Bul­liz­za­to dal com­pa­gno a 14 an­ni

De­nun­cia choc di un pa­dre al­la po­li­zia di Arezzo. Il fi­glio pic­chia­to e fil­ma­to men­tre ori­na­va­no su di lui

Corriere di Arezzo - - Da Prima Pagina - Fran­ce­sca Muz­zi

▶ AREZZO

Un vi­deo choc. Le im­ma­gi­ni che scor­ro­no da­van­ti al bab­bo che ie­ri ha de­nun­cia­to al­la po­li­zia. Il fi­glio, un 14en­ne, è sta­to bul­liz­za­to da un coe­ta­neo. Epi­so­di che van­no avan­ti dal no­vem­bre scor­so, an­che den­tro la so­cie­tà di cal­cio che i due fre­quen­ta­no. Il vi­deo, do­ve si ve­de il ra­gaz­zi­no fat­to in­gi­noc­chia­re e poi men­tre gli ven­go­no ti­ra­ti i ca­pel­li e gli vie­ne ori­na­to ad­dos­so, è sta­to po­sta­to su In­sta­gram. “Tut­to è co­min­cia­to - rac­con­ta il bab­bo nel­la de­nun­cia - a di­cem­bre scor­so quan­do ci sia­mo ac­cor­ti che il com­por­ta­men­to di no­stro fi­glio era cam­bia­to. All’ini­zio ave­va­mo pen­sa­to che fos­se una fa­se. Ma poi il suo iso­la­men­to ci ha fat­to pre­oc­cu­pa­re”. La scuola, fre­quen­ta­ta dal ra­gaz­zo, poi ha mes­so in al­ler­ta i ge­ni­to­ri. E al­la fi­ne la con­fer­ma di quel­lo che sta­va suc­ce­den­do al loro fi­glio che ades­so vie­ne se­gui­to da uno psi­co­lo­go.

▶ AREZZO - Mal­trat­ta­to, umi­lia­to e fil­ma­to. Il vi­deo po­sta­to su In­sta­gram. Il bab­bo che, scioc­ca­to, guar­da quel­le im­ma­gi­ni. Suc­ce­de all’in­ter­no di una so­cie­tà cal­ci­sti­ca are­ti­na. Du­ran­te un com­plean­no. Il ra­gaz­zi­no vit­ti­ma e il bul­lo han­no la stes­sa età: 14 an­ni. Fre­quen­ta­no la stes­sa scuola e la stes­sa so­cie­tà di cal­cio. E, a quan­to ri­ve­la­no te­sti­mo­ni, non è la pri­ma vol­ta che suc­ce­do­no epi­so­di del ge­ne­re. A rac­con­ta­re tre me­si d’in­fer­no è il bab­bo del 14en­ne ades­so se­gui­to da uno psi­co­lo­go, che ie­ri mat­ti­na ha pre­sen­ta­to de­nun­cia pres­so la po­li­zia. Una se­rie di epi­so­di co­min­cia­ti tra no­vem­bre e di­cem­bre scor­si e cul­mi­na­ti nel vi­deo po­sta­to su In­sta­gram do­po una fe­sta di com­plean­no. “Tut­to è co­min­cia­to - rac­con­ta il bab­bo nel­la de­nun­cia - a di­cem­bre scor­so quan­do ci sia­mo ac­cor­ti che il com­por­ta­men­to di no­stro fi­glio era cam­bia­to. All’ini­zio ave­va­mo pen­sa­to che fos­se una fa­se. Ma poi il suo iso­la- men­to ci ha fat­to pre­oc­cu­pa­re e ab­bia­mo co­min­cia­to a ri­cor­da­re epi­so­di che co­mun­que non era­no pas­sa­ti inos­ser­va­ti, ma che io e sua ma­dre ave­va­mo smi­nui­to co­me: ‘so­no co­se che tra ra­gaz­zi, suc­ce­do­no’”. Que­gli epi­so­di era­no ac­ca­du­ti tra no­vem­bre e di­cem­bre. Co­se co­sì, a cui un ge­ni­to­re all’ini­zio non dà pe­so. “Una se­ra tor­nò - rac­con­ta il bab­bo - e ave­va una gom­ma da ma­sti­ca­re ap­pic­ci­ca­ta sui ve­sti­ti. Un’al­tra se­ra rien­trò con un ma­glio­ne bu­ca­to e bru­cia­to da una si­ga­ret­ta”. Epi­so­di che so­no con­ti­nua­ti quan­do “una se­ra lo an­dai a pren­de­re do­po una fe­sta al club cal­ci­sti­co e ave­va i ve­sti­ti ba­gna­ti”. Ora ca­pi­sce che era­no più che cam­pa­nel­li di al­lar­me. “Con il pas­sa­re dei gior­ni mi so­no ac­cor­to che mio fi­glio non fa­ce­va più la doc­cia ne­gli spo­glia­toi del­la so­cie­tà di cal­cio. Quan­do gli chie­si per­ché, lui mi ri­spo­se che le doc­ce era­no sem­pre oc­cu­pa­te e che pre­fe­ri­va far­la a ca­sa”. Un com­por­ta­men­to che si ag­gra­va quan­do il 14en­ne co­min­cia a ri­fiu­tar­si di an­da­re a scuola e a gio­ca­re a cal­cio: “Se ne sta­va per ore chiu­so nel­la sua ca­me­ra. Non par­la­va qua­si più. Non vo­le­va più gio­ca­re a cal­cio, la sua ve­ra pas­sio­ne”. La fa­mi­glia a quel pun­to si ri­vol­ge pri­ma agli in­se­gnan­ti del­la scuola fre­quen­ta­ta dal 14en­ne, che am­met­to­no il cam­bia­men­to del ra­gaz­zo ma non ca­pi­sco­no da co­sa di­pen­da, e poi il bab­bo chie­de an­che agli al­le­na­to­ri che, in­ve­ce, non ri­ve­la­no nes­sun cam­bia­men­to nel 14en­ne. Al­la fi­ne è pro­prio la scuola che, una mat­ti­na, se­gna­la pre­sun­ti at­ti di bul­li­smo nei con­fron­ti di quel ra­gaz­zo e av­ver­te i ge­ni­to­ri. La con­fer­ma di quan­to sta­va ac­ca­den­do ar­ri­va da un vi­deo. “So­no sta­ti gli ami­ci a con­vin­ce­re mio fi­glio a far­mi ve­de­re ciò che ave­va su­bi­to. E’ sta­to scioc­can­te ve­de­re co­me è sta­to mal­trat­ta­to e umi­lia­to. Sul­le tri­bu­ne o nel­la zo­ne li­mi­tro­fe den­tro la so­cie­tà di cal­cio è sta­to co­stret­to a met­ter­si in gi­noc­chio, gli ve­ni­va­no ti­ra­ti i ca­pel­li, ve­ni­va schiaf­feg­gia­to e l’ese­cu­to­re gli uri­na­va ad­dos­so”. Dell’ac­ca­du­to vie­ne su­bi­to av­ver­ti­to il club cal­ci­sti­co che una vol­ta in­di­vi­dua­to il bul­lo che ave­va po­sta­to il vi­deo su In­sta­gram - poi ri­mos­so - de­ci­de di espel­ler­lo dal­la squa­dra di cal­cio. Ades­so se ci sa­ran­no al­tre de­ci­sio­ni in me­ri­to spet­te­ran­no a chi di do­ve­re. L’im­por­tan­te è che ora il 14en­ne pos­sa tor­na­re ad es­se­re il ra­gaz­zo spen­sie­ra­to che me­ri­ta di es­se­re. ▶

“Non vo­le­va più fa­re la doc­cia ne­gli spo­glia­toi, ma nes­su­no ca­pi­va per­ché”

Ado­le­scen­za dram­ma­ti­ca

Bul­li­smo sul 14en­ne Se­rie di epi­so­di rac­con­ta­ti dal bab­bo di un 14en­ne ac­ca­du­ti an­che den­tro la so­cie­tà di cal­cio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.