LA SCUO­LA TO­SCA­NA DELL’IMPARZIALITÀ

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - Pao­lo Ar­ma­ro­li

Aun con­te­sta­to­re che dal log­gio­ne di­stur­ba­va il suo spet­ta­co­lo, Et­to­re Pe­tro­li­ni co­sì re­pli­cò: «Io non ce l’ho con te. No, ce l’ho con chi ti sta se­du­to ac­can­to per­ché an­co­ra non ti ha but­ta­to giù di sot­to».

Non lo si im­pa­ra a scuo­la, che le per­so­ne pos­so­no di­men­ti­ca­re quel­lo che tu fai per lo­ro e quel­lo che tu di­ci lo­ro, ma mai di­men­ti­che­ran­no quel­lo che fai sen­ti­re lo­ro. Non lo in­se­gna nes­su­no, che la vo­ce del ver­bo «aiu­ta­re» è la più fa­ci­le e gra­ti­fi­can­te da co­niu­ga­re in tut­ti i tem­pi, al pas­sa­to, al pre­sen­te e al fu­tu­ro. Né è scrit­to da al­cu­na par­te che le buo­ne azio­ni so­no il mi­glio­re in­ve­sti­men­to che esi­sta per­ché il va­lo­re è ine­sti­ma­bi­le e non v’è mo­do di ven­der­le o ac­qui­star­le. Ma pur se non si in­se­gna e non si im­pa­ra, la buo­na vo­lon­tà c’è, esi­ste, è nel­le cor­de di al­cu­ni. Per esem­pio, è nel quo­ti­dia­no di Da­ni­lo. Che è tra i fon­da­to­ri a Reg­gel­lo del­la Cro­ce Az­zur­ra, che è per an­ni il pre­si­den­te, che ali­men­ta la cre­sci­ta e lo svi­lup­po dell’as­so­cia­zio­ne, au­men­tan­do set­to­ri di in­ter­ven­to, spa­zi so­cia­li, par­co mez­zi, nu­me­ro di vo­lon­ta­ri, se­di e so­prat­tut­to l’ap­prez­za­men­to di chi vi­ve nel Val­dar­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.