Via il Jobs Act, a «Pia­na­grad» tor­na l’articolo 18

Corriere Fiorentino - - La Città & La Regione - Antonio Pas­sa­ne­se

La «Sta­lin­gra­do dell’articolo 18» pas­sa dal­la Pia­na. Lorenzo Fal­chi (Si­ni­stra Italiana), Emi­lia­no Fos­si e Al­ber­to Cri­stia­ni­ni (Pd), sin­da­ci di Se­sto, Cam­pi e Si­gna, ie­ri han­no pre­so una de­ci­sio­ne sto­ri­ca e che pro­vo­che­rà un ter­re­mo­to po­li­ti­co. I tre so­ci di Qua­li­tà&Ser­vi­zi, l’azien­da pub­bli­ca che ge­sti­sce le men­se nei ni­di co­mu­na­li di Se­sto e Ca­len­za­no e nel­la re­si­den­za sa­ni­ta­ria di Vil­la So­la­ria, han­no de­ci­so di rein­tro­dur­re la nor­ma che im­pe­di­sce il li­cen­zia­men­to sen­za giu­sta cau­sa. Il provvedimento ri­guar­de­rà in ma­nie­ra re­troat­ti­va una ven­ti­na di con­trat­ti (su 200) per i qua­li era sta­to ap­pli­ca­to il Jobs act, leg­ge di ri­for­ma del la­vo­ro ap­pro­va­ta dal go­ver­no Renzi nel 2014. Se la fir­ma del pa­sda­ran Fal­chi ap­pa­ri­va scon­ta­ta, a far no­ti­zia og­gi è l’ap­pog­gio da par­te dei di due sin­da­ci del Pd (Fos­si e Cri­stia­ni­ni), ov­ve­ro il par­ti­to che più di tut­ti si è bat­tu­to per l’ap­pro­va­zio­ne del­la nor­ma. «Sia­mo mol­to sod­di­sfat­ti per la co­mu­nan­za di ve­du­te con le al­tre am­mi­ni­stra­zio­ni so­cie dell’azien­da, in­sie­me al­le qua­li ab­bia­mo con­di­vi­so vi­sio­ne e in­ten­ti — di­ce il pri­mo cit­ta­di­no di Se­sto — Con que­sto ac­cor­do, an­ti­ci­pa­to da quel­lo sull’or­ga­niz­za­zio­ne in­ter­na dell’azien­da e sui suoi obiet­ti­vi, la qua­li­tà del­la men­sa mi­glio­re­rà due vol­te: piat­ti più buo­ni e più sa­ni pre­pa­ra­ti in un am­bien­te di la­vo­ro più giu­sto». Pur co­scien­ti che, pro­ba­bil­men­te da og­gi, all’in­ter­no dei de­mo­cra­ti­ci e nel­la cer­chia ren­zia­na qual­cu­no po­treb­be chie­de­re la lo­ro te­sta o un die­tro­front, Emi­lia­no Fos­si e Al­ber­to Cri­stia­ni­ni non sem­bra­no per nul­la pen­ti­ti del­la scel­ta fat­ta. Il più tran­chant tra i due è il sin­da­co di Si­gna: «Noi si va con­tro­cor­ren­te, mi­ca bi­so­gna es­se­re tut­ti ren­zia­ni!? Quel­la dell’articolo 18 è un’op­por­tu­ni­tà che ab­bia­mo vo­lu­to co­glie­re… dun­que nessun ap­piat­ti­men­to sul­le po­si­zio­ni di Se­sto». «Non mi crea nessun im­ba­raz­zo es­se­re in di­sac­cor­do, in que­sto ca­so, con la li­nea uf­fi­cia­le del mio par­ti­to — gli fa eco il col­le­ga cam­pi­gia­no — Non è la pri­ma vol­ta e non me ne ver­go­gno». E ora nel­la cin­tu­ra fio­ren­ti­na non si par­la più di Se­sto­grad, ma di Pia­na­grad.

Lorenzo Fal­chi, sin­da­co di Se­sto

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.