El­kann s’in­di­gna «Igno­ran­za e bi­got­ti­smo»

L’im­pren­di­to­re in Fie­ra: «Po­le­mi­che pre­oc­cu­pan­ti»

Corriere di Verona - - DA PRIMA PAGINA - di Mat­teo So­rio

«La di­ver­si­tà è una for­za. Se la gen­te fa polemica su que­ste ini­zia­ti­ve è per­ché c’è tan­ta igno­ran­za. Ed è dell’igno­ran­za che bisogna pre­oc­cu­par­si per­ché è l’igno­ran­za che poi por­ta a na­zi­smo e fa­sci­smo, pen­san­do al pas­sa­to, o, ve­nen­do al pre­sen­te, agli estre­mi­smi, che non fan­no be­ne a nes­su­no». Tar­da mat­ti­na­ta di ieri, quan­do l’im­pren­di­to­re La­po El­kann, 40 an­ni, se­con­do­ge­ni­to di Mar­ghe­ri­ta Agnel­li e Alain El­kann, ni­po­te dell’Av­vo­ca­to, pa­dre del pro­get­to «Ga­ra­ge Ita­lia» pen­sa­to per personalizzare tut­to quel­lo che si muo­ve (au­to, ae­rei, mo­to, bar­che) ri­spon­de a quel­la do­man­da. La do­man­da era: co­sa pen­sa, El­kann, degli at­tac­chi da de­stra al con­ve­gno del 25 mag­gio sui mi­gran­ti Lgbt all’Uni­ver­si­tà di Ve­ro­na? Do­man­da che na­sce­va da uno dei pun­ti toc­ca­ti da El­kann nel suo in­ter­ven­to in un’af­fol­la­tis­si­ma Sa­la Blu, al Pa­laEx­po del­la Fie­ra, in oc­ca­sio­ne dell’ul­ti­mo gior­no di Au­to­mo­ti­ve Dea­ler Day: «La di­ver­si­tà è una for­za an­che in azien­da. A “Ga­ra­ge Ita­lia” la­vo­ro con ete­ro, gay, le­sbi­che, tut­te per­so­ne fan­ta­sti­che: il mondo cam­bia e bisogna es­se­re aper­ti, an­che per­ché in ge­ne­ra­le di ave­re gen­te che ci di­ce “sì, hai ra­gio­ne” non do­vreb­be fre­gar­ce­ne nien­te, quel­lo non è cer­to ar­ric­chi­men­to». Nel po­me­rig­gio (ve­di ar­ti­co­lo so­pra) l’Uni­ver­si­tà di Ve­ro­na an­nul­le­rà il tan­to di­scus­so con­ve­gno. Ma in­tan­to le pa­ro­le di El­kann dan­no l’idea di co­me pos­sa es­se­re vi­sta, da fuo­ri, tut­ta la vi­cen­da. «Io cre­do che die­tro cer­ti at­tac­chi ci sia una gran­de igno­ran­za - di­ce al­lo­ra El­kann cir­ca la polemica sul con­ve­gno an­nul­la­to - Chi so­no io per di­re che una don­na non può es­se­re fe­li­ce con una don­na o un uomo con un uomo? O che noi bian­chi sia­mo me­glio degli asia­ti­ci o di quel­li di co­lo­re? So­no caz­za­te. La real­tà è che la for­za, nel­la vi­ta e nel mondo e nel la­vo­ro, è l’in­te­gra­zio­ne. Bisogna es­se­re aper­ti e non bi­got­ti. E a vol­te, mi per­met­to di dir­lo, la chie­sa in que­sto non aiu­ta: con tut­to il ri­spet­to per la chie­sa e per que­sto Pa­pa di cui ho gran­de sti­ma».

Pre­sa di po­si­zio­ne, quel­la di El­kann, con­te­nu­ta in una mat­ti­na­ta pie­na d’idee, ri­fles­sio­ni, spun­ti per i vi­si­ta­to­ri di Au­to­mo­ti­ve. Spun­ti an­che per Ve­ro­na, in real­tà. «Personalizzare il tra­spor­to pub­bli­co ve­ro­ne­se co­me fac­cia­mo a “Ga­ra­ge Ita­lia”? Se un gior­no col­la­bo­ras­si con la vo­stra cit­tà use­rei l’im­ma­gi­ne dell’Are­na. Par­lia­mo di una del­le cit­tà più bel­le d’Ita­lia. E cre­do sia no­stro do­ve­re es­se­re i pri­mi pro­mo­to­ri del­la bel­lez­za del no­stro pae­se». Un po’ quel che vuol fa­re El­kann con «Ga­ra­ge Ita­lia», dal cui os­ser­va­to­rio se­gna­la che «nei pros­si­mi 15 an­ni ci sa­rà una ri­vo­lu­zio­ne nel mo­do di viag­gia­re, di con­ce­pi­re l’au­to, il tre­no, ogni mez­zo: l’in­fo­tain­ment en­tre­rà an­cor più di­ret­ta­men­te nel viag­gia­re, a 360°». Un messaggio ai con­ces­sio­na­ri? Di­ce, El­kann: «Quan­do si vende un au­to bisogna ge­ne­ra­re un sogno: col clien­te ser­ve re­cu­pe­ra­re pas­sio­ne e uma­ni­tà».

Ospi­te La­po El­kann ieri ad Au­to­mo­ti­ve Dea­ler Day: per ascol­tar­lo, in Fie­ra, la Sa­la Blu del Pa­laEx­po era tut­ta esau­ri­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.