«Fer­ra­ra su­pe­rio­re in tut­to Ti­fe­rò per i bian­coaz­zur­ri, da voi so­lo tan­te bel­le don­ne»

Corriere di Bologna - - Sport - Fer­nan­do Pel­le­ra­no © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vittorio Sgar­bi, sa­rà un wee­kend di pas­sio­ne: Bo­lo­gna e Fer­ra­ra, sport e non ar­te.

«È chia­ro che ten­go per la Spal, so­no na­to a Fer­ra­ra. Co­sa vuoi che me ne fre­ghi di Bo­lo­gna, nien­te. C’ho giu­sto stu­dia­to, non ho col­le­ga­men­ti sen­ti­men­ta­li».

Pen­sa­va­mo che tut­ti que­gli an­ni all’Uni­ver­si­tà…

«No aspet­ta. Bo­lo­gna è im­por­tan­te per­ché lì nel 1969 ho avu­to la pri­ma av­ven­tu­ra ses­sua­le. Al­lo­ra pe­rò non c’era­no i gay o me­glio era­no po­chi...» Non va­da fuo­ri te­ma… «Nien­te, era la fi­glia di un de­pu­ta­to del Pci, que­sto ri­cor­do. Beh, da al­lo­ra non mi so­no più fer­ma­to… Vab­bè ora che ho 65 an­ni qual­che vol­ta sal­to, ma non per man­can­za di don­ne».

Tor­nia­mo al­la sfi­da Bo­lo­gna-Fer­ra­ra?

«Ho sem­pre ti­fa­to Spal, cioè da pic­co­lo e fi­no al ’68 quan­do è fi­ni­to tut­to. La ri­vol­ta stu­den­te­sca ha spaz­za­to via le cre­den­ze cal­ci­sti­che, la pas­sio­ne è fi­ni­ta».

Fra l’al­tro pro­prio nel ’68 la Spal re­tro­ces­se. La pas­sio­ne non le è più tor­na­ta?

«Ora che sia­mo di nuo­vo in A, sì cer­to, pro­prio quel­la da ado­le­scen­te».

La por­ta­va­no al­lo sta­dio?

«Po­co. Pe­rò ero ti­fo­so. Ri­cor­do che uno dei più fa­mo­si era un cer­to Mas­sei mi pa­re. La Spal poi ha un bell’acro­ni­mo: So­cie­tà Po­li­spor­ti­va Ars et La­bor. Io ten­go per lei, ba­sta» Bo­lo­gna in­ve­ce… «So­lo mol­te bel­le ra­gaz­ze, Bo­lo­gna mi fa ve­ni­re in men­te quel­lo. Se pen­so a Fer­ra­ra in­ve­ce ve­do la neb­bia».

Suv­via, a Bo­lo­gna c’è an­che Pa­laz­zo Fa­va do­ve lei ha cu­ra­to una mo­stra, ri­cor­da?

«Ma cer­to, quel­la mia bel­lis­si­ma mo­stra, poi pe­rò ho do­vu­to per­de­re tem­po po­le­miz­zan­do con Be­na­ti, la­scia­mo sta­re. Pre­fe­ri­sco ri­cor­da­re i miei mae­stri uni­ver­si­ta­ri, gli Ar­can­ge­li, i Vol­pe, grandi stu­dio­si».

La gran­de ar­te do­vreb­be uni­re: voi il Pa­laz­zo dei Dia­man­ti, qui il Mam­bo…

«Che no­me è Mam­bo: ma co­me si fa? E co­mun­que gli ar­ti­sti fa­mo­si di Bo­lo­gna ar­ri­va­va­no da Fer­ra­ra, la cui scuo­la era mol­to so­fi­sti­ca­ta, po­che sto­rie: da Fran­ce­sco del Cos­sa a Er­co­le de’ Ro­ber­ti… Il Guer­ci­no, di Cen­to, è a me­tà, 50 e 50, di­cia­mo che è il no­stro trait d’union».

Quin­di per lei il Sei­cen­to bo­lo­gne­se va­le po­co.

«Bo­lo­gna è in­te­res­san­te giu­sto per quel­lo. Io pos­seg­go due scul­tu­re di uno de­gli ar­ti­sti più grandi che ha avu­to Bo­lo­gna e a cui ha da­to la più bel­la scul­tu­ra che c’è, il Com­pian­to: par­lo di Nic­co­lò dell’Ar­ca di cui ho un’aqui­la e un San Do­me­ni­co».

Ec­co, ve­de? Do­me­ni­ca vie­ne al Dall’Ara?

«Po­trei, sì. Aspet­ta che guar­do l’agen­da… No, do­me­ni­ca so­no a Mo­ria­go del­la Bat­ta­glia…». A fa­re co­sa? «De­vo pre­sen­ta­re un ar­ti­sta, ciao, for­za Spal».

Cri­ti­co

L’esper­to d’ar­te Vittorio Sgar­bi, ti­fo­so del­la Spal

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.