Dov’è la dif­fe­ren­za fra Lui­gi e Mat­teo

Corriere di Arezzo - - Da Prima Pagina - Fa­bri­zio Cic­chit­to

La si­tua­zio­ne po­li­ti­ca ha cam­bia­to pro­fon­da­men­te di­se­gno do­po le ele­zio­ni di Fi­co a pre­si­den­te del­la Ca­me­ra. Fi­no a quel mo­men­to Di Ma­io si era com­por­ta­to co­me un lord in­gle­se: da lui e da Salvini so­no sta­te equa­men­te di­stri­bui­te le pre­si­den­ze coin­vol­gen­do an­che Ber­lu­sco­ni con l’ele­zio­ne del­la Ca­sel­la­ti al Se­na­to. Da quel mo­men­to in poi, pe­rò, c’è sta­to un cam­bio di pas­so che ha pro­fon­da­men­te di­va­ri­ca­to le po­si­zio­ni dei co­sid­det­ti due vin­ci­to­ri che, pre­si uno per uno, non han­no la mag­gio­ran­za di go­ver­no. A que­sto pun­to il com­por­ta­men­to di Salvini e di Di Ma­io si è pro­fon­da­men­te dif­fe­ren­zia­to.

Salvini, pur es­sen­do so­vra­ni­sta, an­ti­eu­ro e pu­ti­nia­no a 360 gra­di, si è com­por­ta­to co­me un lea­der po­li­ti­co nor­ma­le cer­can­do di ag­gre­ga­re una mag­gio­ran­za par­la­men­ta­re, da un la­to di­chia­ran­do la sua di­spo­ni­bi­li­tà di fa­re un pas­so in­die­tro sul pia­no per­so­na­le, dall’al­tro la­vo­ran­do in due di­ver­se di­re­zio­ni po­li­ti­che, quel­le del Mo­vi­men­to 5 stel­le e di For­za Ita­lia. Tut­to ciò pun­tan­do a pro­por­re a Mat­ta­rel­la una rea­le mag­gio­ran­za par­la­men­ta­re. Su que­sto ter­re­no, do­po una not­te di tre­gen­da, è ar­ri­va­to an­che Ber­lu­sco­ni che a que­sto pun­to vuo­le a tut­ti i co­sti in­se­rir­si in una mag­gio­ran­za di go­ver­no per tu­te­la­re gli in­te­res­si di Me­dia­set e per evi­ta­re ele­zio­ni an­ti­ci­pa­te che se­gne­reb­be­ro un di­sa­stro per FI. Il com­por­ta­men­to di Di Ma­io è sta­to in li­nea con tut­to il re­sto. In primo luo­go ha pro­cla­ma­to che il M5s fa­rà un go­ver­no so­lo e sol­tan­to se sa­rà lui a pre­sie­der­vi. In se­con­do luo­go, Di Ma­io ha get­ta­to la ma­sche­ra ri­fiu­tan­do ogni me­dia­zio­ne nel­la com­po­si­zio­ne de­gli or­ga­ni­gram­mi di ver­ti­ci del Par­la­men­to oc­cu­pan­do mi­li­tar­men­te la Ca­me­ra per­ché non si è mai vi­sto che chi ha il pre­si­den­te del­la Ca­me­ra con­qui­sta an­che la vi­ce­pre­si­den­za, a sca­pi­to del se­con­do grup­po che è il Pd. Fa­cen­do que­sto Di Ma­io ha mes­so in evi­den­za un au­to­ri­ta­ri­smo in­trin­se­co al M5s e an­che un ri­svol­to po­li­ti­co-me­dia­ti­co per­ché co­me il Mo­vi­men­to non è af­fat­to si­cu­ro di po­ter fa­re un go­ver­no e tan­to­me­no di rea­liz­za­re il red­di­to di cit­ta­di­nan­za.

Il Mo­vi­men­to 5 stel­le vuo­le por­ta­re a ca­sa l’at­tac­co ai vi­ta­li­zi per da­re uno scal­po ai suoi ti­fo­si. Ma qui ve­nia­mo a un no­do più di fon­do. La na­tu­ra del M5s è pro­fon­da­men­te di­ver­sa da quel­la di tut­ti gli al­tri par­ti­ti, Le­ga com­pre­sa, co­me copn­fer­ma uno sta­tu­to dal qua­le ri­sul­ta che Di Ma­io può de­si­gna­re dall’al­to ca­pi­grup­po e di­ret­ti­vo del grup­po: chi dis­sen­te e vie­ne espul­so de­ve pa­ga­re an­che 100mi­la eu­ro di mul­ta.

Il Mo­vi­men­to 5 stel­le so­ster­rà la mo­di­fi­ca co­sti­tu­zio­na­le per ot­te­ne­re il vin­co­lo di man­da­to, nel­la so­stan­za gui­da­to con ma­no fer­rea da Bep­pe Gril­lo, Ca­sa­leg­gio e as­so­cia­ti e dal grup­po che se­gue la co­mu­ni­ca­zio­ne.

Di con­se­guen­za, la vi­cen­da po­li­ti­ca ita­lia­na è bloc­ca­ta dal fat­to che il Mo­vi­men­to 5 stel­le, non es­sen­do un par­ti­to co­me gli al­tri, tan­to­me­no co­me le Le­ga, pun­ta non tan­to a fa­re il go­ver­no ma a con­qui­sta­re in­te­ra­men­te il po­te­re, sia quel­lo po­li­ti­co che quel­lo eco­no­mi­co. Co­me ri­svol­to tat­ti­co di que­sta scel­ta stra­te­gi­ca c’è il fat­to che al­lo sta­to il Mo­vi­men­to 5 stel­le non ri­co­no­sce a For­za Ita­lia e tan­to­me­no a Ber­lu­sco­ni di po­ter es­se­re pre­sen­ti nel go­ver­no e nel­la mag­gio­ran­za se non af­fi­dan­do a Salvini tut­ta la loro rap­pre­sen­tan­za. Il fat­to che ci sia­no an­che espo­nen­ti po­li­ti­ci e in­tel­let­tua­li (D’ale­ma, Ber­sa­ni, Emi­lia­no, Cac­cia­ri, Gad Ler­ner) che spin­go­no il Pd ad al­lear­si con il Mo­vi­men­to 5 stel­le è il se­gno che ora mai una par­te co­spi­cua del­la si­ni­stra è in pre­da o ad una di­sar­man­te de­ce­re­bra­liz­za­zio­ne o a una in­quie­tan­te cri­si di ner­vi. ▶ * REL (Ri­for­mi­smo e Li­ber­tà )

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.