­tà: «Sto at­tra­ver­san­do un mo­men­to fan­ta­sti­co, in­di­men­ti­ca­bi­le, pe­rò de­vo man­te­ne­re PO­CHO DA PAZ­ZI - La gal­le­ria d’una esi­sten­za me­ra­vi­glio­sa è in af­fre­schi den­si di sen­si­bi­li­tà, in slan­ci d’af­fet­to e di sim­pa­tia ver­so quei sei mi­lio­ni di ti­fo­si spar­si nel mon­do ( «ti­fo bel­lis­si­mo» ) e in at­te­sta­ti di sti­ma in­di­scu­ti­bi­le nei con­fron­ti di part­ner cal­ci­sti­ci di­ve­nu­ti ami­ci, qua­si mo­del­li da emu­la­re e co­mun­que sim­bo­li di un grup­po che sa vi­ve­re in sim­bio­si: Na­po­li è Edin­son Ca­va­ni, ve­ro, ma Na­po­li è an­che Eze­quiel Lavezzi, la sim­pa­ti­ca ca­na­glia che ar­ma el ma­ta­dor e lo de­li­zia, fi­no a con­qui­star­lo: «Per­ché Lavezzi è for­tis­si­mo e vuo­le sem­pre vin­ce­re. E’ un gio­ca­to­re straor­di­na­rio, che dà sem­pre il mas­si­mo. At­tac­ca, at­tac­ca, at­tac­ca in con­ti­nua­zio­ne e que­sto è im­por­tan­te. E poi for­ma­re con lui il tandem of­fen­si­vo del Na­po­li mi ren­de fie­ro di me. Io so che l’ho sem­pre avu­to al mio fian­co, l’ho sen­ti­to vi­ci­no dai miei pri­mi gior­ni».

«Fa­re cop­pia con Lavezzi mi ren­de fie­ro di me. Lui è uno for­tis­si­mo, uno che dà sem­pre il mas­si­mo»

la cal­ma e con­ti­nua­re a la­vo­ra­re con pro­fes­sio­na­li­tà: io so di do­ver mi­glio­ra­re e vo­glio far­lo. Lo pos­so fa­re in que­sta so­cie­tà e tra que­sta gen­te che mi han­no as­si­cu­ra­to sem­pre la stes­sa ar­mo­nia che ho tro­va­to nel­la Seleccion».

«Qui ho avu­to tan­ta fi­du­cia e ora de­vo ri­cam­bia­re. Per me que­sto è un mo­men­to in­di­men­ti­ca­bi­le»

IL MIO GRANDE CLUB - Cin­quan­ta­sei dia­po­si­ti­ve di Ca­va­ni, ap­pe­se lì, in ra­pi­dis­si­ma sequenza: si par­te da Bo­ras, in Sve­zia, si ap­pro­da a Fuo­ri­grot­ta, con il Chel­sea, si di­va­ga, si aspet­ta il mar­zo paz­zo in cui c’è tutto, la Cham­pions, la cor­sa al ter­zo po­sto, la se­mi­fi­na­le di cop­pa Ita­lia, rac­chiu­so in quel sen­so d’ap­par­te­nen­za che pa­re una di­chia­ra­zio­ne d’amo­re. «Qual­sia­si cal­cia­to­re vor­reb­be far par­te di un pro­get­to im­por­tan­te e lot­ta­re ogni an­no per obiet­ti­vi am­bi­zio­si, pre­sti­gio­si. Il sal­to di qua­li­tà? Io vi­vo tran­quil­lo e su­do la ma­glia ogni vol­ta, co­sì co­me fac­cio con quel­la del­la mia Na­zio­na­le. E il Na­po­li per me è un grande club». Oh mam­ma, mam­ma, mam­ma... Edin­son Ca­va­ni, 25 an­ni com­piu­ti il gior­no di San Va­len­ti­no, è al­la sua se­con­da sta­gio­ne a Na­po­li (AP) In que­sti gior­ni l’attaccante è in Ro­ma­nia con l’uru­guay di Ta­ba­rez, che sa­rà in campo que­sta se­ra a Bu­ca­re­st

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.