Bim­bi con due ma­dri, il pas­so di Me­ro­la

Il Co­mu­ne ha ri­co­no­sciu­to la dop­pia ge­ni­to­ria­li­tà per 4 fi­gli na­ti ne­gli an­ni scor­si

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - Cor­neo

Il sin­da­co Me­ro­la fa uno scat­to in avan­ti sul­la que­stio­ne dei diritti. Ie­ri ha se­gui­to l’esem­pio del sin­da­co di Mi­la­no Sa­la e ha in­se­ri­to all’ana­gra­fe co­me ma­dri quat­tro don­ne con fi­gli già grandi avu­ti con un’al­tra don­na. Le quat­tro cop­pie si sono pre­sen­ta­te a Pa­laz­zo d’Ac­cur­sio e han­no fi­nal­men­te avu­to il ri­co­no­sci­men­to dei pro­pri diritti. An­na, una fi­glia di 3 an­ni avu­ta con Ir­ma, rac­con­ta la sua sto­ria: «Ades­so ci me­ri­tia­mo la fe­li­ci­tà».

Un mese fa il sin­da­co Vir­gi­nio Me­ro­la, se­guen­do l’esem­pio del­la col­le­ga di Torino Chia­ra Appendino, fir­mò l’atto di na­sci­ta di un bambino ap­pe­na na­to all’in­ter­no di una cop­pia omo­ge­ni­to­ria­le. Ie­ri è an­da­to ol­tre e, pro­prio co­me ha fat­to il pri­mo cit­ta­di­no di Mi­la­no Giu­sep­pe Sa­la, ha ri­co­no­sciu­to la se­con­da ma­dre per quat­tro bam­bi­ni na­ti ne­gli an­ni scor­si. Un atto in­no­va­ti­vo su cui Bo­lo­gna era sta­ta bru­cia­ta sul tem­po dal­la sindaca di Ca­stel Mag­gio­re Be­lin­da Got­tar­di che mar­te­dì ha tra­scrit­to sui do­cu­men­ti dell’ana­gra­fe il no­me del­la mam­ma non bio­lo­gi­ca di due ge­mel­li­ni di un an­no e mez­zo. Il pri­mo ca­so nel Bo­lo­gne­se. Ie­ri mat­ti­na quat­tro cop­pie di mam­me si sono pre­sen­ta­te a Pa­laz­zo d’Ac­cur­sio, con­vo­ca­te da­gli uf­fi­ci di Me­ro­la, do­po la ri­chie­sta inol­tra­ta dal­le don­ne qual­che set­ti­ma­na fa sul­la scia dei primi at­ti di al­tri sin­da­ci. Sono sta­te ac­col­te pri­ma in Sa­la Ros­sa e poi sono sta­te chia­ma­te una al­la vol­ta nell’uf­fi­cio del pri­mo cit­ta­di­no per met­te­re la fir­ma che san­ci­sce de­fi­ni­ti­va­men­te il fat­to che i loro fi­gli sono fi­gli di en­tram­be le mam­me, non so­la­men­te di quel­la bio­lo­gi­ca. Al­la fir­ma dell’atto era sta­ta con­vo­ca­ta nel­le set­ti­ma­ne scor­se an­che una cop­pia di pa­pà che ave­va ini­zial­men­te pen­sa­to di per­cor­re­re quel­la stra­da per tu­te­la­re la fi­glia di 18 mesi. Poi, pe­rò, i due uo­mi­ni, pur rin­gra­zian­do il sin­da­co per l’aper­tu­ra, han­no de­ci­so di non se­gui­re quel­la via, ma di in­tra­pren­de­re il per­cor­so del­la «ste­p­child adop­tion». «Il li­mi­te di que­sta an­no­ta­zio­ne — rac­con­ta Emi­lio (no­me di fan­ta­sia, ndr)— è che si trat­ta di un atto am­mi­ni­stra­ti­vo e po­li­ti­co che può es­se­re im­pu­gna­to in qua­lun­que mo­men­to. I tem­pi po­li­ti­ci in que­sto mo­men­to sono bui: ab­bia­mo rin­gra­zia­to il sin­da­co, ma dob­bia­mo pen­sa­re so­prat­tut­to al fu­tu­ro di no­stra fi­glia». In ogni ca­so ades­so le am­mi­ni­stra­zio­ni per da­re un se­gna­le po­li­ti­co al nuo­vo go­ver­no, so­prat­tut­to do­po le di­chia­ra­zio­ni di qual­che gior­no fa del neo­mi­ni­stro del­la Fa­mi­glia e del­la Di­sa­bi­li­tà, il le­ghi­sta Lo­ren­zo Fon­ta­na («I matrimoni non ete­ro sono una schi­fez­za», ha det­to), stan­no pre­men­do il pie­de sull’ac­ce­le­ra­to­re del­le re­gi­stra­zio­ni all’ana­gra­fe del­le ma­dri non bio­lo­gi­che di cop­pie omo­ge­ni­to­ria­li. «Più tra­scri­zio­ni ci sono — di­co­no dall’as­so­cia­zio­ne che riu­ni­sce le fa­mi­glie ar­co­ba­le­no — più di­mi­nui­sco­no le pos­si­bi­li­tà che lo Sta­to im­pu­gni gli at­ti fir­ma­ti dal sin­da­co: si espor­reb­be a mol­ti ri­cor­si». In­som­ma, l’atto di ie­ri mat­ti­na è pres­so­ché cer­to che sa­rà il pri­mo di al­tri che ver­ran­no fir­ma­ti nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne.

Sin­da­co

Vir­gi­nio Me­ro­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.