Boc­cia, la sfi­da è ap­pe­na co­min­cia­ta

Costozero - - Finisterre - Mau­ro Mac­cau­ro pre­si­den­te Con­fin­du­stria Sa­ler­no @Mau­roMac­cau­ro

Il nuo­vo pre­si­den­te di Con­fin­du­stria si è im­po­sto gra­zie al­la ca­pa­ci­tà di ascol­to, di in­clu­sio­ne e al sen­so di squa­dra. L'As­so­cia­zio­ne ha ora da­van­ti a sé l'oc­ca­sio­ne di ri­po­si­zio­nar­si e di con­tri­bui­re a ria­pri­re la stra­da del­lo svi­lup­po per il Pae­se, por tan­do in pri­mo pia­no le ri­chie­ste e le pro­po­ste del­le im­pre­se

«Si na­sce pic­co­li, ma poi si de­ve pun­ta­re a di­ven­ta­re gran­di». Que­ste pa­ro­le so­no uno stral­cio dell'in­ter­vi­sta - che leg­ge­re­te nel­le pa­gi­ne se­guen­ti - a Vin­cen­zo Boc­cia, pre­si­den­te di Con­fin­du­stria. So­no la sin­te­si di un suo pas­sag­gio sul­la ne­ces­si­tà per le im­pre­se, og­gi, di cre­sce­re per reg­ge­re la com­pe­ti­zio­ne, ma po­treb­be­ro es­se­re an­che la per­fet­ta di­da­sca­lia del­la sua sto­ria per­so­na­le e as­so­cia­ti­va che par­te da lon­ta­no. Da Sa­ler­no. Da quan­do era “pic­co­lo”. Il suo per­cor­so in Con­fin­du­stria co­min­cia nel 1994 quan­do, ap­pe­na tren­ten­ne ma già ai po­sti di co­man­do dell'azien­da di fa­mi­glia - la Ar­ti Gra­fi­che Boc­cia, spe­cia­liz­za­ta nel­la stam­pa di pe­rio­di­ci, quo­ti­dia­ni, ca­ta­lo­ghi e car­to­tec­ni­ca - En­zo di­ven­ta pre­si­den­te dei Gio­va­ni Im­pren­di­to­ri sa­ler­ni­ta­ni e vi­ce pre­si­den­te dell'As­so­cia­zio­ne. Da qui ha ini­zio la sua lun­ga car­rie­ra nel si­ste­ma con­fe­de­ra­le na­zio­na­le che lo ha vi­sto, tra le al­tre co­se, dal 2009 al 2013 pre­si­den­te del­la Pic­co­la In­du­stria. Con­sen­so do­po con­sen­so, con im­pe­gno e sen­so di re­spon­sa­bi­li­tà, le sfi­de vin­te so­no sta­te mol­te di più di quel­le do­ve non è ar­ri­va­to pri­mo. In­tel­li­gen­te e ca­ri­sma­ti­co, En­zo ha mo­stra­to nel tem­po di es­se­re un gran­de ani­ma­to­re di di­bat­ti­ti non ur­la­ti, di cre­de­re nel­la for­za del grup­po e nel­la qua­si sa­cra­li­tà del si­ste­ma as­so­cia­ti­vo, do­ve chi fa il ca­po non de­ve ne­ces­sa­ria­men­te im­por­si in una ga­ra di po­po­la­ri­tà, quan­to piut­to­sto con­vin­ce­re - con i fat­ti - di sa­pe­re di­ri­ge­re al me­glio la squa­dra. Nei me­si scor­si il pic­co­lo im­pren­di­to­re è di­ven­ta­to gran­de, af­fron­tan­do e su­pe­ran­do la pri­ma par­te dell'obiet­ti­vo più mo­ti­van­te fin qui da­to­si: ar­ri­va­re al ver­ti­ce di Con­fin­du­stria. Il gros­so vie­ne, in­fat­ti, ora. Nel cor­so dei pros­si­mi quat­tro an­ni, il pre­si­den­te Boc­cia do­vrà por­ta­re a com­pi­men­to le prio­ri­tà in­di­ca­te nel suo am­pio pro­gram­ma che spa­zia dal fi­sco, al cre­di­to, dalla po­li­ti­ca in­du­stria­le al­la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le, dall'ener­gia fi­no ad ar­ri­va­re all'Eu­ro­pa. Tra tut­ti, un te­ma in par­ti­co­la­re sen­tia­mo più no­stro: la mo­der­niz­za­zio­ne dell'or­ga­niz­za­zio­ne del lavoro. Il pre­si­den­te Boc­cia nel­la re­la­zio­ne te­nu­ta du­ran­te l'as­sem­blea an­nua­le del­la con­fe­de­ra­zio­ne de­gli in­du­stria­li il 26 mag­gio scor­so ha sot­to­li­nea­to co­me «agli au­men­ti re­tri­bu­ti­vi deb­ba­no cor­ri­spon­de­re au­men­ti di pro­dut­ti­vi­tà. Con i pro­fit­ti al mi­ni­mo sto­ri­co, lo scam­bio “sa­la­rio/pro­dut­ti­vi­tà”è l'uni­co pra­ti­ca­bi­le». Lo ab­bia­mo det­to più vol­te e qui lo ri­pe­tia­mo: se ab­bia­mo per­so com­pe­ti­ti­vi­tà ne­gli ul­ti­mi 20 an­ni, non è esclu­si­va­men­te per­ché ab­bia­mo un co­sto del lavoro ele­va­to, ma per­ché sia­mo sta­ti scar­sa­men­te pro­dut­ti­vi. Au­men­ta­re la pro­dut­ti­vi­tà si­gni­fi­ca an­che mi­glio­re uti­liz­zo de­gli im­pian­ti, cre­scen­ti quo­te di re­tri­bu­zio­ne col­le­ga­te al me­ri­to e ai ri­sul­ta­ti dell'im­pre­sa. Per que­sto, ri­te­nia­mo che deb­ba es­se­re so­ste­nu­to il per­cor­so di con­so­li­da­men­to del ruo­lo e del pe­so del­la con­trat­ta­zio­ne azien­da­le, ca­pa­ce di crea­re mag­gior va­lo­re da re­di­stri­bui­re ai la­vo­ra­to­ri, at­tra­ver­so ele­men­ti sia re­tri­bu­ti­vi in sen­so stret­to, sia di “wel­fa­re”. Cre­dia­mo, per­tan­to, che la pro­po­sta di rin­no­va­men­to con­trat­tua­le di Fe­der­mec­ca­ni­ca - ben spie­ga­ta dal di­ret­to­re Ste­fa­no Fran­chi nel­le pa­gi­ne 8 e 9 - sia con­di­vi­si­bi­le e con­fi­dia­mo in un'in­te­sa con il sin­da­ca­to. L'av­ven­tu­ra del nuo­vo pre­si­den­te di Con­fin­du­stria è ap­pe­na co­min­cia­ta ma,sia­mo cer­ti che,con la me­mo­ria del pas­sa­to e la con­sa­pe­vo­lez­za del pre­sen­te ne­gli oc­chi,Vin­cen­zo Boc­cia sa­rà in gra­do di por­ta­re mol­to avan­ti il fu­tu­ro del­le no­stre im­pre­se e del Pae­se.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.