ZE­MAN E’ UN MAE­STRO RIPARTIRO’ DAI SUOI SCHE­MI

«Il Cagliari ha i mez­zi per ri­lan­ciar­si. Da Con­ti a Ibar­bo: ab­bia­mo gio­ca­to­ri im­por­tan­ti»

Corriere dello Sport - - Cagliari -

to go­de del­la mia sti­ma ed è uno dei tec­ni­ci ai qua­li mi so­no ispi­ra­to. Io non sta­vo aspet­tan­do que­sta chia­ma­ta, ma so­no un pro­fes­sio­ni­sta e quan­do so­no ar­ri­va­ti i pri­mi con­tat­ti do­po l’eso­ne­ro, ho ini­zia­to a pren­der­la in con­si­de­ra­zio­ne. In più, vi­ven­do in In­ghil­ter­ra, l’idea prin­ci­pa­le era quel­la di sta­re lì». La­vo­re­rà sul­la fal­sa­ri­ga di quan­to fat­to da Ze­man? «Sa­reb­be un pec­ca­to per­de­re tut­to quel­lo che la squa­dra ha fat­to ne­gli ul­ti­mi sei me­si e quin­di non cam­bie­rà mol­to. Per me lui è un mae­stro quin­di par­ti­rò dal suo mo­du­lo cer­can­do di mi­glio­rar­lo, se pos­si­bi­le, e di ren­der­lo più fun­zio­na­le». Da spet­ta­to­re, co­me le è sem­bra­to il Cagliari? «L’ho vi­sto dal vi­vo in due oc­ca­sio­ni, con­tro il Ca­ta­nia in Cop­pa Ita­lia e con­tro il Mi­lan in cam­pio­na­to e in en­tram­be le ga­re mi ha fat­to un’ot­ti­ma im­pres­sio­ne e lo ave­vo det­to pub­bli­ca­men­te. Era una squa­dra pia­ce­vo­le da ve­de­re, poi for­se qual­che equi­li­brio si è rot­to, ma non cre­do che la squa­dra sia mol­to lon­ta­na da quel­lo che do­vreb­be es­se­re». Si è chie­sto co­sa non ha fun­zio­na­to? «Ze­man ha fat­to un ot­ti­mo la­vo­ro ma con uno se­rio e pre­pa­ra­to co­me lui non ci so­no dub­bi su que­sto, Pur­trop­po il no­stro la­vo­ro è fat­to di mo­men­ti di for­tu­na e ma­ga­ri non ce n’è sta­ta mol­ta». Co­me se ne esce? « Bi­so­gna crea­re su­bi­to le con­di­zio­ni per­ché i va­lo­ri che que­sto grup­po pos­sie­de, e ne ha di im­por­tan­ti, ven­ga­no fuo­ri. Cre­do che si pos­sa far be­ne». Un con­cet­to espres­so più vol­te an­che dal suo pre­de­ces­so­re ma non tra­dot­to pie­na­men­te sul cam­po. « For­se ci vuo­le un po’ di equi­li­brio in più, per­ché que­sta è una squa­dra che at­tac­ca be­nis­si­mo, ma che de­ve im­pa­ra­re a di­fen­de­re be­nis­si­mo. E i pri­mi a far­lo de­vo­no es­se­re pro­prio gli at­tac­can­ti,

Ec­co Gian­fran­co Zo­la (48 an­ni) con il pre­si­den­te Tommaso Giu­li­ni (37). ma so­no cer­to che pos­sa­no mi­glio­ra­re su que­sto pun­to». Quan­to con­te­ran­no le sue espe­rien­ze in In­ghil­ter­ra? «Pos­so tra­smet­te­re ai ra­gaz­zi il mo­do di ve­de­re il cal­cio che c’è an­che da al­tre par­ti. Un pri­mo pun­to im­por­tan­te è vi­ve­re nel mo­do giu­sto ed eli­mi­na­re tut­to il su­per­fluo, ma que­sto va­le sia nel cal­cio che nel­la vi­ta. A me ha fat­to cre­sce­re tan­to». Che dif­fe­ren­ze ci so­no con il pri­mo ar­ri­vo a Cagliari? «Co­me tan­ti an­ni fa ave­vo la con­vin­zio­ne, pur non es­sen­do più un gio­va­not­to, di po­ter da­re una ma­no al grup­po tra­smet­ten­do le mie espe­rien­ze im­por­tan­ti, ora, con la stes­sa vo­glia fa­rò il me­de­si­mo ra­gio­na­men­to da al­le­na­to­re. Non è fa­ci­le ma ho la pre­sun­zio­ne di di­re che so­no ar­ri­va­to con le mi­glio­ri in­ten­zio­ni di que­sto mon­do per

L’al­le­na­men­to di ie­ri nel cen­tro di As­se­mi­ni da­re una ma­no, an­che gra­zie al­le ot­ti­me per­so­ne che mi cir­con­da­no». Che ef­fet­to le ha fat­to ri­tro­va­re al­cu­ni dei suoi ex com­pa­gni? «Si­cu­ra­men­te bel­lo e per me sa­rà più fa­ci­le per­ché li co­no­sco già». Avran­no una po­si­zio­ne di van­tag­gio? «Ogni gio­ca­to­re si de­ve co­strui­re il suo pie­di­stal­lo da se. Ci so­no tan­ti ele­men­ti im­por­tan­ti e io so­no aper­to a qual­sia­si si­tua­zio­ne. Sa­ran­no lo­ro a fa­re la for­ma­zio­ne in ba­se a quel­lo che mi fa­ran­no ve­de­re nel cor­so del­la set­ti­ma­na». Ha già de­ci­so che mo­du­lo uti­liz­za­re? «Al Wat­ford ho usa­to la di­fe­sa a tre ma qui par­ti­re­mo con lo sche­ma che la squa­dra co­no­sce già. Ma­ga­ri in se­gui­to po­tre­mo la­vo­rar­ci per ave­re del­le al­ter­na­ti­ve, ma per il mo­men­to me­glio sta­re su co­se più co­no­sciu­te». Che Cagliari si de­vo­no aspet­ta­re i ti­fo­si? «Non cer­to una squa­dra che sta­rà die­tro a fa­re un cal­cio di­fen­si­vi­sta. E’ un grup­po che è na­to per of­fen­de­re e do­vrà con­ti­nua­re a far­lo, par­ten­do già da die­tro». E’ una ro­sa che va be­ne co­sì o ha già chie­sto al pre­si­den­te qual­che cor­ret­ti­vo? « Pri­ma di fa­re qual­sia­si di­scor­so mi sem­bra op­por­tu­no ve­de­re i ra­gaz­zi al la­vo­ro, an­che per­ché mi è ca­pi­ta­to in al­tre oc­ca­sio­ni di es­ser­mi fat­to un’idea su un gio­ca­to­re e poi di cam­biar­la do­po aver­lo avu­to a di­spo­si­zio­ne. Ab­bia­mo fat­to una pri­ma va­lu­ta­zio­ne ma per es­se­re più pre­ci­si ci vor­rà un po’ di tem­po». Co­me si aspet­ta di tro­va­re la squa­dra? «Quan­do ci so­no cam­bi del ge­ne­re, la si­tua­zio­ne è un po’ al­te­ra­ta e quin­di il pri­mo ob­biet­ti­vo è crea­re di nuo­vo quel­la nor­ma­li­tà fon­da­men­ta­le per la­vo­ra­re be­ne. Poi ci vor­rà equi­li­brio di squa­dra per­ché trop­po spes­so i ra­gaz­zi mi so­no sem­bra­ti po­co equi­li­bra­ti so­prat­tut­to in fa­se di tran­si­zio­ne ne­ga­ti­va».

L’obiet­ti­vo «Spe­ro di riu­sci­re a da­re equi­li­brio a una squa­dra che do­vrà at­tac­ca­re e an­che di­fen­de­re» Il mercato «Pri­ma vo­glio va­lu­ta­re be­ne il grup­po. Ab­bia­mo ta­len­ti co­me Ek­dal Cri­se­tig e Lon­go»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.