Ma­la­gò: Lo sport fa­rà ri­par­ti­re l’Ita­lia

«Ro­ma 2024 un trai­no per l’eco­no­mia»

Corriere dello Sport - - Front Page - Di Fu­rio Fe­de­le

Mo­re fle­xi­bi­li­ty, più fles­si­bi­li­tà. Que­sta è la mis­sion che si è da­to Gio­van­ni Ma­la­gò per ge­sti­re la re­sur­re­zio­ne del­lo sport ita­lia­no. Un’im­pre­sa stret­ta­men­te col­le­ga­ta al­la cre­sci­ta del Pae­se che può trar­re so­lo van­tag­gi da un set­to­re co­sì im­por­tan­te e vi­ta­le, non so­lo dal pun­to di vi­sta eco­no­mi­co.

IN­VIA­TO A DU­BAI - Mo­re fle­xi­bi­li­ty, più fles­si­bi­li­tà. Que­sta è la mis­sion che si è da­to Gio­van­ni Ma­la­gò per ge­sti­re la re­sur­re­zio­ne del­lo sport ita­lia­no. Un’im­pre­sa stret­ta­men­te col­le­ga­ta al­la cre­sci­ta del Pae­se che può trar­re so­lo van­tag­gi da un set­to­re co­sì im­por­tan­te e vi­ta­le, non so­lo dal pun­to di vi­sta eco­no­mi­co.

Il pre­si­den­te del Co­ni è sta­to uno dei pro­ta­go­ni­sti del­la se­con­da gior­na­ta del Glo­be Soc­cer di Du­bai do­ve ha evi­den­zia­to so­prat­tut­to la fat­ti­bi­li­tà di Ro­ma 2024. Un ap­pun­ta­men­to che po­treb­be ad­di­rit­tu­ra ri­vo­lu­zio­na­re il con­cet­to di Olim­pia­de e la sua or­ga­niz­za­zio­ne. Non a ca­so lo spa­zio ri­ser­va­to a Gio­van­ni Ma­la­gò e a Um­ber­to Gan­di­ni, di­ret­to­re or­ga­niz­za­ti­vo del Mi­lan, ave­va una grif­fe im­por­tan­te: Smart Or­ga­ni­za­tion, or­ga­niz­za­zio­ne in­tel­li­gen­te.

Do­ve il ma­de in Ita­ly po­treb­be ave­re un ruo­lo an­co­ra più im­por­tan­te gra­zie al­lo sport. Pre­si­den­te, che in­ci­den­za può ave­re la tra­sfor­ma­zio­ne del mo­do di fa­re sport sul­le sor­ti del no­stro Pae­se? « In que­sto mo­men­to rap­pre­sen­tia­mo l’1,7 per cen­to del pro­dot­to in­ter­no lor­do. In 5 an­ni po­trem­mo ar­ri­va­re al 3 per cen­to con la rea­liz­za­zio­ne dei no­stri gran­di pro­get­ti spor­ti­vi». Ro­ma 2024 sa­rà il ful­cro di que­sta ri­vo­lu­zio­ne? «Sì, ma sa­rà an­ti­ci­pa­ta, se ver­re­mo scel­ti dal Cio, dal­la pos­si­bi­li­tà di po­ter ospi­ta­re i Mon­dia­li di rugby nel 2023 men­tre nel 2025 la Ca­pi­ta­le si prepara a un nuo­vo Giu­bi­leo, un ap­pun­ta­men­to che fa­rà da trai­no per le rea­liz­za­zio­ni di al­cu­ne ope­re in co­mu­ne con quel­le spor­ti­ve». Ro­ma si sta pre­pa­ran­do a un al­tro gran­de av­ve­ni­men­to, gli Eu­ro­pei di cal­cio 2020. «Cer­to. Sa­rà una del­le 13 se­di pre­scel­te per ce­le­bra­re i 60 an­ni di que­sta com­pe­ti­zio­ne con la for­mu­la che coin­vol­ge­rà più na­zio­ni. Si trat­ta di una lo­gi­ca giu­sta che è sta­ta bat­tez­za­ta dal Cio de­ci­so di ap­pli­ca­re una mag­gio­re fles­si­bi­li­tà per l’or­ga­niz­za­zio­ne dei gran­di even­ti». Il Co­ni ha de­ci­so già co­me muo­ver­si? «Sì, a pro­po­si­to del­la no­stra can­di­da­tu­ra per i Gio­chi del 2024 ab­bia­mo in­ten­zio­ne di pre­sen­ta­re un so­lo dos­sier per da­re più vi­go­re al­la no­stra po­si­zio­ne, ma è pre­vi­sta la pos­si­bi­li­tà di po­ter uti­liz­za­re va­rie se­di di ga­ra».

Co­me mai que­sta scel­ta? « Re­sta va­li­da l’uni­ci­tà del­la can­di­da­ta, Ro­ma, che ospi­te­rà la ce­ri­mo­nia inau­gu­ra­le e il Vil­lag­gio olimpico. Ma poi è chia­ro che, co­me in­se­gna l’espe­rien­za di Pe­chi­no, ci sa­reb­be la ne­ces­si­tà di po­ter es­se­re iti­ne­ran­ti su qua­si tut­to il ter­ri­to­rio na­zio­na­le».

Co­sa suc­ces­se a Pe­chi­no? « Per rag­giun­ge­re, ad esem­pio, dal Vil­lag­gio olimpico gli im­pian­ti ri­ser­va­ti al ca­not­tag­gio e al­la ca­noa bi­so­gna­va im­pie­ga­re 3 ore di viag­gio. In Ita­lia con me­tà tem­po si può tran­quil­la­men­te rag­giun­ge­re un’altra cit­tà, crean­do an­che più in­te­res­se e più coin­vol­gi­men­to. Aven- do do­me epi­cen­tro Ro­ma, si po­trà usa­re il com­pas­so per po­ter in­di­vi­dua­re al­tri si­ti im­por­tan­ti». Più fles­si­bi­li­tà, è ve­ro, ma lo sport ita­lia­no avreb­be bi­so­gno di più im­pian­ti, so­prat­tut­to sta­di... « In­fat­ti, an­che in que­sto ca­so va­le lo stes­so di­scor­so: mo­re fle­xi­bi­li­ty. Ov­ve­ro: è inu­ti­le co­strui­re ex-no­vo o ri­strut­tu­ra­re im­pian­ti che, in real­tà, de­vo­no ospi­ta­re non più di 16-17 par­ti­te all’an­no di cal­cio. Il 50 per cen­to del­le qua­li an­che di bas­so li­vel­lo. Ci vo­glio­no dei con­tri­bu­ti ad­di­zio­na­li co­me il rugby, do­ve le di­men­sio­ni del ter­re­no di gio­co so­no mol­to si­mi­li a quel­le del cal­cio. Co­sì po­trem­mo am­mo­der­na­re sta­di che non han­no più re­go­le di ef­fi­cien­za co­me Bo­lo­gna, Fi­ren­ze, Ge­no­va e Ba­ri». Il cal­cio è si­cu­ra­men­te una pas­sio­ne im­por­tan­te per Giio­van­ni Ma­la­gò e, ov­via­men­te, è sem­pre mol­to at­ten­to an­che co­me pre­si­den­te del Co­ni. Co­me ha giu­di­ca­to la ri­chie­sta di Nic­chi di ab­bas­sa­re dal 66 al 55 per cen­to la so­glia per l’ele­zio­ne del pre­si­den­te dell’Aia al ter­zo man­da­to? «Si trat­ta di una que­stio­ne in­ter­na al mon­do del cal­cio e, quin­di, pri­ma di fa­re qual­sia­si com­men­to o di­chia­ra­zio­ne de­vo pri­ma con­sul­tar­mi con il pre­si­den­te del­la Fe­der­cal­cio Ta­vec­chio». C’è gran­de at­te­sa, quin­di, per Ro­ma 2024. Su qua­li ba­si pog­gia la can­di­da­tu- ra del­la Ca­pi­ta­le? «Tut­te le pro­ce­du­re sa­ran­no ri­go­ro­sa­men­te tra­spa­ren­ti e tut­te le ope­re sa­ran­no low co­st so­lo con il coin­vol­gi­men­to dei pri­va­ti per evi­ta­re che nes­su­no pos­sa di­re che ven­go­no sper­pe­ra­ti sol­di pub­bli­ci. Ci vor­rà mol­to co­rag­gio, ma di­mo­stre­re­mo di aver­lo». Gio­van­ni Ma­la­gò vuo­le ri­da­re di­gni­tà al­lo sport ita­lia­no, can­cel­lan­do an­che epi­so­di as­sai spia­ce­vo­li del pas­sa­to. « La fles­si­bi­li­tà po­trà an­che aiu­tar­ci a con­qui­sta­re, fi­nal- men­te, l’or­ga­niz­za­zio­ne di una gran­de ma­ni­fe­sta­zio­ne co­me gli Eu­ro­pei di cal­cio. La “boc­cia­tu­ra” in­cas­sa­ta quan­do poi ad or­ga­niz­zar­li so­no sta­te Po­lo­nia e Ucrai­na la con­si­de­ro an­co­ra og­gi una pa­gi­na as­sai umi­lian­te del­la no­stra sto­ria». Ma che co­sa man­ca dav­ve­ro in Ita­lia per po­ter fa­re il sal­to di qua­li­tà an­che nel­lo sport? «Una cul­tu­ra spe­ci­fi­ca che si può ot­te­ne­re so­lo edu­can­do in mo­do spe­ci­fi­co le per­so­ne. In que­sto ca­so di­ven­ta­no fon­da­men­ta­li le fa­mi­glie e la scuo­la. Co­no­scen­do lo sport se ne ri­spet­ta­no le re­go­le».

Fles­si­bi­li­tà «Eu­ro­pei di cal­cio ed Olim­pia­di in se­di di­ver­se Una lo­gi­ca nuo­va che con­di­vi­do» Ro­ma 2024 «Pro­ce­du­re tra­spa­ren­ti, ope­re low co­st e pri­va­ti coin­vol­ti Ci vor­rà co­rag­gio» Educazione «Per crea­re una ve­ra cul­tu­ra spor­ti­va so­no fon­da­men­ta­li scuo­la e fa­mi­glia»

Gio­van­ni Ma­la­gò è di­ven­ta­to un ve­ro e prop­trio am­ba­scia­to­re del­lo sport ita­lia­no. Per­chè an­che qui a Du­bai? «Per crea­re un pon­te fra l’Ita­lia e que­sta zo­na del mon­do. L’Ex­po 2020 ver­rà or­ga­niz­za­to qui a Du­bai. Del re­sto, non lo di­co io e non è me­ri­to mio, il Co­ni è l’or­ga­niz­za­zio­ne spor­ti­va di mag­gior pre­sti­gio e più po­te­re che l’Ita­lia van­ta nel mon­do».

ANSA

Gio­van­ni Ma­la­gò, 55 an­ni, ie­ri era a Du­bai per il Glo­be Soc­cer, il sum­mit mon­dia­le del cal­cio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.