ME­GLIO COM­PE­TE­RE SEN­ZA AVER PAURA

Corriere di Bologna - - Da Prima Pagina - di Gian­fran­co Pa­squi­no © RIPRODUZIONE RISERVATA

Paura? Paura del­la de­mo­cra­zia, del­la com­pe­ti­zio­ne, del­la con­ten­di­bi­li­tà? Dav­ve­ro a Bo­lo­gna bi­so­gne­reb­be fa­re un con­gres­so «uni­ta­rio» per «eleg­ge­re» il se­gre­ta­rio del par­ti­to lo­ca­le? Na­tu­ral­men­te, non sa­reb­be più un’ele­zio­ne, ma una de­si­gna­zio­ne a ope­ra di qual­che no­ta­bi­le, ti­po Me­ro­la, ti­po De Ma­ria, non so se rie­sco a scri­ve­re Pa­ruo­lo, «no­ta­bi­le» pu­re lui? Quan­to a «uni­ta­rio», vuol di­re che si met­to­no d’ac­cor­do, ma non in­tor­no a un ca­mi­net­to che, se lo vie­ne a sa­pe­re, Ren­zi sbrai­te­rà con­tro la vec­chia po­li­ti­ca, la Prima Re­pub­bli­ca, la dit­ta. Non è sta­gio­ne di ca­mi­net­ti, me­glio un cam­per di cra­xia­na me­mo­ria, op­pu­re, but­tia­mo­la sull’isti­tu­zio­na­le: nell’uf­fi­cio del sin­da­co giun­ge­ran­no a un ac­cor­do. Ma non ci ave­va­no det­to che uno dei pre­gi del Pd è che le sue ca­ri­che sa­reb­be­ro di­ven­ta­te tut­te con­ten­di­bi­li? Poi, è ve­ro che per­si­no un vel­tro­nian-ren­zia­no, ora al­la ri­cer­ca di­tor­na­re nel­la pi­sta par­la­men­ta­re, è sta­to fat­to fuo­ri dal­le par­la­men­ta­ri ma­ni­po­la­te del di­cem­bre 2012, ma al­me­no una par­ven­za di con­ten­di­bi­li­tà do­vrà pu­re ri­ma­ne­re. In­ve­ce, no. Di po­li­ti­ca al­la Fe­sta dell’Uni­tà non si par­la. È di­ven­ta­to un dog­ma non far sa­pe­re ai vi­si­ta­to­ri e ai mi­li­tan­ti, an­che se in cu­ci­na pa­rec­chio ne san­no, qua­li tor­ti ha Cri­tel­li, il se­gre­ta­rio in ca­ri­ca, e qua­li ra­gio­ni ha Riz­zo Nervo, l’as­ses­so­re sfi­dan­te. Per for­tu­na, si fa per di­re, ter­tium da­tur: il mol­to ma­no­vrie­ro con­si­glie­re re­gio­na­le Pa­ruo­lo ha can­di­da­to Lic­ciar­del­lo la cui pre­sen­za au­men­te­reb­be il tas­so di con­ten­di­bi­li­tà. O for­se no, ha fat­to sot­til­men­te fil­tra­re il Cor­rie­re di Bo­lo­gna che, non na­to ie­ri, ri­cor­da co­me, in as­sen­za del­la mag­gio­ran­za as­so­lu­ta de­gli iscrit­ti per uno dei con­ten­den­ti, la de­ci­sio­ne deb­ba es­se­re pre­sa nel con­gres­so, «pe­ri­co­lo­sa­men­te» non più uni­ta­rio, di­vi­so­rio. Al­lo­ra, lì i pa­ruo­la­ni de­ci­de­ran­no su chi con­ver­ge­re dopo, oh, sì, ave­re pen­so­sa­men­te e ac­cu­ra­ta­men­te va­lu­ta­to i pro­gram­mi, le pro­po­ste, le pro­spet­ti­ve di Cri­tel­li e di Riz­zo Nervo. Di­ver­si­tà su quel che bi­so­gne­reb­be fa­re nei rap­por­ti con le coo­pe­ra­ti­ve e con le par­te­ci­pa­te sem­bra non ve ne sia­no. Non è una gran­de sco­per­ta che il Pd do­vreb­be so­ste­ne­re e pun­go­la­re i suoi elet­ti nei va­ri Co­mu­ni. Dun­que, ri­sol­le­vo il mio in­ter­ro­ga­ti­vo di fon­do: che la ma­ni­ta o po­co più di aspi­ran­ti al par­la­men­to den­tro il Pd di Bo­lo­gna si stia po­si­zio­nan­do e rag­grup­pi le sue scar­ne trup­pe a so­ste­gno di chi fra Cri­tel­li e Riz­zo Nervo of­fre più ga­ran­zie di car­rie­ra? No, non da­te­mi su­bi­to la risposta. La­scia­te la su­spen­se men­tre tor­nia­mo tut­ti a leg­ge­re sui di­zio­na­ri co­sa si­gni­fi­ca de­mo­cra­ti­co e con­ten­di­bi­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.