For­ti­tu­do con­vin­cen­te Imo­la Tra­vol­ta

Bo­lo­gna tra­vol­ge Imo­la in un Pa­laDoz­za in­fuo­ca­to cen­tran­do la se­con­da vit­to­ria in cam­pio­na­to e con­fer­man­do il trend po­si­ti­vo re­gi­stra­to in pre sea­son

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - di A. Mos­si­ni, E. Schia­vi­na

Due sue due e sot­to a chi toc­ca. La For­ti­tu­do bat­te fa­ci­le an­che Imo­la e si gua­da­gna mez­za gior­na­ta so­la in te­sta al­la clas­si­fi­ca, in at­te­sa che le al­tre gio­chi­no og­gi: è la se­con­da di cam­pio­na­to ma si fa sem­pre più lar­go l’idea che que­sta La­vo­ro­più las­sù ci sta­rà fi­no a fi­ne. Sen­za Man­ci­nel­li co­me a Ve­ro­na e sta­vol­ta pu­re sen­za Ha­sbrouck, cioè nu­me­ro 2 e 4 ti­to­la­ri, l’Aqui­la dà un’al­tra pre­po­ten­te ma­ni­fe­sta­zio­ne di su­pe­rio­ri­tà.

È so­lo me­tà ot­to­bre, pre­sto, pre­stis­si­mo, ma la sen­sa­zio­ne è che ogni pas­so che fa que­sta squa­dra sia nel­la di­re­zio­ne giu­sta. Cer­to l’osta­co­lo sta­vol­ta non era di pri­ma fa­scia, ma se è ve­ro che per an­da­re in Se­rie A que­st’an­no con­ta più di tutto la re­go­la­ri­tà, la Ef­fe con­tro av­ver­sa­rie di pa­ri ca­te­go­ria non sta sba­glian­do un col­po: 9 vin­te su 9 e tut­te con­vin­cen­ti, 5 in amichevole, 2 in Su­per­cop­pa, 2 in cam­pio­na­to. Pial­la­ta al­la di­stan­za an­che l’An­drea Co­sta, uni­co eser­ci­zio ob­bli­ga­to­rio all’in­ter­no del pri­mo seg­men­to di cam­pio­na­to con le tre av­ver­sa­rie più for­ti nel­le pri­me quat­tro gior­na­te, la Ef­fe può se­re­na­men­te pren­der­si ot­to gior­ni per pre­pa­ra­re be­ne le pros­si­me due, a Tre­vi­so do­me­ni­ca 21 e in ca­sa con Udi­ne mercoledì 24, im­por­tan­tis­si­me.

Man­ci­nel­li sta­vol­ta non va nem­me­no nei do­di­ci men­tre Cin­cia­ri­ni ri­par­te ad­di­rit­tu­ra dal quin­tet­to, for­se pro­prio per ri­fre­sca­re il con­cet­to: i vec­chi dra­ghi la lo­ro im­por­tan­za in que­sto grup­po ce l’han­no an­co­ra, ec­co­me. So­no i 13 pun­ti nel pri­mo tem­po del Cin­cia, la chia­ve per apri­re la fa­sti­dio­sa zo­na ospi­te, e più tar­di sa­rà co­me al so­li­to im­por­tan­te an­che Ros­sel­li, ar­chi­tet­to del­la se­con­da spal­la­ta. Lo spic­chio bian­co­ros­so in Ca­lo­ri è pie­no ma der­by è una pa­ro­la gros­sa, an­che se la se­ra­ta per qual­cu­no è senz’al­tro spe­cia­le, co­mun­que nè Ful­tz né il vec­chio Pra­to né il ven­ten­ne Mon­ta­na­ri rie­sco­no mai a far va­le­re la leg­ge dell’ex.

Sen­te la sfi­da più de­gli al­tri an­che Gia­co­mo Sgor­ba­ti — che è di Ca­stel San Pie­tro, ma cre­sciu­to a San Laz­za­ro — che ap­pe­na en­tra piaz­za uno schiac­cio­ne, pren­de fi­du­cia, scri­ve 8 pun­ti in un at­ti­mo e fa ve­de­re che c’è del­la qua­li­tà an­che in fon­do al­la pan­chi­na, fe­steg­gian­do più tar­di la sua pri­ma dop­pia ci­fra in bian­co­blù. Men­tre Fan­ti­nel­li — che in­ve­ce è di Faen­za, ma sia­mo sem­pre in zo­na — fe­steg­gia in­ve­ce la dop­pia ci­fra in as­si­st, 11 sui 27 di una squa­dra che con­ti­nua a mar­cia­re co­me un oro­lo­gio. BJ Ray­mond è un ar­ma­dio ve­ro, an­che più del Ro­pe­ro San­tan­der, e all’ini­zio Pini gli rim­bal­za con­tro: il lun­go reg­gia­no tan­to bril­lan­te a Ve­ro­na e in Su­per­cop­pa sta­vol­ta spa­ri­sce, ze­ro ca­ne­stri dal cam­po e tan­ta fa­ti­ca. Per for­tu­na non ca­la mai di un mil­li­me­tro il ren­di­men­to di Leu­nen, ve­ro mat­ta­to­re del­la se­ra­ta e del­la ga­ra, che con­ti­nua a non sba­glia­re un col­po o qua­si: 7/7 da den­tro l’ar­co, som­ma­te al­la ci­fre di Ve­ro­na fa un mo­struo­so 13/14 da due e 3/6 da tre in due par­ti­te. Na­tu­ral­men­te c’è lui nel mo­men­to mi­glio­re, quel­lo che a fi­ne se­con­do quar­to met­te fi­ne al­la fu­ga di Imo­la, che in av­vio era scap­pa­ta fi­no al +7. Poi Cin­cia­ri­ni con­ti­nua a mar­tel­la­re e nel se­con­do tut­ti si di­ver­to­no. For­se non è co­sì fa­ci­le, ma que­sta For­ti­tu­do lo fa sem­bra­re.

La star So­pra, Da­nie­le Cin­cia­ri­niA si­ni­stra, il pub­bli­co del Pa­laDoz­za

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.