Il fo­to­gra­fo dei ghiac­ci

A 20 an­ni Bra­ca­li ha la­scia­to Pi­sto­ia per rac­con­ta­re il sur­ri­scal­da­men­to del­la Ter­ra I suoi scat­ti so­no rac­col­ti in 13 vo­lu­mi, l’ul­ti­mo sui re­stau­ri del­le tre chie­se di Ma­dre Te­re­sa in In­dia

Corriere Fiorentino - - Culture - Edoar­do Sem­mo­la

«Ho fat­to tut­to que­sto per­ché ero un bam­bi­no mol­to pau­ro­so, estre­ma­men­te ti­mi­do. E ipo­con­dria­co. Con at­tac­chi di pa­ni­co già a 11 an­ni, un’ado­le­scen­za pro­ble­ma­ti­ca, con dif­fi­col­tà ad ap­proc­cia­re le ra­gaz­ze». Ar­ri­va­to a 20 an­ni Lu­ca Bra­ca­li ha ca­pi­to: «O mi la­scia­vo an­da­re a una cri­si di ner­vi o mi but­ta­vo nel­la fo­to­gra­fia. Per gi­ra­re il mon­do». Ed è co­sì che a me­tà de­gli an­ni Ot­tan­ta — do­po aver ini­zia­to co­me fo­to­gra­fo di cor­se di au­to e mo­to a bor­do pi­sta — ha fat­to le va­li­ge e ha la­scia­to la sua cit­tà na­ta­le, Pi­sto­ia. De­sti­na­zio­ne: tut­to il mon­do. Ed è an­co­ra lì che gi­ra: è tor­na­to dal Ma­roc­co do­ve la scor­sa set­ti­ma­na te­ne­va un work­shop di fo­to­gra­fia na­tu­ra­li­sti­ca, ora si tro­va nei gran­di par­chi Usa a stu­dia­re la fau­na, poi lo at­ten­do­no in Ma­da­ga­scar. Il 3 no­vem­bre sa­rà al­la Con­cor­dia University di Mon­treal in Ca­na­da a te­ne­re una con­fe­ren­za sul ri­scal­da­men­to glo­ba­le. La sal­va­guar­dia del­la na­tu­ra è la sua stel­la po­la­re.

I suoi mi­glio­ri ami­ci so­no i lu­pi ar­ti­ci: la sua fo­to­gra­fia più ce­le­bre lo im­mor­ta­la men­tre un bran­co di lu­pi lo di­vo­ra di ba­ci: «Li amo al pun­to che per scher­zo mi han­no pa­ra­go­na­to a San Fran­ce­sco, en­tram­bi ci par­lia­mo con i lu­pi». Ha un ap­proc­cio quan­to­me­no ra­di­ca­le: «Non ho mai fu­ma­to una si­ga­ret­ta né mai be­vu­to un caf­fè in vi­ta mia, mai dro­ga­to, mai as­sun­to al­co­li­ci. Mi man­ten­go pu­ro den­tro co­me mi pia­ce pen­sa­re che deb­ba es­se­re l’eco­si­ste­ma del­la ter­ra, pu­ro». Han­no da­to il suo no­me an­che a un aste­roi­de, sco­per­to nel 2005 dall’Os­ser­va­to­rio astro­no­mi­co di San Mar­cel­lo Pi­sto­ie­se.

Do­po 13 li­bri sul­lo scio­gli­men­to dei ghiac­ci, 28 spe­di­zio­ni ar­ti­che, do­po aver do­cu­men­ta­to la cri­si de­gli or­si po­la­ri «che so­no sta­ti la mia sfi­da più gran­de a 53 gra­di sot­to ze­ro» rac­con­ta, lo sbian­ca­men­to del­la Il ba­cio del lu­po Questa fo­to è sta­ta scat­ta­ta a Bar­di nel nord del­la Nor­ve­gia: è si­cu­ra­men­te tra i suoi scat­ti più co­no­sciu­ti bar­rie­ra co­ral­li­na e il re­stau­ro dei ce­le­bri Moai di Ra­pa Nui, l’Iso­la di Pa­squa, è giun­to il mo­men­to del­la svol­ta te­ma­ti­ca per que­sto viag­gia­to­re av­ven­tu­rie­ro fo­to­gra­fo pi­sto­ie­se di 52 an­ni.

«So­no mol­to re­li­gio­so — rac­con­ta — nel sen­so fran­ce­sca­no. E so­lo ora ho po­tu­to in­te­gra­re que­sto mio sen­ti­men­to nel la­vo­ro con un “cam­mi­no fo­to­gra­fi­co” nel­la fe­de. L’Isti­tu­to Ita­lia­no In­ter­na­zio­na­le Lorenzo de’ Me­di­ci di Fi­ren­ze per cui la­vo­ro e che edi­ta i miei li­bri, ha fi­nan­zia­to il re­stau­ro del­le tre chie­se di Ma­dre Te­re­sa in In­dia, af­fi­dan­do i la­vo­ri a Lorenzo Ca­sa­men­ti (re­stau­ra­to­re an­che di ope­re di Bea­to An­ge­li­co, Ghir­lan­da­io, Pao­lo Uc­cel­lo e Si­mo­ne Mar­ti­ni a Fi­ren­ze, ndr): ho se­gui­to i suoi pro­gres­si dal 2014, quel­le chie­se ca­de­va­no a pez­zi, so­prat­tut­to la cat­te­dra­le di Nuo­va De­lhi». Ave­va già se­gui­to La pun­ta di un ice­berg vi­sta dal dro­ne in Groen­lan­dia Una fo­to scat­ta­ta di fron­te ai Moai dell’Iso­la di Pa­squa Ca­sa­men­ti a Ra­pa Nui per i Moai, rea­liz­zan­do il suo do­di­ce­si­mo vo­lu­me. Ora, il 6 ot­to­bre, il tre­di­ce­si­mo: «Il mio per­so­na­le omag­gio all’espe­rien­za di Ma­dre Te­re­sa, co­glien­do mo­men­ti dif­fi­cil­men­te ri­pe­ti­bi­li co­me l’im­me­dia­tez­za del­la lu­ce che col­pi­sce gli af­fre­schi, la po­stu­ra del re­stau­ra­to­re». Il vo­lu­me usci­rà il gior­no do­po aver­ne con­se­gna­to la pri­ma co­pia a mon­si­gnor Pa­trick Nair, ve­sco­vo di Mee­rut, ami­co sto­ri­co di Ma­dre Te­re­sa.

Fat­to pa­ce con le sue esi­gen­ze re­li­gio­se, Bra­ca­li è ri­par­ti­to, tor­nan­do «a ciò a cui ho con­sa­cra­to la mia vi­ta: il glo­bal war­ming». Ad apri­le è sta­to chia­ma­to a Bru­xel­les per al­le­sti­re una mo­stra Ar­ti­co sot­to at­tac­co nel­la se­de del Par­la­men­to Eu­ro­peo. Per la Rai ha rea­liz­za­to al­cu­ne pun­ta­te di Ea­sy Dri­ver nel 2011 e più re­cen­te­men­te di Ki­li­man­gia­ro. Ora Rai 2 lo ha chia­ma­to per una pun­ta­ta di Rai Storie «do­po che han­no vi­sto la fo­to che ho scat­ta­to al Po­lo Nord lan­cian­do in aria in per­pen­di­co­la­re un dro­ne che mo­stra lo scio­gli­men­to de­gli ice­berg».

Non è il pri­mo, né il più «fa­mo­so» tra gli ice­berg a cui ha da­to la cac­cia: lo scor­so 8 set­tem­bre in Groen­lan­dia ha im­mor­ta­la­to un ice­berg usci­to dal­lo stes­so ghiac­cia­io che un se­co­lo fa af­fon­dò il Ti­ta­nic. «Due an­ni fa nel cir­co­lo po­la­re ve­de­vo or­si sui ban­chi di ghiac­cio a cac­cia di fo­che, do­di­ci me­si do­po ci so­no tor­na­to e il ghiac­cio si era ri­ti­ra­to, si ci­ba­va­no di ra­di­ci e al­ghe in un ver­de in­na­tu­ra­le e a cau­sa di agen­ti chi­mi­ci in­qui­nan­ti al­cu­ni di lo­ro era­no di­ven­ta­ti er­ma­fro­di­ti». Tra le sue fo­to­gra­fie più fa­mo­se c’è lo Jö­kul­sár­lón, il ghiac­cia­io più gran­de d’Eu­ro­pa, si­tua­to in Islan­da. Nel 2009 ha rag­giun­to il Po­lo Nord a pie­di, usan­do so­lo gli sci, e nel 2011 è sta­to «il pri­mo al mon­do a po­ter en­tra­re e fo­to­gra­fa­re la Ban­ca Mon­dia­le dei Se­mi al­le iso­le Sval­bard, il luo­go sca­va­to nel­la roc­cia do­ve ven­go­no con­ser­va­ti nel ghiac­cio tut­ti i se­mi che ser­vi­reb­be­ro a far ri­na­sce­re le col­ti­va­zio­ni in ca­so di ca­ta­cli­sma glo­ba­le. Da quel viag­gio si è por­ta­to die­tro an­che uno scat­to de­sti­na­to a en­tra­re nel­la sto­ria re­cen­te del­la mu­si­ca: con l’im­ma­gi­ne del Mo­na­co Gla­cier al­le Sval­bard ha rea­liz­za­to la co­per­ti­na dell’ul­ti­mo di­sco di Fran­ce­sco Guc­ci­ni, L’ul­ti­ma Thu­le.

«La lam­pa­di­na — ri­cor­da — mi si è ac­ce­sa il gior­no in cui so­no an­da­to al­la ba­se di Ver­nad­sky in An­tar­ti­de, era il 2004, il luo­go in cui c’è il cen­tro di ri­cer­ca do­ve ven­ne sco­per­to da Jo­na­than Shan­klin il bu­co dell’ozo­no». Da quel mo­men­to ha vi­sto qua­si so­lo «bian­co», il co­lo­re del­la ne­ve. Con pic­co­le ma im­por­tan­ti pa­ren­te­si al­le ori­gi­ni del mon­do tra Mon­go­lia, Viet­nam, Ma­da­ga­scar, In­do­ne­sia. «Il mio sco­po co­me fo­to­gra­fo è fa­re ve­de­re a voi che vi­ve­te nel­le cit­tà, tut­to quel­lo che per l’in­qui­na­men­to e il ri­scal­da­men­to tra po­co non po­tre­te ve­de­re più. Fo­to­gra­fo la bel­lez­za per rac­con­tar­vi co­me stia­mo uc­ci­den­do la bel­lez­za».

 Il mio obiet­ti­vo è quel­lo di mo­stra­re a chi vi­ve in cit­tà la bel­lez­za che scom­pa­re per col­pa di tut­ti i fat­to­ri in­qui­nan­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.