Sull’as­se Ro­ma-Bo­lo­gna so­no in­ca­glia­ti 1,5 mi­liar­di

I fi­nan­zia­men­ti «con­ge­la­ti». Me­ro­la: ba­sta cen­tra­li­smo

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - Per­si­chel­la

Il Pas­san­te di mez­zo, i pro­get­ti per le pe­ri­fe­rie, ma an­che il Co­mu­na­le e, for­se, pu­re il tram. Ec­co quel­lo che Bo­lo­gna ri­schia di per­de­re a cau­sa del con­ge­la­men­to di fon­di e pro­get­ti (o di ta­gli) de­ci­so da Ro­ma (nel­la fo­to il pre­si­den­te Con­te a Bo­lo­gna con l’as­ses­so­re Ai­ti­ni). Per un to­ta­le di 1,5 mi­liar­di. Un fat­to che fa an­da­re su tut­te le fu­rie il sin­da­co Me­ro­la, che ie­ri a Ro­ma ha det­to: «Ba­sta cen­tra­li­smo au­to­ri­ta­rio».

Più in­di­zi in que­sto ca­so non fan­no una pro­va, ma la pre­oc­cu­pa­zio­ne è tan­ta a Pa­laz­zo d’Ac­cur­sio. E il sin­da­co Vir­gi­nio Me­ro­la non fa nul­la per na­scon­der­la. La doc­cia fred­da dei ta­gli al Fus per il Tea­tro Co­mu­na­le è sta­ta l’ul­ti­ma tes­se­ra di un do­mi­no che ora ri­schia di ca­de­re giù.

Pro­get­ti ap­pe­si al­la vo­lon­tà del go­ver­no Con­te, per un to­ta­le di 1,5 mi­liar­di di euro (ma è un cal­co­lo pru­den­zia­le) che tra­bal­la­no un po’ per­ché il go­ver­no gial­lo ver­de non con­di­vi­de le scel­te pre­se da quel­lo pre­ce­den­te e un po’ per­ché per far qua­dra­re i con­ti sta­ta­li ogni ri­spar­mio è ben­ve­nu­to. Ad an­dar­ci di mez­zo so­no le gran­di ope­re co­me il Pas­san­te, le pe­ri­fe­rie, la cul­tu­ra, e chis­sà che nei pros­si­mi me­si in que­sto im­bu­to non ci fi­ni­sca an­che il tram, al­tra ope­ra ri­te­nu­ta cru­cia­le per il traf­fi­co cit­ta­di­no.

Da alcuni gior­ni Me­ro­la non na­scon­de la sua ir­ri­ta­zio­ne, te­me che Bo­lo­gna sia fi­ni­ta nel mi­ri­no e pro­va a sfi­da­re gli av­ver­sa­ri a vi­so aper­to. Quan­do è an­da­to al­lo scon­tro sul Co­mu­na­le con il sot­to­se­gre­ta­rio ai Be­ni cul­tu­ra­li Lu­cia Bor­gon­zo­ni, in­ti­man­do­la a tro­va­re una so­lu­zio­ne il pri­ma pos­si­bi­le, ha po­sto l’ac­cen­to sul fat­to che «in que­sti po­chi me­si il go­ver­no ha già pro­vo­ca­to suf­fi­cien­ti dan­ni a Bo­lo­gna». An­co­ra ie­ri a Ro­ma, al­la con­ven­tion per la can­di­da­tu­ra al­la gui­da del Pd di Ni­co­la Zin­ga­ret­ti, è ri­tor­na­to sull’ar­go­men­to, di­cen­do che è ar­ri­va­to il mo­men­to di «con­tra­sta­re que­sto cen­tra­li­smo au­to­ri­ta­rio del go­ver­no» do­po che «so­no sta­ti ta­glia­ti i fon­di al­le pe­ri­fe­rie del­le cit­tà, a Bo­lo­gna quel­li per il Pas­san­te, e con il de­cre­to si­cu­rez­za si dif­fon­do­no odio e in­si­cu­rez­za, eli­mi­nan­do il si­ste­ma Sprar per ac­co­glie­re i no­stri ri­fu­gia­ti».

Il col­po più pe­san­te che il go­ver­no po­treb­be in­fie­ri­re a Pa­laz­zo d’Ac­cur­sio, e in par­te lo ha già fat­to, ri­guar­da pro­prio il Pas­san­te di mez­zo. Un’ope­ra già fi­nan­zia­ta per cir­ca 6-700 mi­lio­ni di euro, sol­di di Au­to­stra­de che ora ri­schia­no di sal­ta­re e chis­sà se mai ri­tor­ne­ran­no. Ma ol­tre al­le ci­fre, so­no i tan­ti in­ter­ven­ti col­la­te­ra­li, in­clu­si nel pro­get­to e che Au­to­stra­de avreb­be do­vu­to rea­liz­za­re as­sie­me all’am­plia­men­to di una cor­sia di tan­gen­zia­le e au­to­stra­de, che po­treb­be­ro non ve­de­re mai la lu­ce. Ro­ton­de, pi­ste ci­cla­bi­li, la­vo­ri di ma­nu­ten­zio­ne or­di­na­ria e straor­di­na­ria del­le stra­de, la co­per­tu­ra ver­de an­ti ru­mo­re a San Don­ni­no, un par­co spor­ti­vo. Su tut­ti que­sti pro­get­ti Me­ro­la ave­va pun­ta­to mol­to per­ché avreb­be­ro po­tu­to cam­bia­re l’aspet­to di al­cu­ne aree del­la cit­tà. Pren­dia­mo il Par­co nord. Do­po an­ni di in­cer­tez­ze, il Co­mu­ne non sa­pe­va più co­me ri­lan­ciar­lo poi è sta­ta col­ta l’oc­ca­sio­ne del Pas­san­te per far na­sce­re lì un gran­de bo­sco. So­lo che non se ne fa­rà nul­la sen­za quei sol­di, ha già chia­ri­to Me­ro­la.

È la stes­sa fi­ne che ri­schia­no di fa­re i tan­ti in­ter­ven­ti pre­vi­sti al Pi­la­stro (a par­ti­re dal­la ca­ser­ma dei ca­ra­bi­nie­ri) e al Na­vi­le con l’ar­chi­vio del­la Cineteca nell’ex par­cheg­gio Giu­rio­lo, i due pro­get­ti fi­nan­zia­ti dal pre­ce­den­te go­ver­no con il pia­no pe­ri­fe­rie (18 mi­lio­ni di euro) e che il nuovo ese­cu­ti­vo ha per il mo­men­to con­ge­la­to. Poi ci so­no le ri­sor­se sem­pre più in for­se per il Co­mu­na­le (tra i 600 e i 900 mi­la euro) al­la con­ti­nua ri­cer­ca di una sta­bi­li­tà di bi­lan­cio che pro­prio ul­ti­ma­men­te sta­va rag­giun­gen­do. In­fi­ne il tram. Qui per ora, va det­to, non ci so­no av­vi­sa­glie con­cre­te, ma in que­sta fa­se in Co­mu­ne re­gna il so­spet­to. L’ope­ra co­sta 300 mi­lio­ni di euro, sol­di che do­vreb­be­ro ar­ri­va­re a di­cem­bre. Bi­so­gna quin­di so­lo aspet­ta­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.