CARLOTTO E LA RAI SMEMORATA

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA - di Ga­briel­la Im­pe­ra­to­ri

La sto­ria del bru­ta­le omicidio con 59 col­tel­la­te di Mar­ghe­ri­ta Ma­gel­lo, 24 an­ni, la co­no­sco­no tut­ti i ve­ne­ti che era­no gio­va­ni (non bam­bi­ni) ne­gli an­ni Set­tan­ta. Il de­lit­to, il pro­ces­so, la fu­ga all’este­ro del pre­sun­to col­pe­vo­le Mas­si­mo Carlotto, con­dan­na­to in Ap­pel­lo, e poi in Cas­sa­zio­ne, a 18 an­ni di car­ce­re, l’estra­di­zio­ne, la ga­le­ra, la gra­zia con­ces­sa da Oscar Lui­gi Scal­fa­ro, la ria­bi­li­ta­zio­ne. Mol­ti fi­no­ra co­no­sce­va­no pe­rò Carlotto so­lo co­me au­to­re di for­tu­nan­ti bestsel­ler: un gran­de scrit­to­re noir, la cui bril­lan­te car­rie­ra era ini­zia­ta pro­prio con l’au­to­bio­gra­fi­co «Il fug­gia­sco». Il ca­so, com­ple­to del­le mol­te vi­te del pro­ta­go­ni­sta, ha la­scia­to echi di dub­bio, fra ac­cu­sa e di­fe­sa, in pri­mis l’au­to­di­fe­sa del con­dan­na­to sem­pre di­chia­ra­to­si in­no­cen­te. L’iter giu­di­zia­rio è stato lun­go e com­ples­so, pe­rò do­po sei an­ni di car­ce­re Carlotto ha ri­ce­vu­to la gra­zia ri­chie­sta dai ge­ni­to­ri per mo­ti­vi di sa­lu­te psi­co­fi­si­ca. In­fi­ne la ria­bi­li­ta­zio­ne che, con­ces­sa per va­ri mo­ti­vi fra cui la buona con­dot­ta, can­cel­la la pe­na, re­sti­tui­sce i di­rit­ti di cit­ta­di­no a chi l’ha ot­te­nu­ta, an­che se non can­cel­la il no­me del ria­bi­li­ta­to dal ca­sel­la­rio giu­di­zia­rio. Que­sto, in estre­ma sin­te­si, il pas­sa­to. L’og­gi ag­giun­ge l’in­ca­ri­co a Carlotto, da par­te del­la Rai, di condurre una tra­smis­sio­ne in mol­te pun­ta­te su de­lit­ti pre­va­len­te­men­te se­ria­li, con ini­zio pro­prio og­gi, 18 mag­gio: in­ca­ri­co che ha sca­te­na­to po­le­mi­che fe­ro­ci.

Da un la­to - quel­lo giu­di­zia­rio - non è il­le­git­ti­mo, vi­sto che fra i di­rit­ti di cui go­de un ria­bi­li­ta­to ci sta an­che quel­lo di par­la­re in pub­bli­co, in Rai o an­che nel­le scuole, se lo in­vi­ta­no, per­fi­no di ciò che è ar­go­men­to dei suoi li­bri (e del­la sua vi­ta). Ma que­sta le­git­ti­mi­tà è suf­fi­cien­te a di­scol­pa­re la Rai, che se­con­do il pre­si­den­te del Con­si­glio Re­gio­na­le Ve­ne­to, Cia­bet­ti, avreb­be man­ca­to di sen­so di op­por­tu­ni­tà e di sen­si­bi­li­tà, aval­lan­do il so­spet­to di sfrut­ta­re in­ve­ce un cer­to no­me per mol­ti­pli­ca­re l’au­dien­ce? Que­sto lo pen­sa­no an­che i pa­ren­ti del­la vit­ti­ma. Se il de­lit­to si fos­se ve­ri­fi­ca­to og­gi, sa­reb­be stato ru­bri­ca­to co­me l’en­ne­si­mo fem­mi­ni­ci­dio, ge­ne­re di cri­mi­ne con­tro il qua­le la Rai di so­li­to si mo­stra as­sai sen­si­bi­le. Inol­tre, non po­chi so­sten­go­no che è ver­go­gno­so tra­sfor­ma­re in per­so­nag­gio me­dia­ti­co chi è stato con­dan­na­to per omicidio. Al con­tra­rio, c’è chi ab­brac­cia la te­si dell’in­no­cen­za, so­ste­nen­do che Carlotto è, «pri­ma di tut­to», un gran­de scrit­to­re. Dav­ve­ro pri­ma di tut­to? Giu­di­ca­re è sem­pre dif­fi­ci­le, co­me ci in­se­gna pa­pa Fran­ce­sco. Per­do­na­re si può. Pre­mia­re, ma­ga­ri con ul­te­rio­re suc­ces­so e con de­na­ri pub­bli­ci, chi ha di cer­to mol­to sof­fer­to ma mol­to ot­te­nu­to, co­me met­te­re in om­bra la par­te più con­tro­ver­sa del­la sua vi­ta, è ec­ces­si­vo. For­se per que­sto i pa­ren­ti del­la vit­ti­ma chie­do­no che, co­me mi­ni­mo, men­tre Carlotto par­le­rà, ap­pa­ia una di­da­sca­lia che ri­cor­di la sua con­dan­na. Non succederà di si­cu­ro, ma la pro­vo­ca­zio­ne non sa­reb­be frut­to di «fu­ro­re cen­so­rio», ben­sì un di­rit­to del­la vit­ti­ma a es­se­re ri­cor­da­ta. In Ame­ri­ca il gran­de re­gi­sta Po­lan­ski è stato re­cen­te­men­te espul­so dai vo­tan­ti all’Oscar per la (lon­ta­na ma gra­vis­si­ma) col­pa di aver stu­pra­to una tre­di­cen­ne, che pe­ral­tro og­gi, ri­fat­ta­si una vi­ta fe­li­ce, lo per­do­na. Si sa che l’Ame­ri­ca si di­mo­stra spes­so un pae­se for­ca­io­lo, ma l’Ita­lia, che non de­ve es­ser­lo, non do­vreb­be es­se­re nep­pu­re un pae­se sme­mo­ra­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.