«Noi sia­mo co­me Flo­ren­zi: sca­la­ta ver­so un so­gno»

Corriere dello Sport - - L'INCONTRO -

La Ro­ma ce l’ha nel Dna. Il suo ca­pi­ta­no è Fran­ce­sco Tot­ti, «che ho co­no­sciu­to qual­che an­no fa a Tri­go­ria, men­tre sua mo­glie Ila­ry ha cu­ra­to un ser­vi­zio su di noi a “Le Ie­ne”», e il so­gno scu­det­to è an­co­ra lì che fa ca­po­li­no, «an­che se su­pe­ra­re la Juve non sa­rà fa­ci­le: so­no un ti­fo­so ma so es­se­re rea­li­sta». Gian­lu­ca Gi­no­ble sor­ri­de: «La pri­ma vol­ta che so­no an­da­to al­lo sta­dio c’era an­co­ra la Ro­ma di Ba­ti­stu­ta, Ca­fu, Emer­son. Og­gi non sia­mo da me­no, ma mi au­gu­ro che Sa­ba­ti­ni fac­cia qual­che ri­toc­co, per­ché al­tri­men­ti Ger­vi­n­ho da so­lo non ba­sta. Cor­re co­me una saet­ta... ma poi sci­vo­la».

Gian­lu­ca, ma se do­ves­se pa­ra­go­na­re “Il Vo­lo” ad un cal­cia­to­re chi sce­glie­reb­be? «Flo­ren­zi. E’ uno che si è fat­to sa so­lo, co­me noi, che ha la­vo­ra­to, su­da­to, si è im­pe­gna­to ed ha avu­to la for­za di cre­de­re in un so­gno».

Che ha pen­sa­to quan­do Flo­ren­zi è cor­so ad ab­brac­cia­re la non­na in tri­bu­na? «Mi ha ri­cor­da­to me stes­so. Io so­no le­ga­tis­si­mo a mio non­no Er­ne­sto. E’ il mio pri­mo fan, quel­lo che mi ha spin­to a non smet­te­re di so­gna­re. La scor­sa esta­te l’ho por­ta­to con me a Taor­mi­na, in oc­ca­sio­ne del­la no­stra esi­bi­zio­ne al tea­tro. Ad un cer­to mo­men­to, son schiz­za­to via dal pal­co e son cor­so ad ab­brac­ciar­lo. Ho fat­to com­muo­ve­re cin­que­mi­la per­so­ne, ma me ne so­no ac­cor­to do­po».

Qua­le l’im­ma­gi­ne del­la sua car­rie­ra a cui è più le­ga­to? « Duet­ta­re con Bar­bra Strei­sand è sta­ta un’emo­zio­ne uni­ca».

Qua­le il so­gno per il vo­stro 2015? «Mi au­gu­ro so­lo che que­sto so­gno non fi­ni­sca mai».

E la pau­ra più gran­de? «Per­de­re tut­to. Per que­sto vi­vo ogni emo­zio­ne co­me se fos­se l’ul­ti­ma».

In­tan­to par­te­ci­pe­re­te a San Re­mo. L’Ita­lia non po­trà più igno­rar­vi. «Pun­tia­mo so­prat­tut­to ad un’azio­ne di po­si­zio­na­men­to nel mercato ita­lia­no do­po i tan­tis­si­mi suc­ces­si in­ter­na­zio­na­li».

Se do­ves­se spie­ga­re ad un ra­gaz­zo del­la sua età che ge­ne­re di mu­si­ca can­ta­te? «Che sia­mo in­ter­pre­ti di pop li­ri­co. Lo so­stie­ne an­che Goo­gle (ri­de, ndr)».

“Il Vo­lo” ha pre­sta­to la sua vo­ce an­che ad even­ti be­ne­fi­ci, co­me la rac­col­ta fon­di per Hai­ti. «Sì, ma ab­bia­mo col­la­bo­ra­to an­che con Uni­cef gra­zie al fi­glio di Au­drey He­p­burn che sta por­tan­do avan­ti il so­gno del­la mam­ma, aiu­ta­re i bam­bi­ni me­no for­tu­na­ti».

Qua­li i suoi can­tan­ti di ri­fe­ri­men­to? «Frank Si­na­tra e Dean Mar­tin».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.