«Al­la Vir­tus per un ri­sul­ta­to im­por­tan­te Ba­sket Ci­ty sa­rà fi­nal­men­te ca­sa mia»

Pri­mo a fir­ma­re, ul­ti­mo ad ar­ri­va­re cau­sa Na­zio­na­le: ma è già il top sco­rer

Corriere di Bologna - - Sport - Luca Aqui­no

È ar­ri­va­to in pun­ta di pie­di, Pie­tro Ara­do­ri. Pri­mo dei nuo­vi ac­qui­sti a fir­ma­re per la Vir­tus, ul­ti­mo ad unir­si al­la squa­dra per gli im­pe­gni con la Na­zio­na­le. In due par­ti­te, pe­rò, ha già mo­stra­to i trat­ti del kil­ler si­len­zio­so. Quar­to po­sto nel­la clas­si­fi­ca mar­ca­to­ri con 39 pun­ti to­ta­li rea­liz­za­ti sen­za trop­po ru­mo­re, con so­li 26 ti­ri ten­ta­ti, il 75% da due, il 39% da tre e il 100% ai li­be­ri: «Non con­ta­no i pun­ti — sot­to­li­nea il bom­ber del­la Se­ga­fre­do —. L’im­por­tan­te è il mo­do di sta­re sul cam­po, es­se­re sem­pre pe­ri­co­lo­si, aiu­ta­re la squa­dra. Cer­co di mi­glio­ra­re va­ri aspet­ti del mio gio­co ogni an­no, sia­mo all’ini­zio e an­drà sem­pre me­glio».

Al­la pre­sen­ta­zio­ne dis­se che cer­ca­va una ca­sa nuo­va e ha tro­va­to un vil­la. Co­me si sta am­bien­tan­do nel­la nuo­va real­tà?

«Mol­to be­ne. Sto im­pa­ran­do a co­no­sce­re il mon­do Vir­tus, so quan­to val­ga que­sto club per la cit­tà. Ci so­no en­tra­to den­tro e sto vi­ven­do sul­la mia pel­le que­sto ini­zio di un lun­go per­cor­so».

In 13 an­ni di car­rie­ra ha ve­sti­to do­di­ci maglie di­ver­se, si­gni­fi­ca che qui a Bo­lo­gna vuo­le fer­mar­si?

«Sì, vo­glio fer­mar­mi e co­strui­re qual­co­sa di im­por­tan­te. So­no ri­ma­sto due an­ni in uno stes­so club a Sie­na, Can­tù e Reg­gio Emi­lia, ma al­la fi­ne del se­con­do c’era­no sem­pre ri­di­men­sio­na­men­ti o obiet­ti­vi che non col­li­ma­va­no. De­vi fa­re al­tre scel­te, io le ho fat­te spo­san­do il pro­get­to del­la Vir­tus».

Quel­la che l’ha portata in bian­co­ne­ro è sta­ta una trat­ta­ti­va lun­ga con di­ver­si cam­bi di sce­na­rio in cor­so d’ope­ra fi­no al­la fir­ma de­fi­ni­ti­va.

«Pri­ma di scri­ve­re cer­te co­se bi­so­gne­reb­be aspet­ta­re un at­ti­mo, io non ho mai avu­to ri­pen­sa­men­ti. La trat­ta­ti­va è sta­ta lun­ga, ma so­no sta­to uno dei pri­mi ad ave­re fir­ma­to. Ho spo­sa­to il pro­get­to Vir­tus per­ché ne ero su­per con­vin­to e so­no con­ten­to di es­se­re qui».

Che Vir­tus si im­ma­gi­na­va e che Vir­tus ha tro­va­to in que­ste pri­ma set­ti­ma­ne di sta­gio­ne?

«Co­no­sco be­ne Bo­lo­gna, ho ami­ci qui e spes­so si par­la di ba­sket. La Vir­tus è un’isti­tu­zio­ne del­la pal­la­ca­ne­stro ita­lia­na, è un be­ne che ab­bia ri­tro­va­to la A im­me­dia­ta­men­te e ora vo­glia­mo ri­por­tar­la ad al­to li­vel­lo, do­ve è giu­sto che stia».

Le pri­me due par­ti­te han­no avu­to an­da­men­to si­mi­le ma ri­sul­ta­ti di­ver­si. Ave­te do­mi­na­to an­che a Tren­to nei pri­mi 30 mi­nu­ti, pe­rò re­sta­no ne­gli oc­chi gli ul­ti­mi 10.

«So­no sta­te due bel­le par­ti­te: la se­con­da per il ri­sul­ta­to, la pri­ma per­ché ab­bia­mo gio­can­do be­ne a Tren­to con­tro una squa­dra per me più for­te di quel­la ar­ri­va­ta in fi­na­le lo scor­so an­no. Sia­mo an­da­ti so­pra di 18 e ab­bia­mo sba­glia­to l’ul­ti­mo quar­to. Può ca­pi­ta­re a una squa­dra nuo­va, che de­ve im­pa­ra­re a co­no­scer­si e gio­ca­re as­sie­me. Lo stia­mo fa­cen­do e la stra­da è quel­la giu­sta».

Que­sta Vir­tus può es­se­re una gran­de squa­dra?

«Sì, an­che se ov­via­men­te dob­bia­mo la­vo­ra­re. Tor­no a Tren­to: al di là del ri­sul­ta­to è il mo­do in cui sia­mo sta­ti in cam­po per 30-35 mi­nu­ti a far­ci ca­pi­re che stia­mo an­dan­do nel­la giu­sta di­re­zio­ne e che, con­ti­nuan­do a la­vo­ra­re, po­tre­mo to­glier­ci gros­se soddisfazioni».

Co­me so­no sta­te le ul­ti­me due esta­ti con Mes­si­na?

«La pri­ma bre­ve, la se­con­da più in­ten­sa. È un al­le­na­to­re esi­gen­te ma mol­to chia­ro. Pun­ta tut­to sul­la di­fe­sa e il gio­co di squa­dra, es­se­re or­di­na­ti in at­tac­co sen­za pau­ra di pren­der­si i ti­ri ma ognu­no con un ruo­lo all’in­ter­no del­le ge­rar­chie. Mi pia­ce il suo mo­do di af­fron­ta­re la pal­la­ca­ne­stro, so­no cre­sciu­to mol­to sot­to la sua gui­da».

Lei e Ales­san­dro Gen­ti­le pun­te del­la Vir­tus e non so­lo. Nel­le qua­li­fi­ca­zio­ni mon­dia­li, la Na­zio­na­le avrà bi­so­gno di voi.

«Sia­mo qui per que­sto, per gio­ca­re la no­stra pal­la­ca­ne­stro al servizio del­la squa­dra. Quan­do ci sa­ran­no le fi­ne­stre del­la Na­zio­na­le ci fa­re­mo tro­va­re pron­ti».

Pos­sia­mo di­ven­ta­re una gran­de squa­dra, i se­gna­li so­no buo­ni e il grup­po c’è L’Ita­lia? Io e Gen­ti­le sia­mo a di­spo­si­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.