Un re­stau­ro, un no al­la ma­fia

Do­ma­ni a Bo­bo­li la ce­na per il qua­dro fe­ri­to L’ex pro­cu­ra­to­re ca­po Quat­troc­chi: an­drò a ri­ve­der­lo agli Uf­fi­zi con gli stu­den­ti

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di Edoar­do Lu­se­na

La chia­ma la «stra­di­na». Lui può. Per­ché Giu­sep­pe Quat­troc­chi, ex pro­cu­ra­to­re ca­po di Fi­ren­ze, ha un le­ga­me for­tis­si­mo — suo mal­gra­do — con via dei Geor­go­fi­li e con le vi­cen­de che l’han­no vi­sta pro­ta­go­ni­sta. Per que­sto non ci ha pen­sa­to un at­ti­mo a so­ste­ne­re «Cul­tu­ra con­tro ter­ro­re», la cam­pa­gna di cro­w­d­fun­ding di Gal­le­rie de­gli Uf­fi­zi, Cor­rie­re Fio­ren­ti­no e Ban­ca Del Vec­chio per re­stau­ra­re I gio­ca­to­ri di car­te di Bar­to­lo­meo Man­fre­di, l’ul­ti­ma ope­ra an­co­ra da re­cu­pe­ra­re tra quel­le fe­ri­te dal­la bom­ba ma­fio­sa del 1993 ai Geor­go­fi­li. Un le­ga­me, il suo, fat­to an­che di vol­ti ami­ci che non ci so­no più: «Se po­tes­si vor­rei che il pros­si­mo 27 mag­gio, quan­do gra­zie al­la vo­stra ini­zia­ti­va il qua­dro tor­ne­rà al suo po­sto, ci fos­se an­che Ga­brie­le Che­laz­zi (il ma­gi­stra­to, scom­par­so nel 2003, che con Ales­san­dro Cri­ni e Giu­sep­pe Ni­co­lo­si, la­vo­rò all’in­chie­sta sul­la stra­ge, ndr), al di là del­le dia­gno­si me­di­che (fu stron­ca­to da un in­far­to, ndr) io so­no con­vin­to che per cer­ca­re di ri­co­strui­re ciò che è suc­ces­so ab­bia da­to la vi­ta». Per lui e non so­lo Quat­troc­chi cre­de nel pro­get­to di re­stau­ro: «Que­sta ope­ra­zio­ne è im­por­tan­te per­ché tut­ti i sin­go­li che ac­cet­ta­no di con­tri­bui­re an­che con un sol­di­no lo fan­no per­ché sen­to­no che è fi­na­liz­za­to non a una me­ra at­ti­vi­tà di re­stau­ro, ma a un ten­ta­ti­vo — se­con­do me riu­sci­to di da­re una for­ma pla­sti­ca di ri­cor­do di ciò che è ac­ca­du­to. E non so­lo, an­che di ciò che non è ac­ca­du­to, per­ché se quel Fio­ri­no im­bot­ti­to di tri­to­lo fos­se sta­to par­cheg­gia­to so­lo 20 me­tri più il bi­lan­cio sa­reb­be sta­to an­co­ra più gra­ve».

In­som­ma, un me­men­to, un mo­do fi­si­co per non di­men­ti­ca­re: «Un tri­bu­to agli sfor­zi del­le isti­tu­zio­ni — con­ti­nua Quat­troc­chi —e a quan­to fan­no per man­te­ne­re vi­vo il ri­cor­do di quan­to è ac­ca­du­to. Non è un’im­pre­sa fa­ci­le, sa? Io da 44 an­ni gi­ro le scuo­le e re­sto scon­cer­ta­to dal fat­to che i ra­gaz­zi non han­no co­gni­zio­ne di co­sa sia suc­ces­so e per­ché». Ma Quat­troc­chi di que­sto non fa un rim­pro­ve­ro: «So­no tal­men­te gio­va­ni che non han­no vis­su­to quel­la sta­gio­ne, non è cer­to col­pa lo­ro, in al­cu­ni ca­si i lo­ro stes­si ge­ni­to­ri non ri­cor­da­no. An­che per que­sto for­se ogni 27 mag­gio al­le 1,04 quan­do ci muo­via­mo in cor­teo da Pa­laz­zo Vec­chio ver­so via dei Geor­go­fi­li per il tri­bu­to al­la fa­mi­glia Nen­cio­ni e a Da­rio Ca­po­lic­chio, le cin­que vit­ti­me del­la stra­ge sia­mo sem­pre me­no. E un’ini­zia­ti­va co­me quel­la del re­stau­ro è im­por­tan­te per ri­co­strui­re il ri­cor­do. Ec­co, sì, vor­rei che la ri­spo­sta fos­se di po­po­lo a que­sto in­vi­to a par­te­ci­pa­re, per­ché si­gni­fi­che­reb­be che c’è la con­sa­pe­vo­lez­za che stia­mo re­stau­ran­do la me­mo­ria. È un in­vi­to a fa­re del­la sto­ria, per­ché quel­la stra­ge è già par­te del­la sto­ria, qual­co­sa di pro­prio e per que­sto spe­ro di ave­re la pos­si­bi­li­tà di guar­da­re quel qua­dro con i ra­gaz­zi, ma- ga­ri quel­li che fre­quen­ta­no la ter­za me­dia, che mi sem­bra­no i più adat­ti per far­si te­sti­mo­ni».

Fi­ren­ze, Quat­troc­chi lo sa be­ne, ol­tre ad es­se­re fe­ri­ta dal tri­to­lo, ri­spo­se. An­che sul pia­no giu­ri­di­co: «Il pro­ces­so di Fi­ren­ze — al di là dei di­bat­ti­men­ti ce­le­bra­ti al­tro­ve per giu­ste com­pe­ten­ze ter­ri­to­ria­li — ha giu­di­ca­to su tut­te le stra­gi, ma quel­la stra­di­na rap­pre­sen­ta il cuo­re del­la sta­gio­ne stra­gi­sta. Io per ul­ti­mo con Ni­co­lo­si e Cri­ni ho ri­pre­so tut­ta quel­la let­te­ra­tu­ra che so­no le car­te dell’in­chie­sta su via dei Geor­go­fi­li. E con il con­tri­bu­to del pen­ti­to Ga­spa­re Spa­tuz­za che ha for­ni­to nuo­vi spun­ti di in­da­gi­ne si è ar­ri­va­ti ad al­tri due er­ga­sto­li e a sce­na­ri che fan­no pen­sa­re che ci sia, ol­tre a chi su quell’esplo­si­vo ha mes­so le ma­ni, qual­cun al­tro che quel­le ma­ni le ha gui­da­te».

Il ma­gi­stra­to scom­par­so Quan­do l’ope­ra tor­ne­rà al suo po­sto, lì ci do­vreb­be es­se­re Ga­brie­le Che­laz­zi: per tro­va­re la ve­ri­tà lui ha da­to la vi­ta

La re­stau­ra­tri­ce Da­nie­la Lip­pi al­le pre­se con il re­stau­ro de «I gio­ca­to­ri di car­te», il qua­dro fe­ri­to dall’esplo­sio­ne del­la bom­ba ma­fio­sa ai Geor­go­fi­li

L’ex pro­cu­ra­to­re ca­po di Fi­ren­ze Giu­sep­pe Quat­troc­chi, qual­che tem­po fa, tra i ra­gaz­zi del­le scuo­le in via dei Geor­go­fi­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.