Le sca­le mo­bi­li del­la cit­tà vie­ta­te al­le mam­me

Pas­seg­gi­ni e car­roz­zi­ni non pos­so­no sa­li­re per si­cu­rez­za, ma man­ca­no le pe­da­ne per evi­ta­re che deb­ba­no an­da­re a pie­di

Corriere di Siena - - Siena - Di Gen­na­ro Grop­pa

▸ SIE­NA - Le sca­le mo­bi­li di cui si è do­ta­ta la cit­tà di Sie­na so­no mol­to uti­li, que­sto è in­dub­bio. E so­no an­che piut­to­sto fre­quen­ta­te e uti­liz­za­te, sia dai se­ne­si che so­prat­tut­to dai tu­ri­sti. E in un pe­rio­do che co­min­cia ad es­se­re di buo­na sta­gio­ne co­me que­sto che stia­mo vi­ven­do e che por­ta al­la Pa­squa le gior­na­te so­no un via via e un con­ti­nuo sa­li e scen­di di per­so­ne.

Ma que­ste sca­le mo­bi­li pre­sen­ta­no an­che più di una pro­ble­ma­ti­ca e dif­fi­col­tà. Ad esem­pio so­no vie­ta­te al­le mam­me. Sem­bra una bat­tu­ta, una bar­zel­let­ta, in­ve­ce è co­sì: al Co­sto­ne e a San Fran­ce­sco so­no po­sti in bel­la evidenza i di­vie­ti di por­ta­re i pas­seg­gi­ni dei bam­bi­ni sul­le sca­le mo­bi­li. Ad ogni ram­pa al Co­sto­ne è po­sto un gran­de car­tel­lo (è im­pos­si­bi­le non ve­der­lo e non far­ci ca­so) con il di­se­gno di un pas­seg­gi­no bar­ra­to di ros­so. Se ne è ac­cor­to an­che Mi­che­le Pi­nas­si, con­si­glie­re co­mu­na­le del Mo­vi­men­to 5 Stel­le, che sul­la sua pa­gi­na Fa­ce­book ha scrit­to un po­st a que­sto ri­guar­do: "Le sca­le mo­bi­li del Co­sto­ne so­no di fat­to un ser­vi­zio inu­ti­liz­za­bi­le da tut­te le mam­me che vo­glio­no fa­re quat­tro pas­si in cit­tà con il pro­prio fi­glio, per le qua­li l'uni­ca al­ter­na­ti­va è la sa­li­ta di Fon­te­bran­da. Guai poi ad ave­re un ca­ne! Al­lo­ra sì che la vi­ta a Sie­na di­ven­ta dav­ve­ro dif­fi­ci­le…". Que­sti i di­vie­ti po­sti nel­la ri­sa­li­ta del Co­sto­ne: è vie­ta­to po­sa­re pac­chi, po­sa­re car­roz­zi­ne, por­ta­re ca­ni, po­sa­re om­brel­li, get­ta­re si­ga­ret­te, por­ta­re car­rel­li, se­der­si sui gra­di­ni e sui cor­ri­ma­no, stru­scia­re i pie­di con­tro i gra­di­ni e la ba­lau­stra, usa­re la sca­la a pie­di scal­zi.

Il mo­ti­vo dei di­vie­ti è chia­ro: la pe­ri­co­lo­si­tà del get­ta­re una si­ga­ret­ta a ter­ra è ben evi­den­te (an­che se ie­ri ab­bia­mo vi­sto dei moz­zi­co­ni la­scia­ti sul­le sca­le), e per il re­sto car­rel­li e om­brel­li po­treb­be­ro crea­re pro­ble­mi ai mec­ca­ni­smi e tra un gra­di­no e l'al­tro. La stes­sa co­sa, lo ca­pia­mo, po­treb­be av­ve­ni­re an­che in ca­so di di­sat­ten­zio­ni per chi ha con sé un pas­seg­gi­no o un ca­ne spe­cie per l'am­piez­za ri­dot­ta de­gli sca­li­ni che ri­du­ce an­che la pos­si­bi­li­tà stes­sa di ap­pog­gia­re su di es­si un pas­seg­gi­no. Per quel che ri­guar­da i ca­ni, un car­tel­lo si­ste­ma­to nel­la ri­sa­li­ta di San Fran­ce­sco con­si­glia di pren­der­li in brac­cio: con­si­glio buo­no ed uti­le per quel­li di pic­co­la ta­glia, più dif­fi­ci­le a far­si se un tu­ri­sta do­ves­se pre­sen­tar­si in com­pa­gnia di un gi­gan­te­sco San Ber­nar­do.

Co­me può fa­re al­lo­ra ad uti­liz­za­re una ri­sa­li­ta una se­ne­se o una tu­ri­sta che ab­bia con sé un pas­seg­gi­no con un neo­na­to o una neo­na­ta? Lo ab­bia­mo vi­sto ie­ri: sem­pli­ce­men­te non ri­spet­tan­do il di­vie­to e sa­len­do lo stes­so sul­le sca­le mo­bi­li. La stes­sa co­sa vie­ne fat­ta da chi ha un ca­ne.

Qual­che tu­ri­sta, che ha con sé bam­bi­ni o bam­bi­ne un po' più gran­di, fa scen­de­re la pro­pria pro­le dal­la carrozzina e in ma­nie­ra più di­li­gen­te chiu­de il pas­seg­gi­no e si met­te tra le brac­cia il fi­glio o la fi­glia. Nel­la ri­sa­li­ta di San Fran­ce­sco esi­ste per for­tu­na e per l'at­ten­zio­ne di chi l'ha pro­get­ta­to e rea­liz­za­to un si­ste­ma per per­met­te­re l'uti­liz­zo del­la strut­tu­ra an­che a por­ta­to­ri di han­di­cap mo­to­rio. All' in­gres­so dell'area un car­tel­lo blu con so­pra di­se­gna­ta una se­dia a ro­tel­le fa im­me­dia­ta­men­te ca­pi­re che c'è que­sta pos­si­bi­li­tà. Co­me sem­pre do­vreb­be es­se­re, da­to che l'ac­ces­si­bi­li­tà de­ve es­se­re un te­ma fon­da­men­ta­le per ogni cit­tà. Su tut­te le ram­pe di sca­le è in­stal­la­to il clas­si­co si­ste­ma che per­met­te di por­ta­re ver­so l'al­to e ver­so il bas­so una se­dia a ro­tel­le. In vi­ci­nan­za del mec­ca­ni­smo è po­si­zio­na­to pu­re un car­tel­lo che for­ni­sce tut­te le in­for­ma­zio­ni del ca­so sull'uti­liz­zo e sul fun­zio­na­men­to del mac­chi­na­rio. Ma lo stes­so si­ste­ma non è vi­si­bi­le al­la ri­sa­li­ta del Co­sto­ne, una strut­tu­ra che è in mol­ti pun­ti più stret­ta e più ir­ta ri­spet­to a quel­la di San Fran­ce­sco. Ciò ov­via­men­te crea pro­ble­mi, quin­di, an­che a por­ta­to­ri di han­di­cap mo­to­rio e non so­la­men­te a mam­me con pas­seg­gi­ni e a chi aves­se con sé un ca­ne.

Nel­la stes­sa ri­sa­li­ta del Co­sto­ne, all'ester­no del­la strut­tu­ra, ci so­no dei ser­vi­zi igie­ni­ci a pa­ga­men­to: pu­li­ti, vi­deo­sor­ve­glia­ti, ben te­nu­ti. C'è an­che un bagno per por­ta­to­ri di han­di­cap. Che ie­ri, ol­tre tut­to, era fuo­ri ser­vi­zio. ◀

Tut­ti gli uten­ti ag­gi­ra­no l’osta­co­lo usan­do lo stes­so i mez­zi mec­ca­ni­ci

Sie­na e i suoi pro­ble­mi quo­ti­dia­ni

Sca­le mo­bi­li im­pos­si­bi­li Per le mam­me con i pas­seg­gi­ni si­tua­zio­ne in­cre­di­bi­le, le ri­sa­li­te del­la cit­tà so­no sta­te vie­ta­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.