Zup­pi apre i suoi «Pon­ti di pa­ce»: è tem­po di in­con­tro, non di scon­tri

I PON­TI DI PA­CE DEL VE­SCO­VO ZUP­PI

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - Bac­ca­ra­ni

«Ser­vo­no più in­con­tri e me­no scon­tri», di­ce l’ar­ci­ve­sco­vo Mat­teo Ma­ria Zup­pi, pron­to ad ac­co­glie­re, da og­gi a mar­te­dì, i lea­der re­li­gio­si chia­ma­ti sot­to le Due Tor­ri dal­la Co­mu­ni­tà di Sant’Egi­dio.

L’ar­ci­ve­sco­vo Mat­teo Ma­ria Zup­pi è ap­pe­na rien­tra­to da Ro­ma, do­ve ha in­con­tra­to il Pa­pa. Giu­sto in tem­po per met­te­re a pun­to gli ul­ti­mi det­ta­gli del­la tre gior­ni di «Pon­ti di pa­ce» che da og­gi a mar­te­dì por­te­rà a Bo­lo­gna lea­der e rap­pre­sen­tan­ti re­li­gio­si da tutto il mon­do. Un mo­do con­cre­to per ri­ba­di­re quan­to Zup­pi, e la Chie­sa di Fran­ce­sco, va pre­di­can­do in lun­go e in lar­go, den­tro e fuo­ri Bo­lo­gna: «Og­gi più che mai ser­ve in­con­trar­si, non scon­trar­si».

Qua­li pon­ti ten­te­re­te di co­strui­re, ve­sco­vo?

«Pon­ti di ascol­to, che por­ti­no al­la cre­sci­ta del­la co­no­scen­za re­ci­pro­ca, an­che di con­flit­ti più o me­no lon­ta­ni da noi».

L’Italia, ma for­se sa­reb­be più giu­sto di­re l’in­te­ra Eu­ro­pa, sta vi­ven­do un mo­men­to sto­ri­co e po­li­ti­co par­ti­co­lar­men­te com­ples­so. Che ruo­lo può ave­re Bo­lo­gna, che mes­sag­gio può man­da­re in que­sta oc­ca­sio­ne?

«Que­sta cit­tà ha in sé i ge­ni dell’in­con­tro, è sta­ta e re­sta cro­ce­via di per­so­ne e di cul­tu­ra. E pro­prio que­st’ul­ti­ma è in­di­spen­sa­bi­le ora più che mai, sen­za di es­sa si per­de l’uma­ne­si­mo che in­ve­ce ci de­ve sem­pre gui­da­re nel­le de­ci­sio­ni da pren­de­re».

Ve­de ri­schi all’oriz­zon­te?

«I ri­schi so­no quel­li che per­cor­ro­no tut­ta l’Eu­ro­pa: sto par­lan­do del ri­schio che por­ta con sé l’ave­re pau­ra dell’al­tro. Al­la ba­se c’è an­che una ri­chie­sta che è con­cre­ta, espri­me un bi­so­gno che le per­so­ne sen­to­no. L’im­por­tan­te è non far­si det­ta­re l’agen­da dal­la pau­ra che, al con­tra­rio, può an­che es­se­re uno stru­men­to di “crea­ti­vi­tà”».

In che sen­so, scu­si?

«Da es­sa pos­so­no sca­tu­ri­re so­lu­zio­ni in­no­va­ti­ve: cam­bia­men­ti enor­mi co­me quel­li che stia­mo vi­ven­do nel­le no­stre so­cie­tà esi­go­no stru­men­ti nuo­vi e com­pren­sio­ne nuo­va».

E tut­ta­via la gen­te co­mu­ne, gli ita­lia­ni, qui e al­tro­ve, sem­bra so­praf­fat­ta da que­sta pau­ra dell’al­tro di cui par­la. L’im­pres­sio­ne è che non ci sia­no so­lu­zio­ni vi­ci­ne.

«Lo Sta­to de­ve tro­va­re le ri­spo­ste da da­re a tut­ti. Spes­so in pas­sa­to non è riu­sci­to a far­lo, lo sap­pia­mo be­ne. Non è che pri­ma di og­gi le co­se an­das­se­ro be­nis­si­mo. L’unica so­lu­zio­ne è usci­re dal­la lo­gi­ca dell’emer­gen­za. Bi­so­gna fa­re ma­nu­ten­zio­ne, al­tri­men­ti i pon­ti crol­la­no...».

Ol­tre che di im­mi­gra­zio­ne, nel dibattito pub­bli­co si par­la mol­to an­che di lot­ta al­la po­ver­tà.

«Ma noi dob­bia­mo com­bat­te­re la po­ver­tà, non i po­ve­ri. E non dob­bia­mo far pas­sa­re il mes­sag­gio che si tol­ga a qual­cu­no per da­re ad al­tri».

Mar­te­dì, al ter­mi­ne di que­sta tre gior­ni di con­fron­to pro­mos­sa dal­la Co­mu­ni­tà di Sant’Egi­dio, ci sa­rà in piaz­za Mag­gio­re un mo­men­to di chiu­su­ra co­mu­ne. Qua­le Bo­lo­gna sia aspet­ta, in quel­la piaz­za?

«Invito tut­ti i bo­lo­gne­si a es­se­re pre­sen­ti. Non vo­glia­mo che que­sta ma­ni­fe­sta­zio­ne si ri­du­ca a un in­con­tro tra lea­der re­li­gio­si, de­ve es­se­re un in­con­tro tra fe­de­li. Ci sa­ran­no tut­te le co­mu­ni­tà che vi­vo­no in cit­tà».

Si pre­ghe­rà as­sie­me?

«No, non si trat­ta di sin­cre­ti­smo. Ma di un mo­men­to co­mu­ne di ri­fles­sio­ne: ci sa­rà il cam­mi­na­re in­sie­me, la let­tu­ra dell’ap­pel­lo fi­na­le di Pon­ti di

” Noi ab­bia­mo bi­so­gno di com­bat­te­re la po­ver­tà, non i po­ve­ri E non guai far pas­sa­re il mes­sag­gio che si tol­ga a qual­cu­no per da­re ad al­tri

pa­ce, poi ac­cen­de­re­mo un ce­ro per il­lu­mi­na­re l’oscu­ri­tà del­la guer­ra».

Quan­do si par­la di re­li­gio­ni, pur­trop­po si fi­ni­sce per pen­sa­re an­che ai pro­ble­mi di si­cu­rez­za le­ga­ti a even­ti di que­sto ti­po. Ave­te pre­oc­cu­pa­zio­ni?

«Si trat­ta del 32° in­con­tro dei Pon­ti e per for­tu­na la mac­chi­na è ben olia­ta. Poi Pre­fet­tu­ra e Que­stu­ra stan­no fa­cen­do il lo­ro la­vo­ro, com’è giu­sto che sia. Ma sia­mo tut­ti mol­to se­re­ni».

Ve­sco­vo, un’ul­ti­ma do­man­da a pro­po­si­to di dia­lo­go tra re­li­gio­ni e ac­co­glien­za: a Bo­lo­gna si è tor­na­ti a par­la­re di mo­schea e su­bi­to gli ani­mi si so­no scal­da­ti. Che co­sa ne pen­sa?

«Non è che i mu­sul­ma­ni aspet­ti­no di ave­re una mo­sche per ri­tro­var­si a pre­ga­re. Det­to que­sto, co­me per tut­ti van­no ap­pli­ca­te le re­go­le che già ci so­no».

In pri­ma li­nea

L’ar­ci­ve­sco­vo Mat­teo Ma­ria Zup­pi

Per i mi­gran­ti Co­per­te ter­mi­che sul­la por­ta del­la chie­sa bat­ti­sta in via Ve­ne­zian

Il Ce­fa L’ini­zia­ti­va Pi­xel Art in piaz­za Mag­gio­re: Un Piat­to per L’Afri­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.