Ma i Co­mu­ni han­no can­cel­la­to 400 et­ta­ri di ter­re­ni in due an­ni

Corriere Fiorentino - - Primo Piano - Mar­zio Fa­tuc­chi

La To­sca­na con­ti­nua a con­su­ma­re il suo suo­lo, an­che quel­lo ver­gi­ne, na­tu­ra­le. E pu­re quel­lo vin­co­la­to, per­si­no sul­la co­sta. No­no­stan­te i vin­co­li del­la leg­ge 65, che ie­ri il go­ver­na­to­re En­ri­co Ros­si ha ri­chia­ma­to a tre an­ni dal­la sua ap­pro­va­zio­ne. Ma se l’avan­za­ta del ce­men­to non si è fer­ma­ta non è col­pa del­la leg­ge, ben­sì del­la sua at­tua­zio­ne e di co­me al­cu­ni Co­mu­ni han­no sfrut­ta­to le nor­me tran­si­to­rie.

Tra il 2015 ed il 2016 — quin­di con il Pia­no del pae­sag­gio già in vi­go­re — al­tri 403 et­ta­ri so­no pas­sa­ti da na­tu­ra­le o agri­co­lo ad «ar­ti­fi­cia­le». Ec­co­lo il nuo­vo ce­men­to. I nu­me­ri pos­so­no in­gan­na­re: in quei due an­ni è sta­to con­su­ma­to «so­lo» lo 0,25 per cen­to del to­ta­le del ter­ri­to­rio to­sca­no, ma si trat­ta di ter­re­ni pa­ri a ol­tre 560 cam­pi da cal­cio, stan­dard Fi­fa. A dir­lo so­no le ana­li­si sa­tel­li­ta­ri dell’Ispra, con­te­nu­te in un Rap­por­to pre­sen­ta­to al mi­ni­ste­ro dei Be­ni cul­tu­ra­li. Ne­gli ul­ti­mi 4 an­ni, in To­sca­na, il 60 per cen­to del con­su­mo di suo­lo ha ri­guar­da­to aree agri­co­le o na­tu­ra­li, sia «uf­fi­cia­li», cioè re­gi­stra­te co­me ta­li che «di fat­to», cioè ab­ban­do­na­te. So­lo il 10 per cen­to ha ri­guar­da­to aree già pre­va­len­te­men­te ur­ba­niz­za­te e «ar­ti­fi­cia­li», cioè si è po­co an­da­ti a «riem­pi­re» le zo­ne già ag­gre­di­te, ne­gli ul­ti­mi 70 an­ni, dal ce­men­to. È for­se il da­to più ecla­tan­te per la To­sca­na con­te­nu­to nel rap­por­to. La par­te di ana­li­si pun­tua­le sul ter­re­no è quel­la dal­la qua­le emer­go­no i da­ti, la «sto­ria» di quan­to e co­me il no­stro ter­ri­to­rio e pae­sag­gio è cam­bia­to dal 1960 ad og­gi. È sta­ta cu­ra­ta da An­na Mar­so — do­cen­te dell’uni­ver­si­tà Iuav di Ve­ne­zia e ma­dri­na del­la leg­ge to­sca­na sul pae­sag­gio, quan­do era as­ses­so­re al go­ver­no del Ter­ri­to­rio nel­la pri­ma giun­ta di En­ri­co Ros­si — as­sie­me a Ro­ber­to Ban­chi­ni (di­ri­gen­te del Mi­ni­ste­ro), An­ge­la Bar­ba­nen­te (Po­li­tec­ni­co di Ba­ri) e Lio­nel­la Scaz­zo­si (Po­li­tec­ni­co di Mi­la­no).

La To­sca­na non è una del­le re­gio­ni ita­lia­ne più ag­gre­di­te dal con­su­mo di suo­lo, in ter­mi­ni per­cen­tua­li e rea­li. Ma c’è una zo­na che in­ve­ce se la gio­ca con gli em­ble­mi del­la ce­men­ti­fi­ca­zio­ne da­gli an­ni ‘60 ad og­gi: l’area Fi­ren­ze-Pi­sa, lun­go l’Ar­no, in­fat­ti è an­no­ve­ra­ta tra quel­le do­ve il con­su­mo di suo­lo è mag­gio­re, as­sie­me a «le pia­nu­re del Set­ten­trio­ne, del La­zio, del­la Cam­pa­nia e del Sa­len­to, le prin­ci­pa­li aree me­tro­po­li­ta­ne e le fa­sce co­stie­re, in par­ti­co­la­re quel­le adria­ti­ca, li­gu­re, cam­pa­na e si­ci­lia­na». Pro­prio sul­la co­sta to­sca­na, c’è l’al­tra sor­pre­sa. En­tro i 300 me­tri dal ma­re, il con­su­mo di suo­lo dal 2012 al 2016 ha con­ti­nua­to ad au­men­ta­re, del­lo 0,24 per cen­to. Stes­sa ci­fra del­la Sar­de­gna, per fa­re un con­fron­to. Non so­lo: il 21,4 per cen­to di que­sto ter­ri­to­rio è sta­to «oc­cu­pa­to» dal ce­men­to. E qua­si l’80 per cen­to è ad «ele­va­ta o mol­to ele­va­ta fram­men­ta­zio­ne»: cioè ci so­no pre­sen­ze con­ti­nue di fab­bri­ca­ti ed al­tri cor­pi. Tut­ti ele­men­ti che tra­sfor­ma­no il pae­sag­gio. Al­tre zo­ne, al­tri pro­ble­mi: l’au­men­to di uso del suo­lo in aree vin­co­la­te dal­la leg­ge sta­ta­le è sta­to del «7% fi­no al 2010 per poi sa­li­re fi­no a rad­dop­pia­re nel 2015», si leg­ge nel rap­por­to. Ma co­me è pos­si­bi­le che la leg­ge to­sca­na non ab­bia mes­so uno stop de­fi­ni­ti­vo all’ag­gres­sio­ne al pae­sag­gio?

«Le ri­spon­do con una do­man­da: per­ché il Pia­no pae­sag­gi­sti­co ha avu­to tan­ti ne­mi­ci? — ri­bat­te Mar­son — Per­ché il vin­co­lo “nu­do”, non as­si­cu­ra af­fat­to che non si co­strui­sca. So­no so­lo le nor­me del Pia­no che dan­no re­go­le cer­te. Per mol­ti cit­ta­di­ni que­sta cer­tez­za è im­por­tan­te, co­me per mol­ti im­pren­di­to­ri che ap­prez­za­no la chia­rez­za su co­sa si può o non si può fa­re, e co­me. Al­tri pre­fe­ri­sco­no l’in­cer­tez­za: per­ché se tro­vi il fun­zio­na­rio che in­ter­pre­ta il vin­co­lo pae­sag­gi­sti­co in mo­do me­no ri­gi­do, ti fa co­strui­re; e ma­ga­ri hai più pro­ble­mi a ot­te­ne­re la ve­ran­da per la ca­sa già esi­sten­te». Era la for­za del Pia­no del pae­sag­gio, re­dat­to as­sie­me al mi­ni­ste­ro (in Ita­lia ce ne so­no so­lo 3: in Pu­glia e in Pie­mon­te, ol­tre al­la To­sca­na). Quel­lo di ave­re un qua­dro cer­to, scien­ti­fi­co: re­go­le chia­re, li­mi­ti del­la di­scre­zio­na­li­tà. Ma co­me è pos­si­bi­le che in­ve­ce si co­strui­sca an­co­ra sul­la co­sta? Il Pia­no lo per­met­te­va? «No: nel­la zo­na co­stie­ra al di fuo­ri del­le zo­ne ur­ba­niz­za­te non pre­ve­de­va al­tre co­stru­zio­ni. E per la To­sca­na cre­do sia una ri­sor­sa ave­re dei trat­ti di co­sta non edi­fi­ca­ti: per­met­te di va­lo­riz­za­re tut­to ciò che ti sta all’in­ter­no». La do­man­da re­sta in pie­di: com’è pos­si­bi­le che si con­ti­nui a co­strui­re in ter­re­no «ver­gi­ne» o qua­si, se sia la leg­ge re­gio­na­le che il Pia­no pun­ta­va­no al re­cu­pe­ro, più che all’uti­liz­zo di que­sti nuo­vi ter­ri­to­ri? «I nu­me­ri in­di­ca­no so­lo una co­sa: che so­no le pre­vi­sio­ni ur­ba­ni­sti­che pre­vi­gen­ti che ven­go­no at­tua­te, sen­za mo­di­fi­che. Que­ste pre­vi­sio­ni pre­ve­de­va­no l’edi­fi­ca­zio­ne di aree agri­co­le, più sem­pli­ce­men­te del riu­so di aree già ur­ba­niz­za­te. È fon­da­men­ta­le pro­va­re a in­ver­ti­re la ten­den­za: ci ab­bia­mo pro­va­to». E quan­to du­re­rà que­sta ten­den­za? «La leg­ge 65 — com­men­ta Mar­son — pre­ve­de che en­tro il 2019 tut­ti i Pia­ni strut­tu­ra­li sia­no ade­gua­ti al­la nuo­va leg­ge e al Pia­no pae­sag­gi­sti­co. Il pro­ble­ma è co­me vie­ne in­ter­pre­ta­to il com­bi­na­to di­spo­sto Leg­ge-Pia­no: nel­la leg­ge c’era una nor­ma tran­si­to­ria, in­se­ri­ta dal­la com­mis­sio­ne con­si­lia­re, che con­sen­ti­va in que­sta fa­se in­ter­me­dia ai Co­mu­ni di ade­guar­si al­le nuo­ve re­go­le pren­den­do co­me de­fi­ni­zio­ne di ter­ri­to­rio “ur­ba­niz­za­to” non quel­la in­tro­dot­ta dal­la leg­ge, mol­to pun­tua­le, ma quel­le pre­sen­ti nei Pia­ni strut­tu­ra­li co­mu­na­li, di nor­ma mol­te più va­ghe: al­cu­ni Pia­ni, per de­fi­ni­re co­sa era “ur­ba­no” e co­sa “agri­co­lo” fa­ce­va­no ri­fe­ri­men­to al co­di­ce del­la stra­da. Il ter­ri­to­rio ur­ba­niz­za­to ter­mi­na­va do­ve ini­zia­va­no le stra­de ex­traur­ba­ne». In­som­ma, i 102 nuo­vi Pia­ni strut­tu­ra­li «ade­gua­ti» al Pia­no del pae­sag­gio, di cui par­la Ros­si, non sem­pre si sa­reb­be­ro ade­gua­ti per­fet­ta­men­te.

Non è un pa­re­re so­lo di Mar­son: una di­ri­gen­te del mi­ni­ste­ro, Ma­ri­na Gen­ti­li, nel Rap­por­to fa no­ta­re che è un pro­ble­ma con­fron­tar­si con le ri­chie­ste di va­rian­ti, per «ag­gra­vi pro­ce­du­ra­li» ma so­prat­tut­to per­ché c’è una «im­pos­si­bi­li­tà ad ef­fet­tua­re una con­cre­ta ve­ri­fi­ca del­la coe­ren­za del­le pre­vi­sio­ni in es­se con­te­nu­te con le di­spo­si­zio­ni del Pia­no pae­sag­gi­sti­co». E an­che An­na Di Be­ne, so­prin­ten­den­te di Sie­na, Gros­se­to ed Arez­zo ri­cor­da che «per le pre­vi­sio­ni di nuo­ve espan­sio­ni spes­so non vie­ne af­fron­ta­to il per­cor­so me­to­do­lo­gi­co in­di­ca­to dal Pit per giun­ge­re al­la pe­ri­me­tra­zio­ne del ter­ri­to­rio ur­ba­niz­za­to». Non so­lo: «Emer­ge una ca­ren­za di do­cu­men­ta­zio­ne ine­ren­te una se­rie di in­da­gi­ni im­por­tan­ti per la “co­no­scen­za pae­sag­gi­sti­ca dei luo­ghi” al fi­ne di va­lu­ta­re gli ef­fet­ti del­le tra­sfor­ma­zio­ni ur­ba­ni­sti­che pro­po­ste e ve­ri­fi­car­ne la coe­ren­za con la di­sci­pli­na del Pia­no pae­sag­gi­sti­co». Uno stru­men­to spun­ta­to, quin­di? «No, ba­sta ap­pli­car­lo — ri­bat­te Mar­son — E non è co­sì fa­ci­le cam­biar­lo: è un pia­no co­pia­ni­fi­ca­to con il mi­ni­ste­ro. Pur­trop­po le in­ter­pre­ta­zio­ni che si so­no po­tu­te ve­de­re fi­no­ra nell’at­tua­zio­ne non gli ren­do­no del tut­to ono­re». E in­tan­to, si con­su­ma il suo­lo.

Co­sa non fun­zio­na Il pro­ble­ma non so­no le ma­glie lar­ghe del­la leg­ge to­sca­na ma la sua ap­pli­ca­zio­ne E la nor­ma tran­si­to­ria in­se­ri­ta in Con­si­glio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.