Com­mis­so: il Fran­chi va spo­sta­to

Il pre­si­den­te del­la Fio­ren­ti­na al­za il ti­ro: «Sta­dio da de­mo­li­re e ri­co­strui­re 10 me­tri più in là»

Corriere Fiorentino - - Da Prima Pagina - Mar­zio Fa­tuc­chi

Roc­co Com­mis­so at­tac­ca la po­li­ti­ca che scri­ve «por­che­rie» sul­lo sta­dio Fran­chi e non può chie­der­gli di fa­re con­cor­si per il pro­get­to del re­sty­ling: «Con i miei sol­di si fa quel­lo che vo­glio io». Ma il patron vio­la spie­ga per­ché vuo­le «di­strug­ge­re» il Fran­chi. «Lo sta­dio si de­ve muo­ve­re di 10 me­tri», in pra­ti­ca va de­mo­li­to, con­ser­va­te le par­ti fon­da­men­ta­li (Ma­ra­to­na, sca­le eli­coi­da­li) che ver­ran­no poi ri­co­strui­te. E al­la cit­tà di­ce: col nuo­vo sta­dio ci sa­rà un im­pat­to eco­no­mi­co da 5 mi­liar­di di eu­ro in 10 an­ni.

La con­fe­ren­za stam­pa non è nean­che fi­ni­ta. Sul suo cel­lu­la­re ar­ri­va il co­mu­ni­ca­to del­la de­pu­ta­ta Pd Ro­sa Ma­ria Di Gior­gi che chie­de un «con­cor­so di idee» per il nuo­vo Fran­chi e de­fi­ni­sce «inap­pro­pria­te» le pa­ro­le di Roc­co Com­mis­so («Vo­glio di­strug­ge­re lo sta­dio»), e il patron del­la Fio­ren­ti­na sbot­ta: «Mi ar­ri­va­no que­ste por­che­rie: i po­li­ti­ci si stan­no met­ten­do avan­ti sul­lo sta­dio. Al­lo­ra io di­co: met­te­te voi i sol­di, fa­te co­me vo­le­te, con i mi­glio­ri ar­chi­tet­ti del mon­do. Con i sol­di di Roc­co si fan­no le co­se co­me vo­glio io. Sen­za sta­dio si “vi­vac­chia”, ho 70 an­ni e io non so­no ve­nu­to qui per fa­re que­sto: qual­cu­no si pren­de il ri­schio che io per­da en­tu­sia­smo». Ma do­po un pa­io di sfo­ghi fi­nal­men­te si ca­pi­sce per­ché Com­mis­so vuo­le «di­strug­ge­re» il Fran­chi.

La do­man­da: per­ché è ne­ces­sa­rio un in­ter­ven­to co­sì pe­san­te? E la ri­spo­sta è chia­ra: «Lo sta­dio si de­ve muo­ve­re 10 me­tri». Che, det­ta co­sì, può sem­bra­re un po’ fan­ta­scien­za. Ma non vuo­le met­te­re le ruo­te al­lo sta­dio: è una più ba­na­le ope­ra­zio­ne di de­mo­li­zio­ne-ri­co­stru­zio­ne, uti­liz­za­ta già in di­ver­si ca­si an­che di ar­cheo­lo­gia in­du­stria­le ma so­prat­tut­to nel ca­so del­lo sta­dio di Ti­ra­na (stes­so pro­get­ti­sta dell’even­tua­le nuo­vo Fran­chi, Mar­co Ca­sa­mon­ti). In que­sto ca­so, «man­te­nen­do la tor­re di Ma­ra­to­na e le sca­le eli­coi­da­li.

Ma tut­to il re­sto — di­ce — si de­ve but­ta­re giù. C’è da va­lu­ta­re an­che il ri­schio si­smi­co. La tri­bu­na co­per­ta, ri­spet­to agli stan­dard Ue­fa, non è a nor­ma». An­che se pu­re la tri­bu­na è sem­pre sta­ta tra gli «ele­men­ti iden­ti­fi­ca­ti­vi» che fan­no del­lo sta­dio del Ner­vi un’ope­ra da ma­nua­le dell’ar­chi­tet­tu­ra. I die­ci me­tri di spo­sta­men­to ser­vo­no per crea­re en­tra­te ed usci­te adat­te agli sta­di mo­der­ni (ora so­no pra­ti­ca­men­te sul­la stra­da), ri­po­si­zio­na­re gli al­tri spa­zi vi­ci­ni che Com­mis­so avreb­be in­di­ca­to co­me pos­si­bi­le espan­sio­ne del­la cit­ta­del­la vio­la (i cam­pi­ni, il par­cheg­gio ac­can­to e le aree per gli ska­te­board). Te­mi di­scus­si in mo­do ge­ne­ra­le con il sin­da­co Da­rio Nar­del­la: «Ma io vo­glio en­tro due me­si an­da­re al mi­ni­ste­ro e pre­sen­ta­re il pro­get­to».

È un fiu­me in pie­na, il pre­si­den­te vio­la: la con­fe­ren­za stam­pa per di­mo­stra­re quan­to Pil, po­sti di la­vo­ro e tas­se nel­le cas­se co­mu­na­li por­te­reb­be l’in­ve­sti­men­to nel Fran­chi, par­te non con i da­ti ma con una lun­ga di­sa­mi­na su co­me ne­gli Usa i Co­mu­ni si «scip­pa­no» le squa­dre di ba­se­ball e foot­ball a col­pi di sta­di co­strui­ti a lo­ro spe­se. Interventi inim­ma­gi­na­bi­li in Ita­lia (an­che per i dif­fe­ren­ti po­te­ri e ca­pa­ci­tà di spe­sa dei Co­mu­ni), ma in­som­ma, «si po­tes­se fa­re por­te­rei la Fio­ren­ti­na in Sviz­ze­ra». Ma non si può. Nell’at­te­sa di ca­pi­re co­me an­drà avan­ti l’ope­ra­zio­ne, Com­mis­so ma­gni­fi­ca l’im­pat­to eco­no­mi­co (di­ret­to ed in­di­ret­to) da cin­que mi­liar­di crea­bi­le dal vo­la­no del nuo­vo sta­dio, ri­cor­da che lui ha bi­so­gno di «30 mi­la me­tri qua­dri di com­mer­cia­le fuo­ri dal­lo sta­dio e 20 mi­la nel­lo sta­dio», te­ma di cui ha par­la­to an­che con Nar­del­la (ma Pa­laz­zo Vec­chio gli avreb­be fat­to no­ta­re che ma­ga­ri è un po’ ec­ces­si­vo per la zo­na, si pos­so­no tro­va­re spa­zi com­pen­sa­ti­vi al­tro­ve). Com­mis­so pe­rò ri­cor­da che il Fran­chi «è una del­le due op­zio­ni» per lo sta­dio del­la Fio­ren­ti­na, l’al­tra re­sta quel­la di co­struir­ne uno nuo­vo a Cam­pi Bi­sen­zio (an­che se lo stu­dio sull’im­pat­to eco­no­mi­co, in que­sto ca­so, già fat­to pu­re que­sto, re­sta nei cas­set­ti ed è pro­ba­bi­le che sia mol­to me­no pe­san­te).

Da Pa­laz­zo Vec­chio, nes­sun com­men­to uf­fi­cia­le: ma la pri­ma mos­sa di Nar­del­la è sta­ta quel­la di in­con­tra­re pro­prio il sin­da­co di Cam­pi, Emi­lia­no Fos­si: «Lo sta­dio Fran­chi è la pri­ma op­zio­ne su cui la­vo­ra­re, ci so­no tut­ti gli ele­men­ti; l’al­ter­na­ti­va è Cam­pi Bi­sen­zio su cui il la­vo­ro è già av­via­to. Su tut­te le op­zio­ni ci sa­rà una stret­ta col­la­bo­ra­zio­ne isti­tu­zio­na­le tra i due en­ti» è il sen­so dell’in­con­tro. «Le isti­tu­zio­ni ci so­no e la Fio­ren­ti­na ha tut­ti gli ele­men­ti per de­ci­de­re; per una que­stio­ne di re­ci­pro­co ri­spet­to, at­ten­dia­mo una lo­ro scel­ta in tem­pi ra­pi­di» di­co­no i due sin­da­ci. Per Ga­brie­le Toc­ca­fon­di, de­pu­ta­to di Ita­lia Vi­va, lo sfo­go di Com­mis­so «ren­de­rà l’iter più fa­ci­le». Men­tre Ita­lia No­stra chie­de, par­lan­do di «pro­po­sta in­de­cen­te» sul Fran­chi, mag­gio­re tra­spa­ren­za da par­te di Com­mis­so e del sin­da­co Nar­del­la.

Se i po­li­ti­ci vo­glio­no fa­re lo­ro ci met­ta­no i sol­di, con i miei sol­di si fa quel­lo che vo­glio io. Sen­za un nuo­vo sta­dio si vi­vac­chia

Fa­mi­glia Roc­co Com­mis­so con la mo­glie Ca­th­ri­ne e il dg Joe Ba­ro­ne pri­ma del­la con­fe­ren­za stam­pa di ie­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.