Con­do­no li­ti fi­sca­li pen­den­ti, nuo­va pro­po­sta di mo­di­fi­ca le­gi­sla­ti­va

La ri­for­ma co­sì co­me con­ce­pi­ta non è suf­fi­cien­te. Per ren­de­re più ap­pe­ti­bi­le e van­tag­gio­so lo stru­men­to, an­dreb­be cam­bia­to an­co­ra. Ve­dia­mo co­me

Costozero - - Sommario - di M. Vil­la­ni

L' ar­ti­co­lo 11 del D.L. del 24/04/2017 n. 50 (in G.U. S.O. n. 20/L del 24/04/2017), con­ver­ti­to dal­la Leg­ge n. 96 del 21 giu­gno 2017 (in G.U. n. 144 del 23/06/2017S.O. n. 31), en­tra­to in vi­go­re ve­ner­dì 23 giu­gno 2017, pre­ve­de e di­sci­pli­na la de­fi­ni­zio­ne age­vo­la­ta del­le con­tro­ver­sie tri­bu­ta­rie at­tri­bui­te al­la giu­ri­sdi­zio­ne tri­bu­ta­ria in cui è par­te sol­tan­to l'Agenzia del­le En­tra­te, pen­den­ti in ogni sta­to e gra­do del giu­di­zio, com­pre­so quel­lo in Cas­sa­zio­ne e an­che a se­gui­to di rin­vio (c.d. con­do­no fi­sca­le del­le li­ti fi­sca­li pen­den­ti). Con la leg­ge di con­ver­sio­ne, il le­gi­sla­to­re ha pre­vi­sto due mo­di­fi­che, al­lar­gan­do il con­ten­zio­so con­tro gli en­ti lo­ca­li e pre­ve­den­do la pos­si­bi­li­tà del con­do­no per tut­ti i ri­cor­si no­ti­fi­ca­ti al­la con­tro­par­te en­tro lu­ne­dì 24 apri­le 2017. L'oc­ca­sio­ne è buo­na per de­fi­ni­re i pro­ces­si tri­bu­ta­ri pen­den­ti, te­nen­do con­to che l'ul­ti­mo im­por­tan­te con­do­no c'è sta­to quin­di­ci an­ni fa (art. 16 del­la Leg­ge n. 289 del 27/12/2002), ri­pre­so nel 2011 con il li­mi­te, pe­rò, di eu­ro 20.000 (art. 39, com­ma 12, D.L. n. 98/2011, con­ver­ti­to dal­la Leg­ge n. 111/2011). Que­sto con­do­no è so­lo un as­sag­gio di una ri­for­ma a più am­pio re­spi­ro sul­la giu­sti­zia tri­bu­ta­ria, co­me da an­ni io stes­so, in buo­na com­pa­gnia, sol­le­ci­to. Fi­nal­men­te, pe­rò, il le­gi­sla­to­re ha mes­so ne­ro su bian­co nel Pia­no na­zio­na­le del­le ri­for­me (PNR), al­le­ga­to al DEF ap­pe­na ap­pro­va­to dal Par­la­men­to, que­sta mo­di­fi­ca. In so­stan­za, il PNR pre­ve­de un'ul­te­rio­re ri­for­ma del pro­ces­so tri­bu­ta­rio (do­po il De­cre­to le­gi­sla­ti­vo n. 156 del 24/09/2015, che ha ri­pre­so buo­na par­te del mio suc­ci­ta­to di­se­gno di leg­ge); stru­men­ti te­le­ma­ti­ci; sem­pli­fi­ca­zio­ne de­gli adem­pi­men­ti fi­sca­li; ope­ra­ti­vi­tà del­le nor­me isti­tu­ti­ve dell'elen­co dei sog­get­ti abi­li­ta­ti all'as­si­sten­za tec­ni­ca in­nan­zi al­le Commissioni tri­bu­ta­rie; ri­for­ma ge­ne­ra­le de­gli or­ga­ni del­la giu­sti­zia tri­bu­ta­ria, con giudici pro­fes­sio­na­li, com­pe­ten­ti, a tem­po pie­no, pres­so Tri­bu­na­li tri­bu­ta­ri non più di­pen­den­ti dal MEF e con la mediazione ge­sti­ta fi­nal­men­te da giudici ter­zi e non più da or­ga­ni dell'agenzia del­le en­tra­te. L'at­tua­le con­do­no, an­che se è un'oc­ca­sio­ne da va­lu­ta­re at­ten­ta­men­te e da non per­de­re, pre­sen­ta, pe­rò, del­le gra­vi li­mi­ta­zio­ni che ne po­treb­be­ro com­pro­met­te­re la po­si­ti­va riu­sci­ta. Per evi­ta­re ciò, bi­so­gne­reb­be com­ple­ta­re la mo­di­fi­ca te­nen­do con­to del­le se­guen­ti si­tua­zio­ni giu­ri­di­che, pren­den­do co­me pun­to di ri­fe­ri­men­to il pre­ce­den­te con­do­no del­la ci­ta­ta Leg­ge n. 289/2002, che eb­be no­te­vo­le suc­ces­so e fe­ce in­cas­sa­re al­lo Sta­to gros­se ci­fre. In­nan­zi­tut­to, an­dreb­be con­sen­ti­to il con­do­no an­che per le con­tro­ver­sie do­ga­na­li e per quel­le in cui è par­te l'agen­te del­la ri­scos­sio­ne, in­di­pen­den­te­men­te dal­la co­sid­det­ta rot­ta­ma­zio­ne dei ruo­li. An­dreb­be­ro poi ri­te­nu­te de­fi­ni­bi­li le con­tro­ver­sie tri­bu­ta­rie il cui ricorso sia sta­to no­ti­fi­ca­to al­la con­tro­par­te en­tro il 23 giu­gno 2017, en­tra­ta in vi­go­re del­la suc­ci­ta­ta Leg­ge n. 96/2017. An­co­ra, bi­so­gne­reb­be tenere con­to sem­pre dell'esi­to del­le sen­ten­ze non passate in giu­di­ca­to, per­ché non si può igno­ra-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.