«A ri­schio crol­lo»

Spro­fon­da un pi­lo­ne: set­te mil­li­me­tri in un me­se. Pron­ti la­vo­ri di som­ma ur­gen­za, ma non si tro­va un’im­pre­sa

Corriere di Verona - - REGIONE ATTUALITÀ - di Sa­ra D’Ascen­zo

Cer­tez­ze non ce ne so­no. Pe­ri­co­li sì. E an­che gra­vi. Se il Co­mu­ne di Bassano, che con or­go­glio con­vi­ve col Ponte vec­chio — di­strut­to e ri­co­strui­to tre vol­te — da al­me­no cin­que se­co­li, il 13 set­tem­bre ha ap­pro­va­to una de­li­be­ra che ver­ba­liz­za le pau­re di mol­ti sul­la te­nu­ta dell’in­fra­strut­tu­ra ed è ar­ri­va­to a met­te­re ne­ro su bian­co due espres­sio­ni che, do­po il di­sa­stro di Ge­no­va, met­to­no tut­ti sul chi vi­ve: «pos­si­bi­li chiu­su­re» e «per scon­giu­ra­re il crol­lo» del Ponte.

Lo spet­tro che la giun­ta gui­da­ta dal sin­da­co Ric­car­do Po­let­to agi­ta, si so­stan­zia con l’ar­ri­vo im­mi­nen­te di no­vem­bre: tra­di­zio­nal­men­te il me­se più ca­ri­co di piog­gia dell’an­no e quel­lo in cui i man­ca­ti la­vo­ri di con­so­li­da­men­to — che do­ve­va­no es­se­re ese­gui­ti dall’im­pre­sa Var­da­ne­ga — ren­de la si­tua­zio­ne dell’in­fra­strut­tu­ra pre­oc­cu­pan­te.

Va det­to che il Ponte è co­stan­te­men­te mo­ni­to­ra­to: sei sen­so­ri con­trol­la­no i mo­vi­men­ti dell’in­fra­strut­tu­ra; se ci so­no mo­vi­men­ti che su­pe­ra­no i li­mi­ti im­po­sta­ti, i sen­so­ri in­via­no in au­to­ma­ti­co gli allarmi a cin­que te­le­fo­ni re­pe­ri­bi­li, fan­no scat­ta­re due se­ma­fo­ri ros­si e un allarme so­no­ro sul ponte. Ma il con­trol­lo non ba­sta. Per quel­lo l’in­ge­gner Gian­ma­ria De Sta­vo­la ha pre­di­spo­sto un pia­no d’in­ter­ven­ti da 325mi­la eu­ro (sog­get­to a ri­bas­so d’asta) per la­vo­ri di «som­ma ur­gen­za».

Il Ponte è aper­to e tran­si­ta­bi­le, sep­pu­re in ma­nie­ra ri­dot­ta, ma la sti­la­ta 3 (una del­le co­lon­ne in le­gno a so­ste­gno del ponte) — che ne­gli ul­ti­mi due an­ni era ca­la­ta di 9 mil­li­me­tri — nel so­lo ul­ti­mo me­se è ca­la­ta di 7 mil­li­me­tri. «Que­sto ele­men­to — spie­ga l’as­ses­so­re Ro­ber­to Cam­pa­gno­lo — uni­to all’av­vi­ci­nar­si del me­se del­le piog­ge, no­vem­bre, ci ha fat­to al­ler­ta­re e pren­de­re la de­ci­sio­ne di di­spor­re i la­vo­ri di mes­sa in si­cu­rez­za. Po­treb­be non suc­ce­de­re nul­la co­me l’an­no scor­so, ma se ar­ri­va una pie­na im­por­tan­te dob­bia­mo es­se­re pron­ti. Gli stru­men­ti e i se­gna­li ci di­co­no che ser­ve un in­ter­ven­to. An­che se non è det­to che que­sto sia pos­si­bi­le».

Nel­la lun­ga sto­ria del Ponte vec­chio di Bassano c’è in­fat­ti an­che que­sto: i la­vo­ri si de­vo­no fa­re, ma non è det­to che si pos­sa­no fa­re. «Pri­mo per­ché il Bren­ta ti fa en­tra­re quan­do vuo­le lui — spie­ga an­co­ra l’as­ses­so­re — ab­bia­mo una fi­ne­stra tem­po­ra­le ri­stret­ta, di cin­que set­ti­ma­ne. Se­con­do per­ché non è fa­ci­le tro­va­re chi li fac­cia in al­veo (den­tro il fiu­me, ndr) e in co­sì po­co tem­po. E non è per­cor­ri­bi­le nem­me­no la so­lu­zio­ne che sia la In­co – l’im­pre­sa che è su­ben­tra­ta a Var­da­ne­ga nei la­vo­ri di con­so­li­da­men­to, ndr – a far­li, per­ché la In­co non ha i sub e do­vreb­be a sua vol­ta su­bap­pal­tar­li: so­lo di car­te ci vor­reb­be un me­se e mez­zo e noi non ab­bia­mo tut­to que­sto tem­po».

In Co­mu­ne, in­som­ma, de­vo­no fa­re i con­ti an­che con l’even­tua­li­tà che que­sti la­vo­ri di «som­ma ur­gen­za», sep­pu­re som­ma­men­te ur­gen­ti, non si rie­sca­no a fa­re. E a quel pun­to si do­vreb­be­ro tro­va­re al­tre soluzioni: «Ma­ga­ri non rag­giun­gia­mo il 100% di si­cu­rez­za, ma l’80 — spie­ga an­co­ra l’as­ses­so­re —. Si può pun­tel­la­re il ponte in un al­tro mo­do. Non che la si­tua­zio­ne non sia pre­oc­cu­pan­te: non c’è nes­su­no in gra­do di ga­ran­tir­ci nul­la, ma in ca­so di pro­ble­mi, ab­bia­mo una pro­ce­du­ra che ci con­sen­te con suf­fi­cien­te ga­ran­zia di chiu­de­re il Ponte se vi so­no pro­ble­mi di pie­na. Ri­cor­dia­mo che è un ponte in le­gno: non può ave­re un ce­di­men­to strut­tu­ra­le da un mo­men­to all’al­tro.

E che ol­tre a es­se­re un og­get­to, è una via di pas­sag­gio pe­do­na­le del­la cit­tà: il pro­get­to di re­stau­ro pre­ve­de­va che re­stas­se chiu­so po­co tem­po. Ora sia­mo in una fa­se di lim­bo di un pa­io di me­si e non pos­sia­mo per­met­ter­ce­la. Le immagini di Ge­no­va so­no ne­gli oc­chi di tut­ti, ma se pen­so a co­me ci sia­mo oc­cu­pa­ti del Ponte in que­sti an­ni, il li­vel­lo di at­ten­zio­ne da par­te no­stra è al­tis­si­mo ma il Ponte era de­bo­lis­si­mo già quat­tro an­ni fa quan­do sia­mo ar­ri­va­ti al go­ver­no del­la cit­tà e in que­sti an­ni non si è ag­giu­sta­to da so­lo, an­zi è peg­gio­ra­to. E’ già bra­vo a re­si­ste­re. E la no­stra at­ten­zio­ne de­ve ri­ma­ne­re al­ta».

La giun­ta si è da­ta co­me tem­po massimo la pros­si­ma set­ti­ma­na per de­ci­de­re: do­po sa­reb­be trop­po tar­di per­ché non ci sa­reb­be più la fi­ne­stra tem­po­ra­le ne­ces­sa­ria per in­ter­ve­ni­re. E in­tan­to la cit­tà at­tra­ver­sa il ponte guar­dan­do con an­sia i gior­ni che pas­sa­no.

Ponte in pe­ri­co­lo Il Ponte vec­chio di Bassano avreb­be do­vu­to es­se­re sot­to­po­sto a la­vo­ri di con­so­li­da­men­to mai ese­gui­ti dall’im­pre­sa (Na­var­ro)

Pun­tel­la­to Il Ponte vec­chio di Bassano è aper­to, sep­pu­re in mo­do ri­dot­to. Pri­ma di no­vem­bre van­no ese­gui­ti la­vo­ri per scon­giu­ra­re pe­ri­co­li di crol­lo (Na­var­ro)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.