Fo­schi, dg He­lian: «Fac­cia­mo cre­sce­re la vo­glia di po­si­ti­vi­tà»

Costozero - - Sommario - In­ter­vi­sta a S. Fo­schi

Il vin­ci­to­re 2015 del Pre­mio Best Prac­ti­ces per l 'In­no­va­zio­ne si au­gu­ra che, an­che gra­zie a i ni­zia­ti­ve co­me quel­la or­ga­niz­za­ta da Con­fin­du­stria Sa­ler­no, i l no­stro pos­sa di­ven­ta­re un Pae­se i n cui si guar­da al fu­tu­ro con ri­tro­va­ta fi­du­cia e de­si­de­rio di far­ce­la

Dot­tor Fo­schi, par­tia­mo dal suo pro­get­to: quan­do ave­te ca­pi­to che era una buo­na idea la vo­stra? La pri­ma co­sa che ci ha spin­to ad af­fron­ta­re il pro­get­to è sta­to ve­de­re e per­ce­pi­re dal mer­ca­to la for­te cre­sci­ta del­la qua­li­tà dei ci­bi a ta­vo­la, la cu­ra e l'at­ten­zio­ne che i me­dia vi de­di­ca­no quo­ti­dia­na­men­te, i rea­li­ty sul­la cu­ci­na tut­ti in­cen­tra­ti sul Food. Ab­bia­mo per­tan­to ca­pi­to che ve­de­re un bel po­mo­do­ro a ta­vo­la vo­le­va di­re de­di­ca­re stu­dio al­la col­ti­va­zio­ne dei pro­dot­ti che tut­ti i gior­ni ve­dia­mo sul­le ta­vo­le. Il set­to­re agroa­li­men­ta­re ita­lia­no rap­pre­sen­ta un'ec­cel­len­za che pri­meg­gia sul pia­no del­la qua­li­tà, del­la si­cu­rez­za ali­men­ta­re, dell'in­no­va­zio­ne tec­no­lo­gi­ca d'avan­guar­dia, del­la so­ste­ni­bi­li­tà, del­la bio­di­ver­si­tà e del ri­spet­to del­la tra­di­zio­ne.

Chi so­no og­gi i de­sti­na­ta­ri, qua­li le ap­pli­ca­zio­ni e qua­li i mer­ca­ti?

I de­sti­na­ta­ri del no­stro pro­get­to so­no tut­te quel­le azien­de del set­to­re agroa­li­men­ta­re ed in par­ti­co­la­re del mon­do vi­ti­vi­ni­co­lo, del­la pro­du­zio­ne di me­le e più in ge­ne­ra­le al­be­ri da frut­ta, il set­to­re del­le dru­pa­cee e de­gli al­be­ri da no­ce. Le ap­pli­ca­zio­ni pos­si­bi­li: ot­ti­miz­za­re la di­fe­sa con­tro le prin­ci­pa­li pa­to­lo­gie fun­gi­ne; mo­du­la­re i trat­ta­men­ti fun­gi­ci­di;

mo­ni­to­ra­re lo sta­to idri­co dei ter­re­ni e del­le col­tu­re; mi­glio­ra­re le con­di­zio­ni di si­cu­rez­za de­gli ope­ra­to­ri; au­men­to del­la pro­du­zio­ne e del­la qua­li­tà dei pro­dot­ti; mi­ni­miz­za­zio­ne dell'im­pat­to am­bien­ta­le; au­men­ta­re la pro­du­zio­ne e la qua­li­tà dei pro­dot­ti.

Quan­to è sta­to im­por­tan­te il web nel­la rea­liz­za­zio­ne del suo pro­get­to?

Di­rei che il web è sta­to fon­da­men­ta­le. Al­la ba­se del no­stro si­ste­ma dal no­me Cloud4Farming ap­pun­to c'è ed è par­te in­te­gran­te il web, co­me ele­men­to abi­li­tan­te di ac­ces­so sem­pli­fi­ca­to al­le in­for­ma­zio­ni aper­to al­la con­sul­ta­zio­ne de­gli ope­ra­to­ri gra­zie al­lo svi­lup­po di in­ter­fac­ce user friend­ly e all'ac­ces­si­bi­li­tà da di­spo­si­ti­vi mo­bi­li.

L'in­no­va­zio­ne na­sce dal­la ge­nia­li­tà del sin­go­lo o dal­la cul­tu­ra dell'azien­da?

Si­cu­ra­men­te la cul­tu­ra dell'azien­da è fon­da­men­ta­le. L'in­no­va­zio­ne può na­sce­re da un'in­tui­zio­ne per­so­na­le ge­nia­le, ma è co­mun­que sem­pre frut­to di un la­vo­ro co­stan­te ca­la­to in un con­te­sto di gran­de espe­rien­za.

Su qua­li fon­da­men­ta in­ve­ce va co­strui­ta?

Cu­rio­si­tà, co­no­scen­za, de­ter­mi­na­zio­ne, pas­sio­ne e so­prat­tut­to co­rag­gio…so­no gli in­gre­dien­ti al­la ba­se dell'in­no­va­zio­ne che, con il giu­sto mix, in­tro­du­cia­mo nel­la real­tà, ge­ne­ran­do co­sì in­no­va­zio­ne. In fon­do se ci pen­sia­mo be­ne, l'in­no­va­zio­ne di og­gi sa­rà la tra­di­zio­ne di do­ma­ni.

Fac­cia­mo il gio­co del­le per­cen­tua­li:in un buon pro­get­to quan­to è im­por­tan­ti l'idea e quan­to gli in­ve­sti­men­ti?

Un pro­get­to, per ave­re suc­ces­so, de­ve na­sce­re da un'esi­gen­za con­cre­ta, dal ten­ta­ti­vo di ri­sol­ve­re con suc­ces­so un pro­ble­ma in­con­tra­to sul la­vo­ro, dall'espe­rien­za per­so­na­le. Bi­so­gna an­che sa­per ac­cet­ta­re il fat­to che ave­re “una buo­na idea” spes­so non è suf­fi­cien­te se poi non si han­no i mez­zi, spe­cie eco­no­mi­ci, per po­ter­la rea­liz­za­re. Un ve­ro pro­get­to

è qual­co­sa di più di una buo­na idea. Og­gi di­rei per­tan­to 50% e 50%.

La sua espe­rien­za al Pre­mio Best Prac­ti­ces per l'In­no­va­zio­ne di Con­fin­du­stria Sa­ler­no, in­ve­ce, co­me la giu­di­ca? Può es­se­re an­che que­sta ini­zia­ti­va uti­le per apri­re la stra­da dell'in­no­va­zio­ne in Ita­lia?

È sta­ta sen­za om­bra di dub­bio una espe­rien­za po­si­ti­va, mol­to ben fat­ta ed or­ga­niz­za­ta. Da con­si­glia­re per l'ar­ric­chi­men­to che of­fre. Nel cor­so del­la due gior­ni ho sco­per­to un con­te­sto che dà spa­zio al­la crea­ti­vi­tà e al co­rag­gio in­di­vi­dua­le del­le per­so­ne e del­le im­pre­se. Ho in­cro­cia­to in mol­ti sguar­di dei par­te­ci­pan­ti quel­la lu­ce ti­pi­ca, se­con­do me, di chi ha pas­sio­ne e de­ter­mi­na­zio­ne. Un bel cli­ma, in­som­ma. L'ini­zia­ti­va di Sa­ler­no, che si svol­ge ora­mai da an­ni gra­zie all'in­tui­zio­ne e al­la forza di vo­lon­tà in pri­mis di Giu­sep­pe De Ni­co­la, fa­vo­ri­sce la coo­pe­ra­zio­ne e la vo­glia di met­ter­si in gio­co. L'Ita­lia, par­ten­do an­che da Sa­ler­no, de­ve di­ven­ta­re un Pae­se in cui le per­so­ne pos­sa­no guar­da­re al lo­ro fu­tu­ro con se­re­ni­tà e po­si­ti­vi­tà, un Pae­se fon­da­to sul­la re­spon­sa­bi­li­tà del­la sin­go­la per­so­na che in­ten­de es­se­re pro­ta­go­ni­sta del­la pro­pria av­ven­tu­ra la­vo­ra­ti­va met­ten­do­si in gio­co quo­ti­dia­na­men­te.

Un'ul­ti­ma cu­rio­si­tà: se aves­se po­tu­to avreb­be vo­lu­to in­ven­ta­re…

La stam­pa. Se ci pen­sa be­ne è par­ti­ta da lì la ri­vo­lu­zio­ne del­la co­mu­ni­ca­zio­ne.

Sil­vio Fo­schi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.