OMPM, lo­de ad una azien­da in per­pe­tuo mo­vi­men­to

Si ag­giu­di­ca il ter­zo po­sto del Pre­mio BP per l'In­no­va­zio­ne la PMI sa­ler­ni­ta­na che of­fre pro­dot­ti e ser vi­zi all'in­du­stria ae­ro­nau­ti­ca. A rac­con­tar­ci del pro­get­to Lau­ra Ca­pu­to, Sa­les & Ope­ra­tions Di­rec­tor

Costozero - - Sommario - In­ter­vi­sta a L. Ca­pu­to

Dot­to­res­sa Ca­pu­to, par­tia­mo dal suo pro­get­to: qua­li so­no le sue ap­pli­ca­zio­ni e qua­li i mer­ca­ti? Il pro­dot­to pre­sen­ta­to, sca­let­ta pas­seg­ge­ri “on board” per bu­si­ness je­ts, si col­lo­ca nel set­to­re de­gli equi­pag­gia­men­ti per ve­li­vo­li com­mer­cia­li. Le sue pe­cu­lia­ri­tà prin­ci­pa­li con­si­sto­no nel fat­to che la New Air­stair è una sca­let­ta pas­seg­ge­ri in­stal­la­ta sul ve­li­vo­lo stes­so, in mo­do da con­sen­tir­ne l'uti­liz­zo an­che su ae­ro­por­ti di avia­zio­ne ge­ne­ra­le, sen­za do­ver con­ta­re sull'hand­ling di ter­ra. In­fat­ti que­sta ti­po­lo­gia di ve­li­vo­li vie­ne ven­du­ta prin­ci­pal­men­te sul mer­ca­to ame­ri­ca­no, me­dio orien­ta­le ed asia­ti­co ed ope­ra su ae­ro­por­ti do­ve il li­vel­lo d'as­si­sten­za a ter­ra può es­se­re ri­dot­to o non ope­ra­ti­vo in de­ter­mi­na­ti ora­ri. New Air­stair è sta­ta rea­liz­za­ta per es­se­re in­stal­la­ta sui ve­li­vo­li Air­bus ACJ319, 320 e 321; i clien­ti di ri­fe­ri­men­to so­no la stes­sa Air­bus, le azien­de che ef­fet­tua­no tra­sfor­ma­zio­ni su com­mes­se clien­ti e la stes­sa Ae­ro­nau­ti­ca Mi­li­ta­re Ita­lia­na, che uti­liz­za que­sto ti­po di ve­li­vo­li per il tra­spor­to VIP. Inol­tre la New Air­stair è mol­to più sem­pli­ce nel mo­vi­men­to e af­fi­da­bi­le ri­spet­to al­la con­cor­ren­za e la leg­ge­rez­za del­la so­lu­zio­ne. Es­sa con­sen­te inol­tre di ri­dur­re i con­su­mi di car­bu­ran­te e quin­di le emis­sio­ni di ani­dri­de car­bo­ni­ca aspet­to mol­to im­por­tan­te da con­si­de­ra­re giac­chè ne­gli ul­ti­mi de­cen­ni il set­to­re del tra­spor­to ae­reo si è mol­to sen­si­bi­liz­za­to nei con­fron­ti dell'in­qui­na­men­to sia acu­sti­co che am­bien­ta­le.

Nel suo ca­so ha con­ta­to di più la ge­nia­li­tà del sin­go­lo o la cul­tu­ra dell'azien­da?

Si­cu­ra­men­te han­no con­ta­to tan­to la com­pe­ten­za tec­ni­ca e di mer­ca­to ma­tu­ra­te in 43 an­ni di at­ti­vi­tà. Mol­to han­no fat­to pe­rò an­che l'en­tu­sia­smo e l'ini­zia­ti­va del­le per­so­ne e la de­di­zio­ne con cui il Team di in­ge­gne­ria, in par­ti­co­la­re l'In­ge­gne­re Fran­ce­sco Pas­seg­gio, no­stro Re­spon­sa­bi­le di In­ge­gne­ria, ha la­vo­ra­to all'ini­zia­ti­va.

Fac­cia­mo la pro­va del cuo­co: per fa­re un buon pro­get­to in per­cen­tua­le quan­to è im­por­tan­te l'idea e quan­to, in­ve­ce, con­ta­no gli in­ve­sti­men­ti?

Le idee da so­le non ba­sta­no, al­lo stes­so tem­po pe­rò si pos­so­no ave­re a di­spo­si­zio­ne tut­ti gli in­ve­sti­men­ti pos­si­bi­li e im­ma­gi­na­bi­li ma non si ti­re­rà nul­la fuo­ri dal sac­co sen­za ave­re dal­la pro­pria la ca­pa­ci­tà di ve­de­re le co­se per co­me po­treb­be­ro es­se­re e non per quel­lo che so­no. Ec­co, di­rei che que­sta è la ca­pa­ci­tà fon­da­men­ta­le per l'in­no­va­zio­ne: ve­de­re le co­se per co­me po­treb­be­ro es­se­re ed ave­re la forza e la co­stan­za di la­vo­ra­re per rea­liz­za­re la tua idea quan­do nes­su­no at­tor­no a te an­co­ra ci cre­de.

Per lei su qua­li fon­da­men­ta va co­strui­ta l'in­no­va­zio­ne?

Com­pe­ten­za, fan­ta­sia, co­rag­gio, co­stan­za e un bri­cio­lo di for­tu­na che non gua­sta mai per fa­re be­ne.

La sua espe­rien­za al Pre­mio Best Prac­ti­ces per l'In­no­va­zio­ne di Con­fin­du­stria Sa­ler­no, in­ve­ce, co­me la giu­di­ca? Può es­se­re an­che que­sta ini­zia­ti­va uti­le per apri­re la stra­da dell'in­no­va­zio­ne in Ita­lia?

La giu­di­co un'espe­rien­za bel­lis­si­ma per­ché ti per­met­te di vi­ve­re l'in­no­va­zio­ne ve­ra, quel­la che si tra­sfor­ma in pro­dot­to tut­ti i gior­ni. Per cui as­so­lu­ta­men­te sì, il Pre­mio Best Prac­ti­ces per l'In­no­va­zio­ne di Con­fin­du­stria Sa­ler­no può e de­ve es­se­re un vei­co­lo im­por­tan­te per tra­ghet­ta­re l'Ita­lia nel mon­do del­le nuo­ve idee.

Se aves­se po­tu­to, avreb­be vo­lu­to in­ven­ta­re…

Il mo­to per­pe­tuo si­cu­ra­men­te. L'uma­ni­tà ri­sol­ve­reb­be i pro­ble­mi con­nes­si con la pe­nu­ria di ri­sor­se ener­ge­ti­che e con l'in­qui­na­men­to ge­ne­ra­to dall'uti­liz­zo del­le stes­se.

Edoar­do Gi­sol­fi, Giu­sep­pe De Ni­co­la, Ga­briel­la e Lau­ra Ca­pu­to in­sie­me con Fran­ce­sco Pas­seg­gio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.