«La mia com­pa­gna ora ha tut­ti i diritti Me­ri­tia­mo la fe­li­ci­tà»

An­na e sua fi­glia di 3 an­ni. Ie­ri ha fir­ma­to l’atto

Corriere di Bologna - - CRONACA - Di Da­nie­la Cor­neo da­nie­la.cor­neo@rcs.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Quan­do ie­ri mat­ti­na le han­no fat­te aspet­ta­re nel­la Sa­la Ros­sa, do­ve era sta­ta ce­le­bra­ta la loro unio­ne ci­vi­le qual­che mese pri­ma, il cuo­re ha ini­zia­to a cor­re­re all’im­paz­za­ta. Quan­do poi il sin­da­co le ha chia­ma­te nel loro uf­fi­cio e ha mes­so ne­ro su bian­co quel­la po­stil­la che pro­ba­bil­men­te cam­bie­rà la loro vi­ta, e quel­la del­la loro bam­bi­na, l’emo­zio­ne è sta­ta qua­si in­con­te­ni­bi­le. An­na (no­me di fan­ta­sia, ndr),

36 an­ni, è una del­le ot­to mam­me che ie­ri han­no mes­so fine, con una fir­ma, a un per­cor­so lun­go. A trat­ti dif­fi­ci­lis­si­mo. Tal­vol­ta umi­lian­te. Lei e la sua com­pa­gna Ir­ma (no­me di fan­ta­sia, ndr), 42 an­ni, per i re­gi­stri di Pa­laz­zo d’Ac­cur­sio da ie­ri sono en­tram­be le mam­me del­la loro bim­ba di 3 an­ni. Per la leg­ge ita­lia­na so­lo una po­te­va es­se­re con­si­de­ra­ta mam­ma, quel­la bio­lo­gi­ca. In que­sto ca­so An­na. Ir­ma no.

An­na, è fi­ni­ta. O me­glio, for­se ini­zia un’al­tra fa­se.

«Og­gi pos­so di­re che sia­mo mol­to fe­li­ci. E for­se sono più fe­li­ci i non­ni e gli zii dal­la par­te di Ir­ma. Sono sem­pre sta­ti i non­ni e gli zii, ma da og­gi van­no fie­ri di di­re che lo sono uf­fi­cial­men­te».

Co­sa c’è sta­to pri­ma di que­sta fir­ma?

«È sta­to un per­cor­so dif­fi­ci­le, per­ché pri­ma di di­ven­ta­re mam­me ab­bia­mo avu­to mol­tis­si­mi dub­bi. E que­sto vo­glio che sia chia­ro: non è ve­ro che le cop­pie omo­ses­sua­li, quan­do de­ci­do­no di ave­re dei fi­gli, pren­do­no que­sta de­ci­sio­ne a cuor leg­ge­ro. An­zi. È un pas­so dif­fi­ci­le, che fa pau­ra. Non sia­mo per­so­ne egoi­ste, sia­mo so­lo per­so­ne che vo­glio­no

Il fu­tu­ro e il go­ver­no Non te­mia­mo che il nuo­vo go­ver­no im­pu­gni gli at­ti fir­ma­ti dai sin­da­ci. Vo­glia­mo es­se­re fi­du­cio­se che va­da sem­pre tut­to be­ne

una fa­mi­glia».

Co­me è sta­ta la vo­stra vi­ta da mam­me omo­ses­sua­li?

«In real­tà sia­mo sem­pre sta­te at­tor­nia­te da per­so­ne mol­to at­ten­te e mol­to sen­si­bi­li. All’asi­lo ni­do di no­stra fi­glia sia­mo sem­pre sta­te trat­ta­te nor­mal­men­te, per­ché sia­mo una fa­mi­glia nor­ma­le. No­stra fi­glia è nor­ma­le. Cer­to pe­rò qual­che in­top­po c’è sta­to, non è sem­pre an­da­to tut­to li­scio. Sia­mo sta­te ri­fiu­ta­te da una scuo­la ma­ter­na pa­ri­ta­ria re­cen­te­men­te e sia­mo sta­te ri­fiu­ta­te

da una par­roc­chia, quan­do c’è sta­to da bat­tez­za­re no­stra fi­glia. Ab­bia­mo avu­to me­no ac­co­glien­za da chi l’ac­co­glien­za in fon­do la pre­di­ca».

Ci sono al­tre fa­mi­glie ar­co­ba­le­no che, in­ve­ce dell’iscri­zio­ne dell’al­tro ge­ni­to­re all’ana­gra­fe, han­no pre­fe­ri­to in­tra­pren­de­re il per­cor­so del­la ste­p­child adop­tion, ri­te­nen­do­lo più sicuro. Non te­me­te che il nuo­vo go­ver­no pos­sa im­pu­gna­re gli at­ti dei sin­da­ci più co­rag­gio­si?

«Ci sta­va­mo già preparando al per­cor­so del­la ste­p­child adop­tion, quan­do ab­bia­mo ini­zia­to a sen­ti­re che qual­che sin­da­co si sta­va muo­ven­do per re­gi­stra­re il se­con­do ge­ni­to­re all’ana­gra­fe. Ab­bia­mo con­tat­ta­to il Co­mu­ne e in me­no di un mese ec­co­ci qui. Non te­mia­mo che tut­to ven­ga ri­bal­ta­to, per­ché sia­mo sta­te ras­si­cu­ra­te che im­pu­gna­re un atto del ge­ne­re è dif­fi­ci­le. Poi uno spe­ra sem­pre che va­da tut­to be­ne, vo­glia­mo es­se­re fi­du­cio­si del fat­to che sa­rà co­sì?»

Al­la vo­stra bam­bi­na co­sa ave­te rac­con­ta­to?

«No­stra fi­glia sa tut­ta la sua sto­ria, da quan­do è na­ta. Ab­bia­mo li­bre­rie pie­ne di li­bri che rac­con­ta­no le fa­mi­glie co­me la no­stra. Lei è na­ta e cre­sciu­ta con due mam­me, ci chia­ma “mam­ma An­na” e “mam­ma Ir­ma”: per lei è nor­ma­le co­sì, non si po­ne nem­me­no il pro­ble­ma. All’asi­lo le sue mae­stre ci han­no con­fer­ma­to che è una bam­bi­na se­re­na e al­le­gra».

Bat­ta­glie

Le fa­mi­glie ar­co­ba­le­no stan­no fa­cen­do una bat­ta­glia da an­ni per ve­de­re ri­co­no­sciu­ti i pro­pri diritti. Il Co­mu­ne ora per­met­te di re­gi­stra­re all’ana­gra­fe fi­gli già grandi di cop­pie omo­ge­ni­to­ria­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.