LA SCUO­LA TO­SCA­NA DELL’IMPARZIALITÀ (FANFANI ERA AL­TRA CO­SA)

Corriere Fiorentino - - Lungarno - SE­GUE DAL­LA PRI­MA Pao­lo Ar­ma­ro­li

Chi è sta­to all’ini­zio di que­sta XVII le­gi­sla­tu­ra ac­can­to a Pie­tro Gras­so e a Lau­ra Bol­dri­ni, ma che di­co ac­can­to, al di so­pra, ve­ro deus ex ma­chi­na, con la com­pli­ci­tà di Ni­chi Ven­do­la? Ele­men­ta­re, Wa­tson: l’al­lo­ra se­gre­ta­rio del Pd Pier Lui­gi Ber­sa­ni. Im­ma­gi­ni­fi­co com’è, che co­sa ti com­bi­na? Can­di­da al­la pre­si­den­za dei due ra­mi del Par­la­men­to per­so­na­li­tà che nel lo­ro cam­po han­no di­mo­stra­to di sa­per­ci fa­re, ma che fi­no ad al­lo­ra Pa­laz­zo Ma­da­ma e Mon­te­ci­to­rio li ave­va­no vi­sti so­lo nel­le car­to­li­ne il­lu­stra­te. Un’ano­ma­lia bel­la e buo­na. Per­ché an­che da noi ha sem­pre pre­val­so la co­sid­det­ta se­nio­ri­ty ru­le. I can­di­da­ti non so­lo do­ve­va­no ave­re una cer­ta an­zia­ni­tà di servizio ma ave­va­no di­me­sti­chez­za con il la­ti­no­rum e co­no­sce­va­no a pun­ti­no le re­go­le del gio­co. A co­min­cia­re dai re­go­la­men­ti par­la­men­ta­ri. Per­fi­no la chiac­chie­ra­ta Ire­ne Pi­vet­ti, nel­la XII le­gi­sla­tu­ra pre­si­den­te di Mon­te­ci­to­rio per grazia ri­ce­vu­ta da Um­ber­to Bos­si, era sta­ta già de­pu­ta­to per due an­ni.

Grat­ta grat­ta, l’ine­spe­rien­za ben pre­sto è sal­ta­ta fuo­ri. Ba­ste­rà ri­cor­da­re che Gras­so si è as­sun­to la re­spon­sa­bi­li­tà di estro­met­te­re Sil­vio Ber­lu­sco­ni da Pa­laz­zo Ma­da­ma ri­cor­ren­do al vo­to pa­le­se quan­do l’ar­ti­co­lo 113, ter­zo com­ma, del re­go­la­men­to di­ce l’esat­to con­tra­rio. Sta­bi­li­sce in­fat­ti, sen­za pos­si­bi­li­tà di equi­vo­co, che so­no ef­fet­tua­te a scru­ti­nio se­gre­to le vo­ta­zio­ni co­mun­que ri­guar­dan­ti per­so­ne. E quell’av­ver­bio «co­mun­que» la di­ce lun­ga. A sua vol­ta la Bol­dri­ni stu­dia, è ve­ro, da ac­ca­de­mi­ca del­la Cru­sca per quel­la sua ma­nia di co­niu­ga­re al fem­mi­ni­le ogni co­sa. Ma poi com­met­te er­ro­ri pro­ce­du­ra­li non da po­co, co­me quan­do ha di re­cen­te giu­di­ca­to am­mis­si­bi­li mo­zio­ni di sfi­du­cia nei con­fron­ti del go­ver­na­to­re del­la Ban­ca d’Ita­lia esclu­se dal­la leg­ge.

Ma ades­so è sta­to su­pe­ra­to ogni li­mi­te. Sia­mo al­le co­mi­che fi­na­li. Al­le tor­te in fac­cia di Ri­do­li­ni. Gras­so re­sti­tui­sce la tes­se­ra del Pd so­lo ades­so, men­tre avreb­be do­vu­to so­spen­der­si dal par­ti­to al mo­men­to del suo in­se­dia­men­to nel seg­gio più al­to di Pa­laz­zo Ma­da­ma. E a ogni buon con­to, do­po le sue di­chia­ra­zio­ni nei con­fron­ti del Pd, avreb­be do­vu­to per coe­ren­za ras­se­gna­re le di­mis­sio­ni da pre­si­den­te del Se­na­to. Non pa­go, per­se­ve­ra nell’er­ro­re. Al fe­sti­val del­la let­te­ra­tu­ra di Pe­sca­ra ha pro­nun­cia­to que­ste pre­ci­se pa­ro­le: «Non so se sia usci­to io dal Pd o se è il Pd che non c’è più. Il Pd era quel­lo di Ber­sa­ni…». E si è com­pli­men­ta­to con la Bol­dri­ni per­ché all’as­sem­blea di Cam­po pro­gres­si­sta ha su­pe­ra­to a si­ni­stra l’enig­ma­ti­co Pi­sa­pia e tra gli ap­plau­si del­la pla­tea ro­ma­na si è ac­cre­di­ta­ta, ri­ma­nen­do co­mo­da­men­te al­la gui­da di Mon­te­ci­to­rio, co­me lea­der di par­ti­to. L’ha lo­da­ta, Gras­so, pro­prio per­ché lei ora fa po­li­ti­ca a tut­to cam­po. In­cre­di­bi­le!

Cer­to, an­che Fau­sto Ber­ti­not­ti, Pier Fer­di­nan­do Ca­si­ni e Gian­fran­co Fi­ni so­no sta­ti lea­der di par­ti­to. Pe­rò mai si so­no spin­ti a tan­to. An­zi, pro­prio per­ché con­sa­pe­vo­li del­la lo­ro ca­sac­ca, han­no sem­pre cer­ca­to di ap­pa­ri­re im­par­zia­li. A mo­do suo lo è sta­to an­che l’ex pre­si­den­te di Al­lean­za Na­zio­na­le. Sot­to sot­to ha fat­to di tut­to per sbal­za­re di sel­la Ber­lu­sco­ni. Ma non ha mai da­to pro­va dal ban­co del­la pre­si­den­za di ma­ni­fe­sta par­zia­li­tà. Do­po tut­to, lo sti­le è un po’ co­me il co­rag­gio di man­zo­nia­na me­mo­ria: se uno non ce l’ha, non se lo può da­re. Ve­nia­mo ai pre­ce­den­ti. Giu­sep­pe Sa­ra­gat si di­mi­se da pre­si­den­te dell’As­sem­blea co­sti­tuen­te do­po la scis­sio­ne di Pa­laz­zo Bar­be­ri­ni e la fon­da­zio­ne di un nuo­vo par­ti­to. Ce­sa­re Mer­za­go­ra si di­mi­se da pre­si­den­te del Se­na­to per­ché al­cu­ne sue di­chia­ra­zio­ni all’ac­qua di ro­se sui par­ti­ti ven­ne­ro cri­ti­ca­te. San­dro Per­ti­ni, che co­me En­ri­co De Ni­co­la ave­va le di­mis­sio­ni fa­ci­li, si di­mi­se due vol­te da pre­si­den­te del­la Ca­me­ra: una pri­ma vol­ta a se­gui­to del­la scis­sio­ne so­cia­li­sta e una se­con­da per le sue cri­ti­che al­la giun­gla re­tri­bu­ti­va.

Tut­ta­via il ca­so più in­te­res­san­te è quel­lo di Amin­to­re Fanfani. Ma sì, il mez­zo to­sca­no che più lo but­ta­vi giù e più si ti­ra­va su. Il mon­ta­nel­lia­no «Riec­co­lo» è sta­to per sei vol­te pre­si­den­te del Con­si­glio e per cin­que vol­te pre­si­den­te del Se­na­to. Nes­su­no più di lui è sta­to un po­li­ti­co a tut­to ton­do fin dai tem­pi dell’As­sem­blea co­sti­tuen­te. E nes­su­no, a di­spet­to del suo ca­rat­te­re san­gui­gno, è sta­to più im­par­zia­le di lui nel­la con­du­zio­ne dei la­vo­ri di Pa­laz­zo Ma­da­ma. Tant’è che ogni vol­ta che rias­su­me­va la ca­ri­ca, tut­ti — dai com­mes­si al se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le e ai se­na­to­ri di ogni par­te po­li­ti­ca — escla­ma­va­no a gran vo­ce: «È tor­na­to il Pre­si­den­te!». Or­be­ne, il 26 giu­gno 1973 Fanfani ras­se­gna le sue di­mis­sio­ni ir­re­vo­ca­bi­li da pre­si­den­te del Se­na­to pri­ma — si ba­di, pri­ma — di ac­cet­ta­re la ca­ri­ca di se­gre­ta­rio del­la Dc. Le con­si­de­ra ir­re­vo­ca­bi­li per­ché fer­ma­men­te con­vin­to che non si pos­sa­no cu­mu­la­re ca­ri­che co­sì di­ver­se co­me la pre­si­den­za di un ra­mo del Par­la­men­to con la se­gre­te­ria di un par­ti­to po­li­ti­co.

Al­tri tem­pi, si di­rà. Si­cu­ro. Re­sta il fat­to che Fanfani era tutt’al­tra co­sa. E ave­va tutt’al­tra stof­fa. Il suo inec­ce­pi­bi­le com­por­ta­men­to rap­pre­sen­ta un mo­ni­to per noi con­tem­po­ra­nei. Se gli stes­si cu­sto­di cal­pe­sta­no ogni re­go­la, tut­to è per­du­to. Ci pen­si­no be­ne, i Gia­co­mi­ni di tur­no.

Con­flit­ti Il pre­si­den­te del Se­na­to re­sti­tui­sce la tes­se­ra del Pd ma re­sta al suo po­sto, la pre­si­den­te del­la Ca­me­ra ri­ma­ne a Mon­te­ci­to­rio ma si ac­cre­di­ta co­me lea­der di par­ti­to. Se gli stes­si cu­sto­di cal­pe­sta­no ogni re­go­la, tut­to è per­du­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.