«Po­li­ti­ca scre­di­ta­ta e oc­cu­pa­zio­ni, il disagio è na­to co­sì»

Corriere Fiorentino - - Cronaca - di Pao­lo Cec­ca­rel­li

«Per­ché do­vrei me­ra­vi­gliar­mi? La vit­to­ria de­gli stu­den­ti di de­stra è l’espres­sio­ne di un disagio che si po­te­va toc­ca­re con ma­no an­che ne­gli an­ni scor­si. Il pro­ble­ma di fon­do è che la po­li­ti­ca con la p ma­iu­sco­la è scom­par­sa dal­la scuo­la: tan­ti ra­gaz­zi, sco­rag­gia­ti dal de­gra­do del mon­do po­li­ti­co de­gli adul­ti e da­gli at­teg­gia­men­ti mu­sco­la­ri di chi ha oc­cu­pa­to le scuo­le, non vo­glio­no sen­tir par­la­re di po­li­ti­ca. E la rab­bia cre­sce...». Va­le­rio Va­gno­li co­no­sce be­ne gli stu­den­ti di ie­ri e di og­gi per­ché ha vis­su­to ogni gior­no il mon­do del­la scuo­la per 43 an­ni: è sta­to mae­stro al­le ele­men­ta­ri, pro­fes­so­re di li­ceo, ha in­se­gna­to in car­ce­re, ha fat­to il di­ri­gen­te sco­la­sti­co fi­no a po­chi me­si fa, quan­do è an­da­to in pen­sio­ne do­po aver gui­da­to l’al­ber­ghie­ro Saf­fi per sei an­ni. Ed è uno de­gli ani­ma­to­ri del «Grup­po di Fi­ren­ze per la scuo­la del me­ri­to e del­la re­spon­sa­bi­li­tà».

Va­gno­li, a Fi­ren­ze, cit­tà me­da­glia d’oro del­la Re­si­sten­za, go­ver­na­ta dal cen­tro­si­ni­stra inin­ter­rot­ta­men­te dal 1994, con i Co­mu­ni del­la cin­tu­ra me­tro­po­li­ta­na da sem­pre in ma­no al­la si­ni­stra, Ca­sag­gì con­qui­sta la Con­sul­ta de­gli stu­den­ti. Fa un cer­to ef­fet­to...

«Io non so­no sor­pre­so. La cre­sci­ta del nu­me­ro dei ra­gaz­zi che si ri­co­no­sco­no nel­la de­stra, an­che quel­la ra­di­ca­le, era un fe­no­me­no per­ce­pi­bi­le an­che ne- gli an­ni scor­si. E poi è l’Ita­lia che sta an­dan­do a de­stra... I ra­gaz­zi vi­vo­no qui e ora, non su un al­tro pia­ne­ta».

Ma chi so­no gli stu­den­ti che han­no vo­ta­to la de­stra?

«Prin­ci­pal­men­te fre­quen­ta­no isti­tu­ti tec­ni­ci e pro­fes­sio­na­li, por­ta­to­ri di un’ideo­lo­gia mol­to sem­pli­fi­ca­ta. E tra di lo­ro ci so­no an­che ex­tra­co­mu­ni­ta­ri, per­ché sta suc­ce­den­do una co­sa si­mi­le a quel­la che ac­cad­de all’epo­ca del boom del­la Le­ga, che ave­va tra i suoi pri­mi elet­to­ri e at­ti­vi­sti me­ri­dio­na­li tra­pian­ta­ti al Nord. Co­sì co­me que­sti ul­ti­mi fu­ro­no l’espres­sio­ne del­la rab­bia di chi fa­ti­ca­va tut­ti i gior­ni per gua­da­gnar­si da vi­ve­re e mal sop­por­ta­va l’as­si­sten­zia­li­smo, i ra­gaz­zi che han­no vo­ta­to la de­stra ra­di­ca­le espri­mo­no il disagio di chi ha vi­sto scom­pa­ri­re la po­li­ti­ca dal­la scuo­la...».

Co­me scom­par­sa? E le pro­te­ste con­tro la «Buo­na scuo­la», le oc­cu­pa­zio­ni?

«So­no sta­te pro­prio le oc­cu­pa­zio­ni ad al­lon­ta­na­re tan­ti ra­gaz­zi dal­la po­li­ti­ca. Gli at­teg­gia­men­ti dog­ma­ti­ci e pre­po­ten­ti del­le mi­no­ran­ze oc­cu­pan­ti han­no di­squa­li­fi­ca­to la po­li­ti­ca agli oc­chi del­la mag­gio­ran­za de­gli stu­den­ti. Sen­za con­ta­re che le oc­cu­pa­zio­ni che ho vi­sto io so­no sta­te tut­te pre­te­stuo­se. Per­ché la scuo­la avrà tan­ti li­mi­ti, ma gli spa­zi di de­mo­cra­zia ci so­no, se si vuo­le sta­re nel me­ri­to del­le que­stio­ni».

Ma non è stra­no che que­sto disagio si sia espres­so con il vo­to a de­stra? Non si aspet­ta­va piut­to­sto la na­sci­ta di li­ste stu­den­te­sche vi­ci­ne al Mo­vi­men­to Cin­que Stel­le?

«I vo­ti li ha pre­si chi era più or­ga­niz­za­to. Ciò non vuol di­re che i ra­gaz­zi non sia­no at­trat­ti dai Cin­que­stel­le. An­zi, il ven­to gril­li­no a scuo­la c’è ed è for­te, an­che se non ha tro­va­to uno sboc­co nel­la rap­pre­sen­tan­za. Ed è fi­glio del­lo stes­so disagio che ha por­ta­to gli stu­den­ti a da­re la mag­gio­ran­za al­la de­stra ra­di­ca­le. Ora la sfi­da è non per­de­re il con­tat­to con que­sti ra­gaz­zi, quel­li che han­no vo­ta­to la de­stra ra­di­ca­le e quel­li che non han­no vo­ta­to. Guai a cri­mi­na­liz­zar­li».

 Tra i ban­chi I ra­gaz­zi vi­vo­no qui, non su un al­tro pia­ne­ta E an­che il ven­to gril­li­no sta sof­fian­do for­te

Va­le­rio Va­gno­li, ex pre­si­de dell’isti­tu­to al­ber­ghie­ro Saf­fi di Fi­ren­ze

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.