Paz­zo Wright: pan­cia, cre­sta e frec­cet­te

L’ec­cen­tri­co (e ta­tua­to) scoz­ze­se dà spet­ta­co­lo al Mon­dia­le Darts di Lon­dra, sport na­to 4 se­co­li fa

Corriere dello Sport - - BASKET - Di Ga­brie­le Mar­cot­ti

Le ga­re so­no una via di mez­zo tra il gio­co di de­strez­za e un con­cor­so di ec­cen­tri­ci­tà. Mu­si­ca ad al­to vo­lu­me, lu­ci mul­ti­co­lo­re, lun­ghe ta­vo­la­te do­ve sie­do­no gli ap­pas­sio­na­ti. Spet­ta­to­ri non ca­sua­li, per­ché chi va ad as­si­ste­re ad una ga­ra di darts, il no­me in­gle­se del­le no­stre frec­cet­te, è un cer­to ti­po di spet­ta­to­re. Pro­ba­bil­men­te pro­ve­nien­te dal­la working class, con uno sto­ma­co di­la­ta­to dal­la bir­ra, l’im­man­ca­bi­le ta­tuag­gio sull’avam­brac­cio e una gran vo­glia di gri­da­re il suo di­ver­ti­men­to.

Ep­pu­re i darts non so­no un fe­no­me­no nuo­vo Ol­tre­ma­ni­ca, sa­reb­be sta­to gio­ca­to ad­di­rit­tu­ra dai Pa­dri Pellegrini, i Pu­ri­ta­ni, già nel 1620, a bor­do del­la na­ve May­flo­wer per rag­giun­ge­re gli Sta­ti Uni­ti. Una sto­ria lun­ga qua­si quat­tro se­co­li con un au­dien­ce te­le­vi­si­va in co­stan­te cre­sci­ta. Per­ché più che un gio­co i darts so­no in­trat­te­ni­men­to, uno spet­ta­co­lo di

Pe­ter Wright, 44 an­ni, tra i pro­ta­go­ni­sti del Mon­dia­le abi­li­tà. Al­me­no è co­sì che lo in­ter­pre­ta uno dei suoi pro­ta­go­ni­sti più co­no­sciu­ti, lo scoz­ze­se Pe­ter Wright. Non il più for­te in as­so­lu­to, cer­ta­men­te il più pit­to­re­sco. In­con­fon­di­bi­le con le sue cre­ste dai co­lo­ri li- gle­se An­dy Ha­mil­ton, te­sta di se­rie n.15, Wright - fa­vo­ri­to n.5 - ha stac­ca­to il bi­gliet­to de­gli ot­ta­vi. Or­mai da 20 an­ni nell’éli­te na­zio­na­le, so­lo lo scor­so an­no, per­den­do la fi­na­le mon­dia­le, Wright ha rag­giun­to la con­sa­cra­zio­ne, ne­ces­sa­ria per sdo­ga­nar­lo da per­so­nag­gio istrio­ni­co ad av­ver­sa­rio da bat­te­re. Senza che l’in­te­res­sa­to ri­nun­cias­se ai suoi tra­ve­sti­men­ti ec­cen­tri­ci. Per di­re: ie­ri si è pre­sen­ta­to tut­to ve­sti­to d’aran­cio­ne, con l’im­man­ca­bi­le cre­sta del­lo stes­so co­lo­re. Due gior­ni pri­ma, stes­si ab­bi­na­men­ti, ma su to­na­li­tà blu.

Na­to 45 an­ni fa a Li­vin­sto­ne, Wright è cre­sciu­to a sud del Val­lo (at­tual­men­te ri­sie­de a Men­d­ham, nel Suf­folk), senza pe­rò smar­ri­re la sua iden­ti­tà scoz­ze­se. Ti­mi­do e ri­ser­va­to lon­ta­no dal ber­sa­glio, in ga­ra si tra­sfor­ma in sho­w­man. E’ la mo­glie Joan­ne, par­ruc­chie­ra di pro­fes­sio­ne, a rea­liz­za­re le cre­ste mul­ti­co­lo­re, con l’im­man­ca­bi­le ser­pen­te pit­tu­ra­to su un la­to del cra­nio (in ono­re del suo so­pran­no­me, Sna­ke­bi­te, che è an­che la sua bi­bi­ta pre­fe­ri­ta). Due ore per tra­dur­re con le for­bi­ci i di­se­gni che prepara la lo­ro fi­glio­la. « Mi ac­con­cio i ca­pel­li co­me i guer­rie­ri pri­ma di an­da­re in bat­ta­glia», spie­ga Wright, in­vi­so a mol­ti suoi av­ver­sa­ri (so­prat­tut­to al due vol­te cam­pio­ne del mon­do Adrian Lewis) che lo ac­cu­sa­no di ir­ri­ve­ren­za. « Ma io non vo­glio so­lo vin­ce­re, vo­glio an­che in­trat­te­ne­re», si giu­sti­fi­ca Wright, che si fa in­tro­dur­re in ga­ra da una can­zo­ne non ca­sua­le: “Don’t stop the Par­ty” dei Pit­bull. Non fer­ma­te la fe­sta, ap­pun­to.

«Mi ac­con­cio i ca­pel­li co­me un guer­rie­ro pri­ma di an­da­re in bat­ta­glia...»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.