Riec­co Pa­zien­za e i suoi ve­le­ni «Car­te inu­ti­li»

Dall’ex spio­ne con­dan­na­to per de­pi­stag­gio so­lo car­te ve­le­no­se, nulla su Ca­val­li­ni. I le­ga­li: un in­qui­na­to­re

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - Bac­ca­ro

Le car­te an­nun­cia­te da Pa­zien­za sono ar­ri­va­te in Corte d’As­si­se. Un pli­co pie­no di accuse e ve­le­ni ma che ha po­co a che fare col processo bis sul­la stra­ge. Si trat­ta di vec­chie car­te nel­le qua­li l’ex spia con­dan­na­ta per de­pi­stag­gio vuo­le av­va­lo­ra­re un com­plot­to con­tro di lui. «Vuo­le so­lo in­qui­na­re il processo». «Sfo­go inu­ti­le», di­co­no gli av­vo­ca­ti del­le par­ti.

A 72 an­ni e do­po dieci di car­ce­re sem­bra­va usci­to di sce­na e in­ve­ce pro­va an­co­ra a vei­co­la­re le sue per­so­na­li ve­ri­tà. Fran­ce­sco Pa­zien­za, ex fac­cen­die­re e brac­cio de­stro del ge­ne­ra­le San­to­vi­to, nu­me­ro uno del Si­smi dal ’78 all’81, ha inviato al­la Corte d’As­si­se di Bo­lo­gna che sta pro­ces­san­do l’ex Nar Gil­ber­to Ca­val­li­ni per con­cor­so nel­la stra­ge al­la sta­zio­ne, il pli­co di do­cu­men­ti an­nun­cia­to tra­mi­te te­le­gram­ma per due udien­ze di se­gui­to, in­sie­me al­la ri­chie­sta di es­se­re sen­ti­to co­me te­ste nel processo. Ma in quel­le 84 pa­gi­ne re­ca­pi­ta­te due giorni fa al pre­si­den­te Mi­che­le Leo­ni, non c’è al­cun ri­fe­ri­men­to ai Nar o al coin­vol­gi­men­to dell’im­pu­ta­to Ca­val­li­ni o di al­tri nel­la stra­ge di Bo­lo­gna. Ci sono in­ve­ce ve­le­ni in­cro­cia­ti, accuse, vec­chie re­la­zio­ni di Guar­dia di Fi­nan­za e po­li­zia, lettere del­la Cia e dell’Fbi, tut­to fi­na­liz­za­to a di­mo­stra­re, nel­la ri­co­stru­zio­ne che ne fa Pa­zien­za, che la sua con­dan­na per de­pi­stag­gio nel­la stra­ge di Bo­lo­gna fu un pia­no or­di­to dal ma­gi­stra­to ro­ma­no Do­me­ni­co Si­ca e dall’ex ge­ne­ra­le del Ros Ma­rio Mo­ri, che in­da­gò sul­la stra­ge e ad apri­le è sta­to con­dan­na­to in pri­mo gra­do a do­di­ci an­ni di car­ce­re per la trattativa Sta­to-ma­fia.

Il ge­ne­ra­le è tra i te­sti ci­ta­ti da­gli av­vo­ca­ti dell’as­so­cia­zio­ne dei fa­mi­lia­ri del­le vit­ti­me del­la stra­ge nel processo Ca­val­li­ni. Pa­zien­za di­spen­sa ve­le­ni e accuse mai pro­va­te. «Mo­ri ha ro­vi­na­to la mia vi­ta per fare car­rie­ra», scri­ve Pa­zien­za in una let­te­ra del 2005 in­di­riz­za­ta all’ex se­na­to­re di For­za Ita­lia Li­no Jan­nuz­zi. Per­ché, que­sta la nar­ra­zio­ne dell’ex spio­ne, il ge­ne­ra­le avreb­be con­se­gna­to al pm Si­ca i rap­por­ti in­for­ma­ti­vi del Si­smi che col­le­ga­va­no lo stes­so Pa­zien­za ai ser­vi­zi se­gre­ti ame­ri­ca­ni e a Li­cio Gel­li, il ca­po del­la P2. Pro­prio al ve­ne­ra­bi­le mae­stro è in­di­riz­za­ta una du­ra let­te­ra che Pa­zien­za scris­se il 31 gen­na­io 2007 per smen­ti­re le me­mo­rie pub­bli­ca­te sul si­to Da­go­spia, nel­le qua­li Gel­li scris­se che l’ex spia lo ave­va sup­pli­ca­to in­va­no di in­con­trar­lo, men­tre per Pa­zien­za ac­cad­de l’esat­to con­tra­rio. Nel­la let­te­ra in que­stio­ne rin­fac­cia a Gel­li di non aver «mai sen­ti­to il bi­so­gno di ap­pa­ri­re in Tribunale per de­por­re sui no­stri ine­si­sten­ti rap­por­ti». D’al­tron­de, con­clu­de, pa­ra­fra­san­do Alessandro Man­zo­ni, «l’ono­re chi non ce l’ha non se lo può da­re». Il no­me di Gil­ber­to Ca­val­li­ni com­pa­re in una so­la ri­ga del­le 84 pa­gi­ne di vecchi do­cu­men­ti: in una re­la­zio­ne di ser­vi­zio di un bri­ga­die­re di Pa­do­va al qua­le nell’85, in at­te­sa di te­sti­mo­nia­re nel processo per l’as­sal­to al di­stret­to mi­li­ta­re del­la cit­tà ve­ne­ta, Wal­ter Sor­di, ex neo­fa­sci­sta poi col­la­bo­ra­to­re di giu­sti­zia, dis­se che po­chi giorni pri­ma in car­ce­re era sta­to «av­vi­ci­na­to da un uo­mo dall’ap­pa­ren­te età di an­ni 30, al­to me­tri 1,75, ca­pel­li scu­ri, oc­chi az­zur­ri, il qua­le av­vi­ci­nan­do­si e chia­man­do­lo per no­me, in­vi­ta­va il Sor­di con at­teg­gia­men­to de­ci­so a di­re che Ca­val­li­ni gli ave­va ri­fe­ri­to che era sta­to Pa­zien­za a met­te­re la va­li­get­ta sul tre­no Ta­ran­to-Mi­la­no». L’epi­so­dio a cui si fa ri­fe­ri­men­to è pro­prio quel­lo del de­pi­stag­gio per il qua­le è sta­to con­dan­na­to a Bo­lo­gna Pa­zien­za, se­con­do il qua­le quel­la re­la­zio­ne fu in­sab­bia­ta da Si­ca e Mo­ri, che avreb­be an­che pro­dot­to

” La va­li­get­ta sul tre­no Sor­di fu in­dot­to a di­re che Ca­val­li­ni gli ri­fe­rì che era sta­to Pa­zien­za a de­pi­sta­re sul­la stra­ge

” Accuse e ran­co­ri Da Mo­ri e Si­ca un com­plot­to con­tro di me, non ave­vo rap­por­ti con Gel­li e lo sa­pe­va­no

ver­ba­li di va­ne ri­cer­che, fal­si se­con­do Pa­zien­za, do­po il man­da­to di cat­tu­ra spic­ca­to a suo no­me nell’83, re­la­ti­vo al suo coin­vol­gi­men­to nel crac Ambrosiano, no­no­stan­te fos­se no­to che ri­sie­de­va a New York. Una ma­no­vra ne­ces­sa­ria, so­stie­ne, per far sì che ve­nis­se con­dan­na­to in con­tu­ma­cia.

Dal­le car­te si sco­pre inol­tre che Pa­zien­za fu nuo­va­men­te iscrit­to nel re­gi­stro de­gli in­da­ga­ti dal pm Pao­lo Gio­va­gno­li del­la Pro­cu­ra di Bo­lo­gna nel 2003, in­da­gi­ne poi ar­chi­via­ta. Dif­fi­ci­le che que­sti do­cu­men­ti por­ti­no le par­ti a chie­de­re che l’ex agen­te se­gre­to sia sen­ti­to in au­la co­me te­sti­mo­ne. L’av­vo­ca­to Andrea Spe­ran­zo­ni nei giorni scor­si ave­va già os­ser­va­to: «È un de­pi­sta­to­re, po­treb­be cer­ca­re di in­qui­na­re il processo, for­se sta in­vian­do mes­sag­gi a qual­cu­no». An­che per la di­fe­sa di Ca­val­li­ni «in que­sti do­cu­men­ti — os­ser­va l’av­vo­ca­to Ga­brie­le Bor­do­ni — non c’è nien­te sul­le re­spon­sa­bi­li­tà di Ca­val­li­ni. Più che al­tro ri­ve­la­no che nel­le stan­ze del po­te­re e dei ser­vi­zi in que­gli an­ni c’era­no ve­le­ni, an­ti­pa­tie e ven­det­te per­so­na­li, mes­se in atto da pic­co­li uo­mi­ni che si ac­cu­sa­va­no di ne­fan­dez­ze, nulla più. Mi sem­bra più lo sfo­go di un uo­mo che è sta­to ric­co e po­ten­te ed è pas­sa­to dal­le stel­le alle stal­le, ho ri­spet­to per la vi­cen­da uma­na vi­sto che ha pa­ga­to il suo de­bi­to ma non è uti­le al processo».

Fran­ce­sco Pa­zien­za, 72 an­ni, fu con­dan­na­to a 10 per aver ten­ta­to di de­pi­sta­re le in­da­gi­ni sul­la stra­ge

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.