«Au­to­no­mia giu­sta e in­fra­strut­tu­re, que­sto ser­ve alle tre lo­co­mo­ti­ve d’Ita­lia»

In­ter­vi­sta ad Alberto Vac­chi: il Pas­san­te? Col­le­ga le re­gio­ni vir­tuo­se, non dis­si­pia­mo le ener­gie

Corriere di Bologna - - PRIMO PIANO - Federico Ni­co­let­ti © RIPRODUZIONE RISERVATA

Po­co più di un an­no fa è toc­ca­to a loro, le as­so­cia­zio­ni de­gli in­du­stria­li di Bo­lo­gna, Mo­de­na e Fer­ra­ra, fon­der­si per dar vi­ta a Con­fin­du­stria Emi­lia Area Cen­tro. Og­gi, a Ma­ghe­ra, al bat­te­si­mo di As­sin­du­stria Ve­ne­to Cen­tro, cioè l’ag­gre­ga­zio­ne fra le ter­ri­to­ria­li di Pa­do­va e Tre­vi­so, a rac­con­ta­re co­me sia an­da­ta fi­no­ra quell’espe­rien­za sa­rà lo stes­so pre­si­den­te emi­lia­no, Alberto Vac­chi, as­sie­me al ter­zo ver­ti­ce dell’idea­le nuo­vo triangolo in­du­stria­le del Nord, cioè l’As­so­lom­bar­da (Mi­la­no più Mon­za e Brian­za e Lo­di) di Car­lo Bo­no­mi.

Pre­si­den­te Vac­chi, è esa­ge­ra­to par­la­re, in Ve­ne­to, di una data epo­ca­le?

«Lo è si­cu­ra­men­te. Nel­la com­pe­ti­zio­ne glo­ba­le an­che il lan­cio di per­cor­si ag­gre­ga­ti­vi evo­lu­ti è un ele­men­to im­por­tan­te, cre­do sia dif­fu­sa or­mai la con­sa­pe­vo­lez­za che, per chi fa qua­li­tà, in­du­stria e tec­no­lo­gia, la mas­sa cri­ti­ca va­da ri­cer­ca­ta di­men­ti­can­do i cam­pa­ni­li».

A que­sto nuo­vo triangolo nel cuo­re del­la pia­nu­ra Pa­da­na ci cre­de dav­ve­ro fi­no in fon­do?

«Che sia­mo un triangolo vir­tuo­so pen­so non ci sia­no dub­bi. Po­trem­mo trai­na­re mol­tis­si­mo l’in­te­ro Pae­se da un pun­to di vista eco­no­mi­co pe­rò da so­li fa­rem­mo cer­ta­men­te fa­ti­ca. Da qui de­ve par­ti­re un mes­sag­gio chia­ro per l’in­te­ro ter­ri­to­rio ita­lia­no, cioè che non si pos­so­no più dis­si­pa­re ener­gie in po­li­ti­che di svi­lup­po sba­glia­te».

Ve­ne­to, Emi­lia e Lom­bar­dia han­no og­gi in co­mu­ne forti istan­ze di au­to­no­mia. Co­sa vor­reb­be en­tras­se nel por­ta­fo­glio del­le de­le­ghe emi­lia­ne?

«Intanto cre­do sia uti­le far no­ta­re co­me le stes­se ri­chie­ste giun­ga­no da aree del pae­se con orien­ta­men­ti po­li­ti­ci tra­di­zio­nal­men­te di­ver­si. Lo spi­ri­to di centrosinistra emi­lia­no espri­me gli stes­si bi­so­gni di quel­lo di cen­tro­de­stra di Ve­ne­to e Lom­bar­dia. Stia­mo par­lan­do di una au­to­no­mia cor­ret­ta e giu­sta, non cer­to as­so­lu­ta e nem­me­no pa­ren­te di una se­pa­ra­zio­ne dal Pae­se, im­pos­si­bi­le quan­to sen­za sen­so. Sul­le de­le­ghe non mi espri­mo, sa­reb­be mol­to com­pli­ca­to. Co­mun­que è fon­da­men­ta­le sta­re mol­to at­ten­ti a non ri­crea­re cen­tra­li­smi nel cen­tra­li­smo».

Tor­nia­mo al­la fu­sio­ne del­le ter­ri­to­ria­li ve­ne­te. Il pro­get­to è sta­to li­ma­to nei det­ta­gli ma for­se voi, che ci sie­te pas­sa­ti, qual­che con­si­glio da da­re lo ave­te.

«Eh, il ro­dag­gio è un’al­tra co­sa. È ine­vi­ta­bi­le che si crei­no pro­ble­mi non pre­vi­sti ma l’as­so­cia­zio­ne grande dà cer­ta­men­te una grande for­za ad una rap­pre­sen­tan­za che ha bi­so­gno di una ve­ste di­ver­sa. Ci de­ve es­se­re evi­den­te­men­te la ca­pa­ci­tà di met­te­re in­sie­me i va­ri as­set e cer­ca­re i pun­ti co­mu­ni. Di­cia­mo che è un processo che si av­via e poi si au­toa­li­men­ta. Una vol­ta par­ti­ta, cre­do che la mac­chi­na non tro­ve­rà più gros­si osta­co­li».

Il Ve­ne­to pe­rò ar­ri­va da uno sce­na­rio eco­no­mi­co re­cen­te mes­so a du­ra pro­va dal col­las­so di una par­te im­por­tan­te del si­ste­ma del cre­di­to. Ci sono fra­gi­li­tà pro­fon­de che non c’era­no nel con­te­sto in cui le ter­ri­to­ria­li emi­lia­ne han­no tro­va­to la for­mu­la per ag­gre­gar­si. Pen­sa pos­sa es­se­re un han­di­cap nel­la ge­ne­si di As­sin­du­stria Ve­ne­to Cen­tro?

«Cre­do che i pro­ble­mi che do­ve­va­no emer­ge­re sia­no già sta­ti tut­ti af­fron­ta­ti e su­pe­ra­ti e ve­do nel mo­do in cui la cri­si del­le ban­che è sta­ta fi­no ad og­gi ge­sti­ta la di­mo­stra­zio­ne del­la grande for­za del Ve­ne­to. No­no­stan­te que­sto, cioè, la re­gio­ne si sta ve­lo­cis­si­ma­men­te al­li­nean­do per es­se­re lo­co­mo­ti­va as­sie­me a Lom­bar­dia ed Emi­lia Ro­ma­gna».

No­do in­fra­strut­tu­re. An­che in Emi­lia ci sono in­quie­tu­di­ni per l’ipo­te­si di con­ge­la­men­to, da par­te del nuo­vo go­ver­no, di ope­re mol­to at­te­se, qua­li il pas­san­te au­to­stra­da­le di Bo­lo­gna.

«Per noi è un in­ter­ven­to de­ter­mi­nan­te. Al di là del­la per­fet­ti­bi­li­tà, da con­si­de­ra­re in que­sto co­me in ogni pro­get­to, va ri­cor­da­to che non si trat­ta so­lo di col­le­ga­re Ca­sa­lec­chio di Re­no a San Laz­za­ro di Sa­ve­na, ma una par­te d’Ita­lia ad un’al­tra par­te d’Ita­lia. Non creia­mo per­ciò il pre­sup­po­sto di stop­pa­re l’in­ve­sti­men­to per­ché sa­reb­be ve­ra­men­te un pro­ble­ma».

In­fo Di Pas­san­te a Bo­lo­gna si par­la or­mai da de­cen­ni. La de­ci­sio­ne di fare il Pas­san­te di Mez­zo è pe­rò ab­ba­stan­za re­cen­te, e la svol­ta è del 2016. Ades­so ai can­tie­ri man­ca­va so­lo la con­fe­ren­za dei ser­vi­zi. Il M5S è sta­to pe­rò sem­pre con­tra­rio al­la rea­liz­za­zio­ne dell’ope­ra, e ora gui­da il mi­ni­ste­ro com­pe­ten­te

Pre­si­den­te

Alberto Vac­chi gui­da gli in­du­stria­li di Bo­lo­gna, Mo­den a e Fer­ra­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.