“Il Co­mu­ne fa­rà la­vo­ri di re­sty­ling dell’Eno­te­ca E poi gli sto­ri­ci lo­ca­li ver­ran­no da­ti in ge­stio­ne”

Il li­qui­da­to­re Raf­fae­le Su­si­ni: “Ci so­no Con­sor­zi e pri­va­ti pron­ti a far na­sce­re una strut­tu­ra si­mi­le all’En­te”

Corriere di Siena - - Siena - Di Gen­na­ro Grop­pa

▸ SIE­NA - I lo­ca­li dell'Eno­te­ca Ita­lia­na so­no sta­ti chiu­si, la fa­se di li­qui­da­zio­ne dell'en­te è or­mai en­tra­ta nel suo mo­men­to più cru­do con le sei let­te­re di li­cen­zia­men­to che so­no sta­te in­via­te agli ul­ti­mi di­pen­den­ti ri­ma­sti. E' la tri­ste con­clu­sio­ne di una vi­cen­da che si è pro­trat­ta per al­cu­ni an­ni con dif­fi­col­tà eco­no­mi­che in co­stan­te cre­sci­ta. Al­la fi­ne so­no più di 3 mi­lio­ni di eu­ro i de­bi­ti ac­cu­mu­la­ti da Eno­te­ca Ita­lia­na, a fron­te di qual­che cen­ti­na­ia di mi­glia­ia di eu­ro di cre­di­ti an­co­ra da ri­scuo­te­re (da azien­de pri­va­te e pu­re dal Mi­ni­ste­ro, che de­ve pa­ga­re all'en­te se­ne­se una ci­fra tra i 300mi­la e i 400mi­la eu­ro per pro­get­ti rea­liz­za­ti). Ma la sto­ria non fi­ni­sce qui. Per­ché da un la­to non è ter­mi­na­to il la­vo­ro del li­qui­da­to­re Raf­fae­le Su­si­ni, che con­ti­nua nel­la sua at­ti­vi­tà di ven­di­ta (di stock di mi­glia­ia di bot­ti­glie) e di re­cu­pe­ro cre­di­ti e che al con­tem­po cer­ca di guar­da­re al fu­tu­ro di un nuo­vo en­te che po­trà na­sce­re un do­ma­ni: "Non si trat­ta - spie­ga Su­si­ni - di qual­co­sa che può av­ve­ni­re in uno o due me­si. I sei di­pen­den­ti di Eno­te­ca Ita­lia­na po­tran­no es­se­re rias­sor­bi­ti nel nuo­vo en­te? Al mo­men­to non è pos­si­bi­le dir­lo. Pos­so so­la­men­te di­re che c'è un for­te in­te­res­sa­men­to di con­sor­zi e pu­re di pri­va­ti, an­che col­let­ti­vi, per da­re vi­ta ad una nuo­va Eno­te­ca Ita­lia­na". Sta­bi­li­re del­le tem­pi­sti­che al mo­men­to è tut­ta­via un az­zar­do. Pe­rò c'è un aspet­to di non po­co con­to. I lo­ca­li del­la For­tez­za Me­di­cea che so­no ap­pe­na sta­ti chiu­si era­no de­di­ca­ti al mon­do del vi­no sin da­gli an­ni Tren­ta del se­co­lo scor­so. Lo sta­tu­to fon­da­ti­vo di que­sto en­te ri­sa­le al 1960 ma già dal 1933 esi­ste­va in quel­le stan­ze una eno­te­ca ri­co­no­sciu­ta co­me en­te di di­rit­to pub­bli­co. L'at­tua­le am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le sem­bra in­ten­zio­na­ta a fa­re in mo­do che an­che in fu­tu­ro que­sti luo­ghi pos­sa­no con­ti­nua­re ad es­se­re de­di­ca­ti all'eno­lo­gia. E' ve­ro, a bre­ve ci sa­ran­no le ele­zio­ni comunali e la nuo­va am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le che usci­rà dal­le ur­ne e dai vo­ti espres­si dai cit­ta­di­ni se­ne­si po­treb­be an­che far cam­bia­re gli sce­na­ri. Ma at­tual­men­te le in­di­ca­zio­ni so­no que­ste. Una con­fer­ma ar­ri­va dal fat­to che nei gior­ni scor­si, pri­ma del­la chiu­su­ra del­le stan­ze, è sta­to ef­fet­tua­to un so­pral­luo­go da par­te di tec­ni­ci comunali che han­no da­to vi­ta ad una va­lu­ta­zio­ne sui pos­si­bi­li in­ter­ven­ti di ri­strut­tu­ra­zio­ne che pos­so­no es­se­re com­piu­ti nei lo­ca­li. L'am­mi­ni­stra­zio­ne ha mes­so in bi­lan­cio una som­ma per ef­fet­tua­re pros­si­ma­men­te (for­se già nel­la se­con­da me­tà del 2018) que­sti la­vo­ri. Co­sa si­gni­fi­ca que­sto? Si­gni­fi­ca che il Co­mu­ne vuo­le si­ste­ma­re i lo­ca­li in vi­sta del­la na­sci­ta di un nuo­vo en­te che avrà an­co­ra il vi­no al cen­tro del suo in­te­res­se e del suo co­re bu­si­ness. Su­si­ni con­fer­ma: "Il Co­mu­ne di Sie­na, so­prat­tut­to nel­le per­so­ne del sin­da­co Bru­no Va­len­ti­ni e dell' as­ses­so­re Mau­ro Ba­la­ni, si sta ado­pe­ran­do per tro­va­re del­le so­lu­zio­ni per que­sta vi­cen­da". I lo­ca­li so­no or­mai chiu­si e la pros­si­ma set­ti­ma­na ci sa­rà la ri­con­se­gna uf­fi­cia­le de­gli stes­si. Il li­qui­da­to­re Su­si­ni con­ti­nua i suoi in­con­tri e i suoi col­lo­qui per ca­pi­re qua­li con­sor­zi o en­ti o pri­va­ti po­tran­no met­te­re ener­gie e sol­di per una nuo­va real­tà im­pren­di­to­ria­le. Il Co­mu­ne po­trà nei pros­si­mi me­si emet­te­re un ban­do per la ge­stio­ne di que­sti spa­zi. Ve­dre­mo chi vi par­te­ci­pe­rà e ve­dre­mo se il sog­get­to vin­ci­to­re pen­se­rà an­che a rias­sor­bi­re i sei di­pen­den­ti che al­la vi­gi­lia di Pa­squa han­no ri­ce­vu­to la let­te­ra di li­cen­zia­men­to. ◀

Raf­fae­le Su­si­ni Il li­qui­da­to­re del­la sto­ri­ca Eno­te­ca Ita­lia­na na­ta nel lon­ta­no 1933

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.