Cam­biò il ba­sket

Nes­sun fil­ma­to, un so­lo gior­na­li­sta pre­sen­te «Wilt era in tran­ce, non lo fer­ma­va nes­su­no»

Corriere dello Sport - - Basket | La Storia Di Una Gara Memorabile - Andrea Ba­roc­ci

«Ser­vi­te Wilt, ser­vi­te Wilt! » ur­la­va il pub­bli­co. Cle­ve­land Buc­k­ner, cen­tro di ri­ser­va dei New York Knicks, ave­va or­mai su­pe­ra­to lo sta­dio del­la di­spe­ra­zio­ne: ades­so era vi­ci­no al­le la­cri­me. Quel­le dan­na­te 4124 per­so­ne del­la Her­shey Are­na, non lon­ta­no da Phi­la­del­phia, con­ti­nua­va­no a gri­da­re «ser­vi­te Wilt! » sen­za al­cu­na pie­tà per lui, che il de­sti­no ave­va co­stret­to a mar­ca­re il 2 mar­zo del 1962 un uo­mo im­mar­ca­bi­le. «Ma­le­det­ta par­ti­ta... Sta per fi­ni­re pe­rò - si ri­pe­te­va Buc­k­ner - Man­ca­no so­lo 50 se­con­di ».

Poi Wilt Cham­ber­lain ini­ziò a mu­li­na­re vor­ti­co­sa­men­te le brac­cia: il pas­sag­gio in mez­zo all'area, la pal­la nel­le enor­mi ma­ni di quel de­mo­nio ne­ro. La schiac­cia­ta. Il boa­to: 100 pun­ti. La leg­gen­da. Quel suo re­cord, co­sì fol­le da ri­ma­ne­re an­co­ra inat­tac­ca­bi­le 50 an­ni dopo (ci ha pro­va­to Ko­be Bryant, ma ar­ri­vò “so­lo” a quo­ta 81 nel 2006) ha

Tre ore pri­ma di quel­la ga­ra era en­tra­to in una sa­la gio­chi fa­cen­do il fe­no­me­no an­che nel ti­ro a se­gno

cam­bia­to la sto­ria del ba­sket, dello sport, di un uo­mo dal fi­si­co scul­to­reo con­si­de­ra­to un Dio da­gli av­ver­sa­ri, un per­den­te dai suoi de­trat­to­ri e “in­su­pe­ra­bi­le”, in tut­ti i sen­si, dal­le don­ne. Un re­cord per mol­ti ver­si ano­ma­lo. Non per l’im­pre­sa in se stes­sa, ma a cau­sa dei sin­go­la­ri even­ti che l’han­no ac­com­pa­gna­ta. SA­LA GIO­CHI - Tre ore pri­ma del­la par­ti­ta Wilt, ac­com­pa­gna­to da una bel­la don­na, e com­pa­gni, non sa­pen­do co­me pas­sa­re il tem­po, en­tra­ro­no in una sa­la gio­chi. Cham­ber­lain ini­ziò a gio­ca­re a qual­sia­si co­sa che gli ca­pi­tas­se per le le ma­ni. Flip­per, bi­liar­do, so­prat­tut­to ti­ro a se­gno:vin­ce­va sem­pre lui. «Sta­se­ra so­no cal­do» , dis­se con il suo vo­cio­ne . E uscì dal locale per an­da­re incontro al suo de­sti­no. «Avre­ste do­vu­to ve­der­mi con quel fu­ci­le ad aria com­pres­sa in ma­no: col­pi­vo ogni ber­sa­glio, sta­vo bat­ten­do ogni re­cord» PO­CHI TE­STI­MO­NI - Era una par­ti­ta di fi­ne sta­gio­ne, Phi­la­del­phia si era già qua­li­fi­ca­ta per i play off, New York era già fuo­ri. In­som­ma, là den­tro c’era­no po­chi spet­ta­to­ri, un so­lo gior­na­li­sta, Har­vey Pol­lack, e nep­pu­re un fo­to­gra­fo (ar­ri­va­ro­no di cor­sa all’ini­zio del ter­zo quar­to, quan­do Wilt ave­va già mes­so den­tro 41 pun­ti). «Di quel­la par­ti­ta non esi­ste nean­che un fil­ma­to - ri­cor­dò lui qual­che an­no pri­ma del­la sua mor­te - So­lo una grac­chian­te re­gi­stra­zio­ne au­dio dal­la ra­dio. Co­sì è ri­ma­sta av­vol­ta nel mi­ste­ro» INAR­RE­STA­BI­LE - Wilt ini­ziò co­me suo so­li­to se­gnan­do a raf­fi­ca, ma vi­sto che toc­ca­va spes­so quo­ta 60 o 70, nes­su­no ci fe­ce mol­to ca­so. «Fu all'ini­zio del se­con­do tem­po che ca­pim­mo quel­lo che sta­va ac­ca­den­do - spie­gò Paul Ari­zin, suo com­pa­gno di squa­dra in quel­la not­te ma­gi­ca - Wilt era in tran­ce: lo mar­ca­va­no in due, in tre, gli fa­ce­va­no fal­lo spe­ran­do che sba­glias­se i li­be­ri, e in­ve­ce lui met­te­va den­tro pu­re quel­li». Fi­nì 169-147 in fa­vo­re di Phi­la­del­phia, con Cham­ber­lain qua­si ine­be­ti­to per l’enor­mi­tà dell’im­pre­sa. Har­vey Pol­lack lo se­guì nel­lo spo­glia­to­io, scris­se 100 su un fo­glio, glie­lo mi­se in ma­no e gri­dò al fo­to­gra­fo: «Scat­ta! ». Nac­que co­sì una del­le fo­to più fa­mo­se del mon­do dello sport: Wilt guar­da ver­so l’obiet- L’«AL­TRO» RE­CORD - I 100 pun­ti so­no cer­ti­fi­ca­ti, il re­cord a cui Wilt te­ne­va di più no pe­rò. 20.000: so­ste­ne­va di es­se­re an­da­to a let­to con 20.000 don­ne. Co­me scris­se nel­la sua autobiografia "Uno sguar­do dall'al­to", «al­la mia età equi­va­le al­la me­dia di 1,2 ra­gaz­ze al gior­no, ogni gior­no da quan­do ave­vo quin­di­ci an­ni. E di que­ste so­lo no­ve era­no spo­sa­te». Wilt era un fe­no­me­no: cor­re­va co­me un ve­lo­ci­sta, sal­ta­va fi­no a do­ve nes­su­no era mai ar­ri­va­to, si muo­ve­va co­me una pan­te­ra. Ed era uno dei gio­ca­to­ri più odia­ti tra i pro’. Per­chè era un ego­cen­tri­co, un edo­ni­sta, uno che fuo­ri dal par­quet vo­le­va tutto, pia­ce­va al­le gio­va­ni ra­gaz­ze bian­che e par­la­va sen­za pau­ra di ciò che l'america, ipo­cri­ta e mo­ra­li­sta, po­te­va pen­sa­re di lui. Il Mo­ham­med Ali del ba­sket

E’ mor­to a 63 an­ni, nel 1999: lo tro­va­ro­no nel­la sua ca­sa di Bel Air vit­ti­ma di un at­tac­co car­dia­co. La leg­gen­da vuo­le che aves­se sul vol­to lo stes­so sor­ri­so bef­far­do di quel­la not­te a Her­shey.

Ma il pri­ma­to di cui il pi­vot di 2,16 an­da­va più fie­ro era un al­tro: «So­no an­da­to a let­to con 20.000 ra­gaz­ze»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.