Sal­vi­ni non ha pau­ra del brac­cio di fer­ro “Ve­dia­mo se re­si­sto­no”

Re­lax a Ischia per il gran ca­po del­la Le­ga che non ri­nun­cia a man­da­re mes­sag­gi De­sti­na­ta­rio prin­ci­pa­le è il M5s, an­co­ra con­vin­to che toc­chi a Di Ma­io fa­re il go­ver­no

Corriere di Siena - - Primo Piano - Di Mat­teo Bo­sco Bor­to­la­so

▸ RO­MA - Chis­sà se la Pa­squa fa­rà rin­sa­vi­re i 5 stel­le. E’ que­sta la ve­ra, gran­de spe­ran­za di Mat­teo Sal­vi­ni, che du­ran­te la sua vi­si­ta a Ischia scel­ta per tra­scor­re­re il “pon­te” pa­squa­le - ha spie­ga­to che at­ten­de di ve­de­re “se ri­man­go­no ar­roc­ca­ti su lo­ro ‘io io io’, e se quin­di Di Ma­io di­ce ‘Il pre­mier so­no io’, op­pu­re se c’è vo­glia di dia­lo­ga­re”. A con­fron­to con i suoi fol­lo­wer, in di­ret­ta Fa­ce­book, il lea­der le­ghi­sta ha sot­to­li­nea­to co­me mol­ti suoi fan “di­ca­no che il pre­mier de­ve es­se­re in­di­ca­to dal­la Le­ga e dal cen­tro­de­stra e su que­sto so­no d’ac­cor­do”. La trat­ta­ti­va per il pros­si­mo go­ver­no, in­som­ma, po­trà pro­ce­de­re se i 5 stel­le fa­ran­no un pas­so in­die­tro, ri­nun­cian­do al­la pol­tro­na di Pa­laz­zo Chi­gi. A quel pun­to, ma so­lo a quel pun­to, per Mat­teo Sal­vi­ni si po­trà co­min­cia­re a par­la­re (“di pro­gram­mi, non di no­mi”, sot­to­li­nea). Quan­do or­mai man­ca­no dav­ve­ro po­chi gior­ni all’ap­pun­ta­men­to del­le con­sul­ta­zio­ni al Qui­ri­na­le, l’uo­mo che ha gui­da­to la sua Le­ga e il cen­tro­de­stra al­la vit­to­ria elet­to­ra­le si è mo­stra­to ri­las­sa­to: sta stac­can­do la spi­na per il wee­kend pa­squa­le sull’iso­la del gol­fo di Na­po­li, sen­za di­men­ti­car­si di vi­si­ta­re i luo­ghi col­pi­ti dal si­sma di Ca­sa­mic­cio­la dell’an­no scor­so e pun­ta­re il di­to con­tro l’iner­zia del­la Re­gio­ne gui­da­ta da Vin­cen­zo De Lu­ca del Par­ti­to de­mo­cra­ti­co.

Con il ma­re al­le spal­le, se­du­to su una del­le splen­di­de ter­raz­ze ischi­ta­ne, il lea­der del­la Le­ga ha dia­lo­ga­to con i suoi fol­lo­wer, i qua­li si di­vi­do­no pra­ti­ca­men­te a me­tà sull’ipo­te­si di un’al­lean­za con il mo­vi­men­to fon­da­to da Bep­pe Gril­lo. “Sì al go­ver­no 5Stel­le, con te pre­mier”, di­ce qual­cu­no. Al­tri si op­pon­go­no: “No al M5s”. Un al­tro com­men­to: “Il mio ca­po è con i 5 stel­le, la se­gre­ta­ria con la Le­ga, ma dia­lo­ga­no pa­ci­fi­ca­men­te”. “Ma fa­te­la ’sta coa­li­zio­ne”, chie­de un uten­te. “Non mi fi­do dei 5 stel­le”, gli ri­spon­de Fan­ny. Sal­vi­ni ha let­to tut­ti i com­men­ti, chio­san­do: “E’ bel­lo sen­ti­re gli umo­ri di chi è sin­to­niz­za­to su que­sta pa­gi­na, per ca­pi­re che aria ti­ra”. A un cer­to pun­to si è al­za­to in pie­di e ha con­fes­sa­to: “Sa­pe­te co­sa ho fat­to? Mi so­no mes­so a pe­sca­re, per una bel­la oret­ta, e ho pu­re pre­so un pe­sce che poi pe­rò è scap­pa­to”. Il neo­se­na­to­re ha mo­stra­to la can­na da pe­sca, quin­di il fan­ta­sti­co pa­no­ra­ma: “Guar­da­te che in­can­to: se so­lo in­ve­stis­si­mo sul tu­ri­smo, l’Ita­lia sa­reb­be uno dei Pae­si più be­ne­stan­ti al mon­do”. E’ pas­sa­to qua­si un de­cen­nio dai co­ri da sta­dio in­to­na­ti a Pon­ti­da (“Sen­ti che puz­za, ar­ri­va­no i na­po­le­ta­ni”), pe­ral­tro già abiu­ra­ti l’an­no scor­so. E l’iso­la, per Sal­vi­ni, è il ri­ti­ro idea­le per vei­co­la­re un’im­ma­gi­ne di tran­quil­li­tà uti­le nel­la sfi­da a di­stan­za con Di Ma­io, che nel gior­no di Pa­squa non sa­rà nem­me­no trop­po distante, a Po­mi­glia­no d’Ar­co, con la sua fa­mi­glia.

Il se­gre­ta­rio del­la Le­ga, a no­me dell’in­te­ra coa­li­zio­ne del cen­tro­de­stra, si di­ce di­spo­ni­bi­le “a ra­gio­na­re con tut­ti, a par­ti­re dai 5 stel­le”, ma “ov­via­men­te si par­te con il pro­gram­ma del cen­tro­de­stra: l’abo­li­zio­ne del­la leg­ge For­ne­ro, ab­bas­sa­re le tas­se e il bloc­co dell’im­mi­gra­zio­ne”, che con­si­ste nel “con­trol­la­re, bloc­ca­re gli sbar­chi ed espel­le­re”. Per quan­to ri­guar­da il red­di­to di cit­ta­di­nan­za del Mo­vi­men­to 5 stel­le, “che stia­mo stu­dian­do”, per Sal­vi­ni si trat­ta di una pro­spet­ti­va che po­treb­be es­se­re ac­cet­ta­bi­le a pat­to che non sia “un in­ve­sti­men­to il­li­mi­ta­to, per chi sta a ca­sa, aper­to a tut­ti”. Do­vreb­be in­ve­ce es­se­re “un in­ve­sti­men­to tem­po­ra­neo, per chi ha per­so il la­vo­ro, ed è in at­te­sa di tro­va­re un nuo­vo im­pie­go”. Pun­ti di vi­sta, in­som­ma. Tut­to sta ca­pi­re co­sa ne pen­sa­no Di Ma­io e i mag­gio­ren­ti pen­ta­stel­la­ti. ◀

Guer­ra di ner­vi Il ri­po­so a Ischia è re­la­ti­vo per Mat­teo Sal­vi­ni, im­pe­gna­to nel duel­lo a di­stan­za con Di Ma­io per ot­te­ne­re l’in­ca­ri­co da Mat­ta­rel­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.