Nel­la clas­si­fi­ca dei red­di­ti Ca­vri­glia bat­te San Gio­van­ni

I da­ti de­ri­van­ti dal­le de­nun­ce dei red­di­ti 2017, La­te­ri­na è fer­ma a 17.120 eu­ro

Corriere di Arezzo - - Da Prima Pagina - Di Mi­che­le Bos­si­ni

VAL­DAR­NO - I red­di­ti dei cit­ta­di­ni val­dar­ne­si pas­sa­ti ai rag­gi X e, sul­la ba­se del­le de­nun­ce dei red­di­ti 2017 (red­di­to per­ce­pi­to nel 2016) i Pa­pe­ro­ne dei Pa­pe­ro­ni del com­pren­so­rio abi­ta­no, con­fer­man­do il da­to de­gli an­ni scor­si, a Ca­vri­glia: il da­to emer­ge da un'in­da­gi­ne sul­la ba­se dei da­ti for­ni­ti dal Mi­ni­ste­ro del­le Fi­nan­ze, sui red­di­ti dei cit­ta­di­ni ita­lia­ni co­mu­ne per co­mu­ne. I ca­vri­glie­si di­chia­ra­no in me­dia 19.814 eu­ro (in tut­ta la pro­vin­cia di Arezzo me­glio fa so­lo il ca­po­luo­go), se­gui­ti dai cit­ta­di­ni di San Gio­van­ni con 19.726, men­tre al ter­zo po­sto di que­sta per­so­na­le clas­si­fi­ca si tro­va­no gli abi­tan­ti di Ter­ra­nuo­va, che in me­dia han­no de­nun­cia­to 19.443 eu­ro. Ai pie­di del po­dio Loro Ciuf­fen­na, il cui da­to è di 19.434 men­tre Montevarchi, con i suoi 19.227 eu­ro pro ca­pi­te bat­te di po­co Ca­stel­fran­co Pian­di­scò, che non va ol­tre i 19.141 eu­ro. Re­sta sot­to la so­glia sim­bo­li­ca dei di­cian­no­ve­mi­la eu­ro Bu­ci­ne, con un im­po­ni­bi­le pa­ri a 18.583, men­tre più bas­si so­no i da­ti de­gli al­tri co­mu­ni: 18.000 per Per­gi­ne, 17.619 per Castiglion Fi­boc­chi, quin­di Per­gi­ne con 17.670 eu­ro e, in­fi­ne, La­te­ri­na con 17.120 eu­ro a cit­ta­di­no. In via ge­ne­ra­le in tut­ta la val­la­ta si è su­pe­ra­to il da­to me­dio na­zio­na­le di 17.000 eu­ro, ma si re­gi­stra un ar­re­tra­men­to ab­ba­stan­za ge­ne­ra­liz­za­to ri­spet­to al da­to di due-tre an­ni fa (in con­tro­ten­den­za in­ve­ce Bu­ci­ne, La­te­ri­na e Per­gi­ne, do­ve il red­di­to è cre­sciu­to an­che se si trat­ta di po­chi spic­co­li). Iden­ti­fi­ca­re le ra­gio­ni di que­sto trend prin­ci­pal­men­te ne­ga­ti­vo non è fa­ci­le: si­cu­ra­men­te in­flui­sce la com­po­nen­te de­mo­gra­fi­ca con un au­men­to del­la po­po­la­zio­ne an­zia­na e dei pen­sio­na­ti (che han­no un red­di­to mi­no­re ri­spet­to ai che la­vo­ra), ol­tre al­la cri­si eco­no­mi­ca che an­co­ra de­ve es­se­re del tut­to su­pe­ra­ta con per­so­ne che usu­frui­sco­no di am­mor­tiz­za­to­ri so­cia­li e non man­ca chi, per­du­to il la­vo­ro, de­ve ac­con­ten­tar­si di la­vo­ri sal­tua­ri, spes­so del­le ti­po­lo­gie "in­te­ri­na­li" o "a chia­ma­ta" per pe­rio­di bre­vi.

Trat­tan­do­si di da­ti me­di tut­ti i nu­me­ri de­vo­no es­se­re pre­si con be­ne­fi­cio d'in­ven­tario e non so­no cer­to esau­sti­vi del qua­dro ge­ne­ra­le dell'eco­no­mia in una val­la­ta do­ve, se da un la­to qual­che se­gna­le di ri­pre­sa c'è, dall'al­tro per tan­te fa­mi­glie ri­sul­ta dif­fi­ci­le fa­re qua­dra­re i con­ti ed ave­re un red­di­to che per­met­ta di po­te­re vi­ve­re con un mi­ni­mo di tran­quil­li­tà e sen­za che una spe­sa im­pre­vi­sta di po­che cen­ti­na­ia di eu­ro crei una qual­che dif­fi­col­tà.

Uno scor­cio di Ca­vri­glia Il pae­se do­ve ri­sul­ta in me­dia un red­di­to pro ca­pi­te più al­to: ec­co i da­ti che ri­guar­da­no i co­mu­ni del Val­dar­no are­ti­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.