Un gi­ro d’af­fa­ri trai­na­to dai ba­by con­su­ma­to­ri che se­gna + 5%

Le pro­du­zio­ni ar­ti­gia­na­li per­so­na­liz­za­te sem­pre più ri­chie­ste. An­da­men­to ot­ti­mi­sti­co per le as­so­cia­zio­ni di ca­te­go­ria. In To­sca­na seg­men­to di mer­ca­to da 17 mi­lio­ni

Corriere di Arezzo - - Arezzo -

▶ AREZZO

Il ba­ro­me­tro del­le uo­va di Pa­squa se­gna bel tem­po. Se­con­do Con­f­com­mer­cio la ven­di­ta per que­sta Pa­squa sa­rà in au­men­to, fi­no al 5 per cen­to in più ri­spet­to al 2017. Il di­ret­to­re di Con­f­com­mer­cio To­sca­na, Fran­co Ma­ri­no­ni, par­la di pre­vi­sio­ni ot­ti­mi­sti­che. “E’ an­co­ra pre­sto per dir­lo per­ché que­st’an­no gli or­di­ni so­no par­ti­ti un po’ più len­ti. Col­pa for­se del me­teo con il ri­tor­no del fred­do che fi­no­ra non ha mo­ti­va­to al cli­ma di fe­sta.” Ma­ri­no­ni ag­giun­ge: “L’ap­pun­ta­men­to con l’uo­vo di cioc­co­la­to è ir­ri­nun­cia­bi­le per le fa­mi­glie to­sca­ne, so­prat­tut­to se in ca­sa ci so­no bam­bi­ni. E’ pro­prio in­tor­no ai più pic­co­li che ruo­ta per due ter­zi que­sto seg­men­to di mer­ca­to che va­le in To­sca­na ol­tre 17 mi­lio­ni di eu­ro”. Nei la­bo­ra­to­ri do­ve il ca­cao vie­ne la­vo­ra­to ar­ti­gia­nal­men­te il prez­zo me­dio di ven­di­ta del­le uo­va va­ria da 25 a 35 eu­ro al chi­lo, ma in al­cu­ne pa­stic­ce­rie può ar­ri­va­re a 80 e ol­tre. I ti­pi di cioc­co­la­ta? In asce­sa il fon­den­te, re­sta il mu­st del cioc­co­la­to al lat­te per i bam­bi­ni, clien­ti sem­pre più esi­gen­ti: c’è an­che chi chie­de se il ca­cao vie­ne tut­to dal­la stes­sa pian­ta­gio­ne. Il nuo­vo trend è il cioc­co­la­to sen­za glu­ti­ne e sen­za lat­to­sio.

Se­con­do Con­far­ti­gia­na­to “si com­pra un po' me­no, ma si com­pra me­glio e più a ri­dos­so del­le fe­sti­vi­tà”, di­co­no Fa­bri­zio Pier­ve­nan­zi, Pre­si­den­te del­la Fe­de­ra­zio­ne Ali­men­ta­zio­ne di Con­far­ti­gia­na­to Im­pre­se Arezzo e Fa­bio Bar­del­li, Pre­si­den­te dell'as­so­cia­zio­ne Pa­stic­ce­ri e Cioc­co­la­tie­ri in se­no al­la Fe­de­ra­zio­ne sud­det­ta. “Se il con­su­ma­to­re ef­fet­tua la pro­pria scel­ta ba­san­do­si sol­tan­to sul­la dif­fe­ren­za di prez­zo tra pro­dot­to ar­ti­gia­na­le e pro­dot­to in­du­stria­le - os­ser­va Pier­ve­nan­zi - ri­schia di pre­fe­ri­re una se­con­da scel­ta, tra­scu­ran­do aspet­ti im­por­tan­ti che fan­no la dif­fe­ren­za: i pro­dut­to­ri ar­ti­gia­ni non so­lo im­pie­ga­no ma­te­rie pri­me di al­ta qua­li­tà, ma rie­sco­no a rea­liz­za­re crea­zio­ni che so­no spes­so pez­zi uni­ci per la par­ti­co­la­ri­tà del­le de­co­ra­zio­ni in­te­ra­men­te fat­te a ma­no, per l'ori­gi­na­li­tà del con­fe­zio­na­men­to e per la pos­si­bi­li­tà di per­so­na­liz­za­re i pro­pri pro­dot­ti, in­se­ren­do nel ca­so del­le uo­va di cioc­co­la­to, le sor­pre­se scel­te dal clien­te”. Gli ita­lia­ni, stan­do a Con­far­ti­gia­na­to, spen­do­no 70 eu­ro a fa­mi­glia in cioc­co­la­to ar­ti­gia­na­le. E cre­sco­no i vo­lu­mi dell’ex­port. “Per ogni do­man­da su­gli in­gre­dien­ti e sui me­to­di di la­vo­ra­zio­ne - con­ti­nua Bar­del­li - il pro­dut­to­re ar­ti­gia­no è sem­pre a di­spo­si­zio­ne per ri­spon­de­re e sod­di­sfa­re le ri­chie­ste del con­su­ma­to­re. Inol­tre, c'è dif­fe­ren­za tra la fre­schez­za del pro­dot­to ar­ti­gia­na­le rea­liz­za­to nell'im­mi­nen­za del­la Pa­squa e quel­lo in­du­stria­le, pro­dot­to qual­che me­se pri­ma, stoc­ca­to e con­se­gna­to nei me­si suc­ces­si­vi, ai va­ri ca­na­li di di­stri­bu­zio­ne”. I co­sti? Cir­ca 40 eu­ro al kg per l'uo­vo di cioc­co­la­to e tra i 13 e i 18 eu­ro per la co­lom­ba pa­squa­le.

“Le uo­va ar­ti­gia­na­li - spie­ga Car­lo Vi­ti di CNA - so­no rea­liz­za­te con lun­ghi pro­ces­si di la­vo­ra­zio­ne, an­che ma­nua­le, per­so­na­liz­za­te nel­le de­co­ra­zio­ni e nel­le for­me, co­sì co­me nel­le sor­pre­se all'in­ter­no. Un esem­pio? Tra le sor­pre­se più in­so­li­te nell'uo­vo di Pa­squa, una pergamena di cioc­co­la­to con l'in­di­riz­zo di un ap­par­ta­men­to di New York: il re­ga­lo di un fi­dan­za­to al­la sua dolce me­tà”.

Gli ar­ti­gia­ni di CNA so­no ben con­sa­pe­vo­li del ruo­lo che ri­ve­sto­no, del­le evo­lu­zio­ni del mer­ca­to e del­la ne­ces­si­tà di di­stin­guer­si ri­spet­to all'of­fer­ta com­mer­cia­le co­mu­ne. Tra i se­gni di­stin­ti­vi l'at­ten­zio­ne agli aspet­ti nu­tri­zio­na­li del cioc­co­la­to ar­ti­gia­na­le: “E' da pre­di­li­ge­re per­ché è il ve­ro cioc­co­la­to - spie­ga Vi­ti - più fi­ne al pa­la­to, non ha sur­ro­ga­ti e per que­sto è più pu­ro”. Cna sti­ma che in que­sta Pa­squa in Ita­lia si con­su­me­ran­no ol­tre 15 mi­lio­ni di uo­va: “Un ter­zo - con­clu­de Vi­ti - è di pro­du­zio­ne ar­ti­gia­na­le. Al ver­ti­ce del­le pre­fe­ren­ze i pro­dot­ti dei cioc­co­la­tie­ri che con­trol­la­no l'in­te­ra fi­lie­ra”. ▶

Qua­li­tà E’ sem­pre più con­sa­pe­vo­le il con­su­mo di uo­va di cioc­co­la­to, pre­vi­sto un au­men­to del­le ven­di­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.