«Abu­si sul­la fi­glia del­la com­pa­gna» Ar­re­sta­to un ca­ra­bi­nie­re

L’uo­mo è il com­pa­gno del­la madre. È sta­to ar­re­sta­to per aver vio­la­to il di­vie­to di av­vi­ci­nar­si

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - Al­fre­do Faet­ti

L’ac­cu­sa è pe­san­tis­si­ma: abu­si ses­sua­li su una bam­bi­na di me­no di 10 an­ni, la fi­glia del­la sua com­pa­gna. Lui, un ca­ra­bi­nie­re di 50 an­ni in ser­vi­zio nel Grossetano e già so­spe­so dall’Ar­ma, è sta­to ar­re­sta­to per­ché do­po il di­vie­to di av­vi­ci­nar­si al­la pic­co­la im­po­sto­gli dal­la Pro­cu­ra ha cer­ca­to di met­ter­si in con­tat­to con lei. Tut­to è par­ti­to dal­la de­nun­cia del­la non­na del­la bam­bi­na.

GROS­SE­TO Po­che pa­ro­le, con­fu­se ma co­mun­que in­quie­tan­ti, han­no per­mes­so al­la non­na di raf­for­za­re i so­spet­ti che co­va­va da al­cu­ni gior­ni. La sua pic­co­la ni­po­te, 10 an­ni an­co­ra da com­pie­re, da qual­che tem­po si com­por­ta­va in mo­do stra­no, schi­vo, chiu­sa in se stes­sa. Qual­che idea se l’era fat­ta la don­na, ma era­no tal­men­te or­ri­bi­li che pri­ma di fa­re qual­sia­si co­sa ha vo­lu­to par­lar­ne con la bam­bi­na. Quan­do qual­che pa­ro­la è riu­sci­ta a usci­re dal­la boc­ca del­la pic­co­la, la non­na è cor­sa dal­la po­li­zia, pre­sen­tan­do una de­nun­cia nei con­fron­ti del com­pa­gno del­la madre per vio­len­za ses­sua­le ai dan­ni del­la ni­po­te.

Un ca­ra­bi­nie­re di 50 an­ni, in ser­vi­zio in Ma­rem­ma da al­cu­ni an­ni, a cui la Pro­cu­ra di Gros­se­to, apren­do le in­da­gi­ni, ha im­po­sto su­bi­to il di­vie­to di av­vi­ci­nar­si al­la bam­bi­na. Lui pe­rò non ha re­si­sti­to e ha cer­ca­to di te­le­fo­nar­le: co­sì, lu­ne­dì scor­so, è sta­to ar­re­sta­to da­gli stes­si ca­ra­bi­nie­ri e tra­sfe­ri­to nel car­ce­re di Pra­to. L’uo­mo ora è in iso­la­men­to, è già sta­to ascol­ta­to dal gip e ha L’in­gres­so del car­ce­re di Pra­to, do­ve è rin­chiu­so il ca­ra­bi­nie­re ac­cu­sa­to di abu­si sul­la fi­glia del­la com­pa­gna respinto tut­te le ac­cu­se. Per la Pro­cu­ra a Gros­se­to, pe­rò, ci so­no mo­ti­vi va­li­di per ri­te­ne­re fon­da­ta la de­nun­cia del­la non­na.

L’in­cu­bo è ve­nu­to al­la lu­ce il 10 set­tem­bre, quan­do la don­na si è ri­vol­ta al­la po­li­zia per de­nun­cia­re gli abu­si che l’uo­mo avreb­be com­mes­so sul­la bam­bi­na, ap­pro­fit­tan­do di qual­che mo­men­to di so­li­tu­di­ne quan­do la madre era fuo­ri ca­sa. So­spet­ta­va qual­co­sa l’an­zia­na, ma ha vo­lu­to una mez­za con­fer­ma pri­ma di ri­vol­ger­si al­la po­li­zia, tan­to era pe­san­te l’ac­cu­sa; quan­do la bam­bi­na ha fat­to in­tui­re di aver vis­su­to mo­men­ti di or­ro­re, non ci ha pen­sa­to due vol­te a de­nun­ciar­lo.

La Pro­cu­ra ha aper­to im­me­dia­ta­men­te un fa­sci­co­lo, af­fi­dan­do le in­da­gi­ni al nu­cleo in­ve­sti­ga­ti­vo dei ca­ra­bi­nie­ri, che nei gior­ni se­guen­ti so­no an­da­ti an­che nell’ap­par­ta­men­to del 50en­ne per­qui­sen­do­lo.

Il mi­li­ta­re è sta­to so­spe­so dal Co­man­do ge­ne­ra­le il 22 set­tem­bre, il gior­no in cui gli è sta­ta no­ti­fi­ca­ta la mi­su­ra di di­vie­to di di­mo­ra e av­vi­ci­na­men­to al­la bam­bi­na e ai suoi fa­mi­lia­ri. Ma già dal gior­no del­la pre­sen­ta­zio­ne del­la de­nun­cia, il 10 set­tem­bre, era sta­to mes­so «in stand by» dal ser­vi­zio: uf­fi­cial­men­te non era so­spe­so, ma nean­che an­da­va in ca­ser­ma.

In­sie­me all’apertura del­le in­da­gi­ni, la Pro­cu­ra ha im­po­sto su­bi­to due di­vie­ti nei con­fron­ti del mi­li­ta­re: quel­lo di di­mo­ra nel suo Co­mu­ne e quel­lo di av­vi­ci­nar­si al­la bam­bi­na. Lui pe­rò non ha re­si­sti­to e la set­ti­ma­na scor­sa ha cer­ca­to in ogni mo­do di met­ter­si in con­tat­to con lei, an­che chia­man­do­la al te­le­fo­no, fi­nen­do co­sì per es­se­re sco­per­to dai fa­mi­lia­ri. Una mos­sa che ha por­ta­to al suo ar­re­sto, con l’ac­cu­sa di vio­len­za ses­sua­le ag­gra­va­ta do­ve l’ag­gra­van­te è il man­ca­to ri­spet­to del­le mi­su­re cau­te­la­ri già emes­se. Il ca­ra­bi­nie­re non ha det­to una pa­ro­la quan­do i col­le­ghi gli han­no mes­so le ma­net­te ai pol­si: le ac­cu­se le ha re­spin­te una ad una sol­tan­to da­van­ti al gip. «Poi­ché ave­va vio­la­to le mi­su­re cau­te­la­ri, la Pro­cu­ra ha ri­chie­sto la più gra­vo­sa mi­su­ra del­la cu­sto­dia cau­te­la­re in car­ce­re, uni­ca ido­nea a sal­va­guar­da­re le com­pro­va­te esi­gen­ze cau­te­la­ri», spie­ga il pro­cu­ra­to­re Raf­fael­la Ca­pas­so, stan­do ben at­ten­ta a non far tra­pe­la­re al­cu­na in­for­ma­zio­ne le­ga­ta al­le ge­ne­ra­li­tà dell’uo­mo, co­sì da garantire l’ano­ni­ma­to del­la pic­co­la.

Il mi­li­ta­re — si leg­ge in una no­ta strin­ga­ta dif­fu­sa dal pro­cu­ra­to­re — è so­spet­ta­to di aver abu­sa­to di una bam­bi­na di età in­fe­rio­re a die­ci an­ni, con la qua­le lo stes­so ave­va oc­ca­sio­ne di in­trat­te­ner­si per mo­ti­vi fa­mi­lia­ri». In­som­ma, l’uo­mo è fi­ni­to in car­ce­re per­ché gli in­qui­ren­ti vo­le­va­no ave­re la cer­tez­za che non po­tes­se più av­vi­ci­nar­si al­la bam­bi­na, sia per sal­va­guar­da­re la in­co­lu­mi­tà del­la pic­co­la sia per­ché non ven­ga con­di­zio­na­ta in vi­sta del­le in­da­gi­ni.

Il fa­sci­co­lo in­fat­ti re­sta aper­to, sul­la ba­se dei ma­te­ria­li se­que­stra­ti e dai rac­con­ti di fa­mi­lia­ri e ami­ci che ades­so sa­ran­no ascol­ta­ti, co­sì da riu­sci­re ad ar­ri­va­re al­la ve­ri­tà di que­sta sto­ria dai con­tor­ni in­quie­tan­ti che ha get­ta­to sgo­men­to in tut­ta la Ma­rem­ma.

La svol­ta La non­na che ave­va già so­spet­ti si è ri­vol­ta al­la po­li­zia do­po aver par­la­to con la pic­co­la So­spe­so dall’Ar­ma Do­po la de­nun­cia il mi­li­ta­re è sta­to te­nu­to a ri­po­so, poi è ar­ri­va­ta la mi­su­ra più du­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.