E nel­la lot­ta tra le fa­zio­ni spun­ta an­che il fantasma del­la scis­sio­ne

Corriere di Bologna - - Cronaca - Bep­pe Per­si­chel­la

«Si evo­ca­no sce­na­ri che sa­reb­be­ro di­strut­ti­vi per il Pd di Bo­lo­gna. Com­mis­sa­ria­men­ti e per­si­no scis­sio­ni». Esat­to, scis­sio­ne. È ar­ri­va­to fi­no a que­sto pun­to il con­gres­so spac­ca-Pd, fi­no a ipo­tiz­za­re un oriz­zon­te im­pen­sa­bi­le per un par­ti­to che ha già su­bi­to la per­di­ta di un pez­zo im­por­tan­te del­la sua sto­ria, so­prat­tut­to qui in re­gio­ne con gli ad­dii di Pier Lui­gi Ber­sa­ni e Va­sco Er­ra­ni con­flui­ti in Ar­ti­co­lo 1 Mdp. Ma se a pro­nun­cia­re per pri­mo que­sta ipo­te­si, sep­pur scon­giu­ran­do­la, è un di­ri­gen­te cau­to e at­ten­to co­me Andrea De Ma­ria, al­lo­ra vuo­le di­re che qual­co­sa sta ri­bol­len­do.

Ma se do­ves­se es­se­re scis­sio­ne, chi ne sa­reb­be­ro i pro­ta­go­ni­sti? Po­ten­zial­men­te i «per­den­ti» di que­sto con­gres­so. Quin­di sia la par­te che fa ri­fe­ri­men­to a Fran­ce­sco Cri­tel­li, sia quel­la che ap­pog­gia Luca Riz­zo Ner­vo. Ed è per que­sta ra­gio­ne che al mo­men­to più che uno sce­na­rio sem­bra una mi­nac­cia che ar­ri­va da en­tram­bi gli schie­ra­men­ti. Per que­sto De Ma­ria può li­mi­tar­si a de­fi­nir­le «dram­ma­tiz­za­zio­ni in­fon­da­te ed esa­ge­ra­te». Gli av­ver­sa­ri di Cri­tel­li fan­no pe­rò no­ta­re co­me di­ver­si uo­mi­ni vi­ci­ni al se­gre­ta­rio stia­no te­nen­do so­li­di le­ga­mi pro­prio con Mdp, a par­ti­re dal ca­po­grup­po re­gio­na­le Ste­fa­no Ca­lian­dro che a fi­ne set­tem­bre, in­vi­ta­to, ha par­te­ci­pa­to al­la fe­sta bo­lo­gne­se dei fuo­riu­sci­ti dal Pd. E non sa­reb­be l’uni­co. D’al­tron­de non è un se­gre­to che quell’area di Pd bo­lo­gne­se è sem­pre sta­ta la più vicina al­la vec­chia Dit­ta.

A di­re il ve­ro, pe­rò, il fron­te più in agi­ta­zio­ne al mo­men­to è quel­lo che ap­pog­gia Riz­zo Ner­vo. Non tan­to l’ex as­ses­so­re al Wel­fa­re, im­pe­gna­to a in­con­tra­re gli iscrit­ti in que­sto ru­sh fi­na­le pri­ma del vo­to, quan­to i suoi più im­por­tan­ti spon­sor vi­ci­ni al sin­da­co Vir­gi­nio Me­ro­la. La par­ti­ta in cor­so sul tes­se­ra­men­to e la ri­chie­sta di mag­gio­re chia­rez­za che in mol­ti da quell’area stan­no sot­to­po­nen­do in que­ste ore al­la com­mis­sio­ni di ga­ran­zia (Pri­ma bo­lo­gne­se, ora re­gio­na­le e na­zio­na­le) po­treb­be es­se­re in que­sto sen­so cru­cia­le. Per­ché se do­ves­se­ro con­vin­cer­si di aver gio­ca­to una par­ti­ta fuo­ri dal­le re­go­le, a quel pun­to po­treb­be­ro dav­ve­ro ac­ca­rez­za­re l’idea di usci­re dal par­ti­to. E que­sta vol­ta non per an­da­re da Pier Lui­gi Ber­sa­ni e Ro­ber­to Spe­ran­za o tra le brac­cia di Giu­lia­no Pi­sa­pia, ma per for­ma­re un nuo­vo pro­get­to cit­ta­di­no. Quel­la che al­cu­ni chia­ma­no una «li­sta del sin­da­co». An­che per­ché Me­ro­la, in ca­so di vit­to­ria di Cri­tel­li, do­vrà fa­re i con­ti con me­tà del grup­po con­si­lia­re del Pd a lui osti­le. C’è da di­re che è sta­to l’as­ses­so­re all’Economia Mat­teo Le­po­re il pri­mo a sen­ti­re il bi­so­gno di un nuo­vo mo­vi­men­to ci­vi­co, an­che se non in con­trap­po­si­zio­ne con il Pd. Un’in­ten­zio­ne espres­sa a mar­zo, quan­do an­co­ra nel par­ti­to re­gna­va l’ot­ti­mi­smo in vi­sta del con­gres­so. Ora tut­to è cam­bia­to. E co­me os­ser­va un di­ri­gen­te de­mo­cra­ti­co, «la pal­li­na di ne­ve sta di­ven­tan­do una va­lan­ga».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.