Le re­go­le va­ria­bi­li

Il via li­be­ra dei Cin­que­stel­le agli in­da­ga­ti in li­sta Ma a se­con­da dei ca­si...

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - di Da­vid Al­le­gran­ti

A una set­ti­ma­na dal voto on­li­ne per sce­glie­re il pros­si­mo can­di­da­to pre­mier del M5s, gli elet­to­ri del par­ti­to di Gril­lo co­no­sco­no fi­nal­men­te le re­go­le per vo­ta­re Lui­gi Di Ma­io o Di Ma­io Lui­gi. Non c’è un ve­ro duel­lo (chi so­no gli sfi­dan­ti?), non c’è un di­bat­ti­to pub­bli­co, se non quel­lo che vie­ne fuo­ri dai re­tro­sce­na dei gior­na­li, pie­ni di ma­lu­mo­ri, ma­les­se­ri, bor­bot­tii, ma nien­te di se­rio. Per­si­no il bel­li­co­so Ro­ber­to Fi­co pa­re non ave­re l’in­ten­zio­ne di met­ter­si con­tro il vi­ce­pre­si­den­te del­la Ca­me­ra, che am­bi­sce a sfi­da­re il Pd di Mat­teo Ren­zi e il cen­tro­de­stra per con­qui­sta­re il go­ver­no.

Le re­go­le ap­pe­na pub­bli­ca­te sul Sa­cro Blog con­ten­go­no una cla­mo­ro­sa ipo­cri­sia che i Cin­que Stel­le ac­cet­ta­no pur di de­si­gna­re Di Ma­io co­me can­di­da­to: «Ai can­di­da­ti a co­no­scen­za di in­da­gi­ni o pro­ce­di­men­ti pe­na­li ver­rà ri­chie­sto un cer­ti­fi­ca­to ri­la­scia­to ai sen­si dell’art. 335 del c.p.p., non­ché i do­cu­men­ti re­la­ti­vi ai fat­ti con­te­sta­ti ed una bre­ve re­la­zio­ne il­lu­stra­ti­va dei fat­ti con au­to­riz­za­zio­ne espres­sa al­la pub­bli­ca­zio­ne di ta­li at­ti nell’am­bi­to del­lo spa­zio ri­ser­va­to a cia­scun can­di­da­to». In­som­ma, è pos­si­bi­le can­di­dar­si an­che se si è in­da­ga­ti o si han­no pro­ce­di­men­ti pe­na­li in cor­so. Non ma­le per un par­ti­to che ha pre­so mi­lio­ni di vo­ti in­vo­can­do «one­stà» e for­che cau­di­ne per chiun­que sia an­che so­lo so­spet­ta­to di aver com­mes­so un rea­to.

Il Ms5, do­po aver ca­pi­to che le nuo­ve re­go­le pos­so­no es­se­re un boo­me­rang, ha ag­giun­to un po­st-scrip­tum al Sa­cro Blog: «Non c’è nes­su­na nuo­va re­go­la ri­guar­dan­te chi ha pro­ce­di­men­ti giu­di­zia­ri in cor­so: in ba­se al co­di­ce eti­co del Mo­vi­men­to 5 Stel­le gli in­da­ga­ti per fat­ti e com­por­ta­men­ti gra­vi, an­cor prima che ci sia una sen­ten­za del­la ma­gi­stra­tu­ra o ad­di­rit­tu­ra an­cor prima che ri­ce­va­no un av­vi­so di ga­ran­zia, ven­go­no so­spe­si. Ciò esclu­de au­to­ma­ti­ca­men­te la pos­si­bi­li­tà di una lo­ro can­di­da­tu­ra». Ma che co­sa si in­ten­de per «fat­ti e com­por­ta­men­ti gra­vi»? Ah, sa­per­lo. Le nor­me dei Cin­que Stel­le cam­bia­no più del cie­lo d’Ir­lan­da. Due an­ni fa Di Ma­io dis­se in un’in­ter­vi­sta a La Stam­pa che ba­sta es­se­re in­da­ga­to per non po­ter­si più can­di­da­re: «Di­pen­de dal ti­po di rea­to. Se sei in­da­ga­to per abu­so d’uf­fi­cio sì. È un rea­to gra­ve. Se sei in­da­ga­to stai fer­mo un gi­ro. Poi ve­dia­mo se la po­li­ti­ca si de­ci­de ad ac­ce­le­ra­re i pro­ces­si». Nel frat­tem­po so­no suc­ces­se mol­te co­se, com­pre­so un av­vi­so di ga­ran­zia per Vir­gi­nia Rag­gi, an­ti­ci­pa­to da un co­di­ce di com­por­ta­men­to «ga­ran­ti­sta» vo­ta­to on­li­ne: «La ri­ce­zio­ne, da par­te del por­ta­vo­ce, di “in­for­ma­zio­ni di ga­ran­zia” o di un av­vi­so di con­clu­sio­ne del­le in­da­gi­ni non com­por­ta al­cu­na au­to­ma­ti­ca va­lu­ta­zio­ne di gra­vi­tà dei com­por­ta­men­ti po­ten­zial­men­te te­nu­ti dal por­ta­vo­ce stes­so». Ag­giu­sta­re le re­go­le e poi da­re la col­pa agli al­tri è un’ar­te. Il pri­mo de­sti­na­ta­rio del nuo­vo re­go­la­men­to ad hoc per le can­di­da­tu­re a pre­si­den­te del Con­si­glio è pro­prio Di Ma­io, vi­sto che ha due pro­ce­di­men­ti in cor­so per pre­sun­ta dif­fa­ma­zio­ne. Re­cen­te­men­te, il par­ti­to del Ca­sal­gril­lo ha ad­di­rit­tu­ra ri­ven­di­ca­to gli av­vi­si di ga­ran­zia, con­si­de­ran­do­li una me­da­glia, co­me quel­li ri­ce­vu­ti per l’in­chie­sta su Aamps dal sin­da­co Fi­lip­po No­ga­rin e dal suo ex as­ses­so­re e og­gi neoas­ses­so­re al bi­lan­cio di Ro­ma Gian­ni Lem­met­ti. Cio­no­no­stan­te, il M5s man­tie­ne un to­no bur­ban­zo­so. «Gli al­tri par­ti­ti — di­ce il M5s — che han­no can­di­da­to con­dan­na­ti per an­ni e che si so­no pre­si i sol­di di Buz­zi, vo­glio­no in­se­gna­re a noi la le­ga­li­tà. Gli con­si­glia­mo di tran­quil­liz­zar­si e di go­der­si il vi­ta­li­zio che han­no per­ce­pi­to a par­ti­re da og­gi, tan­to quan­do an­dre­mo al go­ver­no lo ta­glie­re­mo. I par­ti­ti non han­no né can­di­da­ti né pro­gram­mi, so­lo pol­tro­ne da sal­va­re». A es­se­re pre­ci­si, il vi­ta­li­zio non esi­ste più e con­ti­nua­re a chia­mar­lo co­sì ser­ve so­lo a rac­cat­ta­re qual­che voto in più. Dal 15 set­tem­bre i par­la­men­ta­ri han­no ma­tu­ra­to il di­rit­to ad ave­re una pen­sio­ne di mil­le eu­ro cir­ca, cal­co­la­ta con si­ste­ma con­tri­bu­ti­vo, che in­cas­se­ran­no a par­ti­re dai 65 an­ni, ma non ri­sul­ta che nes­su­no dei par­la­men­ta­ri a Cin­que Stel­le ab­bia pre­sen­ta­to le di­mis­sio­ni prima di quel­la da­ta. «Chie­de­re­mo di di­rot­ta­re i no­stri con­tri­bu­ti al­le cas­se di ap­par­te­nen­za di ogni sin­go­lo par­la­men­ta­re o all’Inps per chi non ave­va aper­ta una po­si­zio­ne pre­vi­den­zia­le prima di en­tra­re in Par­la­men­to». «Il M5s pro­va a ri­nun­cia­re», ti­to­la­va ve­ner­dì La

Stam­pa. «Pro­va». Pa­re di sen­ti­re le scu­se di John Be­lu­shi nei

Blues Bro­thers: «Non ti ho tra­di­to. Di­co sul se­rio... Ero... ri­ma­sto sen­za ben­zi­na. Ave­vo una gom­ma a ter­ra. Non ave­vo i sol­di per pren­de­re il ta­xi. La tin­to­ria non mi ave­va por­ta­to il tight. C’era il fu­ne­ra­le di mia ma­dre! Era crol­la­ta la ca­sa! C’è sta­to un... ter­re­mo­to! Una tre­men­da inon­da­zio­ne! Le ca­val­let­te! Non è sta­ta col­pa mia!».

 Due an­ni fa Di Ma­io di­ce­va: non can­di­dia­mo chi è sot­to in­da­gi­ne Ora i gril­li­ni apro­no le pri­ma­rie an­che agli in­da­ga­ti

Fa­vo­ri­to Lui­gi Di Ma­io

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.