Ta­tuag­gi, una scel­ta reversibile

Il la­ser re­sta sen­za dub­bio il me­to­do più si­cu­ro per ri­muo­ver­li. Mol­to ef­fi­ca­ce, in par­ti­co­la­re, il Q-Swit­ched che, a dif­fe­ren­za di altre tec­ni­che, è in gra­do di eli­mi­na­re qua­si tut­ti i co­lo­ri

Costozero - - Sommario - di A. Di Pie­tro

Cre­sce il nu­me­ro dei co­sid­det­ti “pen­ti­ti dei

ta­tuag­gi”, uo­mi­ni e don­ne che vogliono can­cel­la­re vec­chi di­se­gni e scrit­te per sva­ria­te ra­gio­ni: c’è chi lo fa per mo­ti­vi di la­vo­ro, chi de­si­de­ra ri­muo­ve­re ri­cor­di di­ven­ta­ti do­lo­ro­si co­me un amo­re o un’ami­ci­zia fi­ni­ta, chi de­si­de­ra far­ne di nuo­vi con uno “sti­le” più con­ge­nia­le all’età o ai gu­sti del mo­men­to (tat­too chan­ging). So­lo nel 2014, se­con­do i da­ti dell’Ai­c­pe (As­so­cia­zio­ne ita­lia­na di chi­rur­gia pla­sti­ca este­ti­ca), le ri­mo­zio­ni so­no sta­te 12mi­la (gli ita­lia­ni ta­tua­ti so­no cir­ca 7 mi­lio­ni). Il la­ser og­gi è sen­za dub­bio il me­to­do più ef­fi­ca­ce e si­cu­ro per ri­muo­ve­re i ta­tuag­gi, in par­ti­co­la­re il Q-Swit­ched che, a dif­fe­ren­za de­gli al­tri, è in gra­do di eli­mi­na­re qua­si tut­ti i co­lo­ri (“qua­si” per­ché i ta­tuag­gi blu e ne­ri so­no più fa­ci­li da can­cel­la­re ri­spet­to a quel­li ros­si e gial­li ma an­che di quel­li rea­liz­za­ti con più co­lo­ri e sfumati). Inol­tre un ta­tuag­gio è più dif­fi­ci­le da ri­muo­ve­re se è sta­to fat­to di re­cen­te, se la quan­ti­tà di pig­men­to è ec­ces­si­va, se la pel­le è scu­ra e la zo­na è de­li­ca­ta, ma an­che in ba­se al­la pro­fon­di­tà dell’inchiostro. Per­tan- to, pri­ma di pro­ce­de­re al trat­ta­men­to, è ne­ces­sa­rio ef­fet­tua­re un te­st sul­la pel­le: il me­di­co di­ri­ge la lu­ce su una pic­co­la por­zio­ne del di­se­gno per ve­ri­fi­ca­re se è ef­fi­ca­ce o me­no. Il la­ser agi­sce se­let­ti­va­men­te sul pig­men­to del di­se­gno, non an­dan­do quin­di a “toc­ca­re” la pel­le in­tor­no. In par­ti­co­la­re, il Q-swit­ched è in gra­do di ge­ne­ra­re un im­pul­so estre­ma­men­te po­ten­te in tem­pi bre­vis­si­mi che fran­tu­ma i gra­nu­li del pig­men­to co­lo­ra­to del ta­tuag­gio in tan­te mi­cro­par­ti­cel­le che poi ven­go­no eli­mi­na­te at­tra­ver­so i ma­cro­fa­gi (cel­lu­le che fun­zio­na­no da “spaz­zi­no”). L’emis­sio­ne la­ser in tem­pi co­sì bre­vi per­met­te di con­fi­na­re l’ef­fet­to ter­mi­co al so­lo ber­sa­glio da col­pi­re, ov­ve­ro il pig­men­to, sal­va­guar­dan­do i tes­su­ti cir­co­stan­ti. Per un di­se­gno “me­dio” le se­du­te ne­ces­sa­rie vanno da un mi­ni­mo di 2 - 3 fi­no ad una de­ci­na a di­stan­za di 1 - 2 me­si una dall’al­tra. Ge­ne­ral­men­te il trat­ta­men­to, che si svol­ge in am­bu­la­to­rio, cau­sa un do­lo­re sop­por­ta­bi­le, si­mi­le a una pun­tu­ra di spil­lo. Even­tual­men­te si può ap­pli­ca­re una po­ma­ta ane­ste­ti­ca sul­la par­te da trat­ta­re. Nei gior­ni suc­ces­si­vi, la pel­le apparirà più scu­ra e po­trà for­mar­si una pel­li­ci­na che ca­drà da so­la, la­scian­do il po­sto all’epi­der­mi­de nuo­va, sen­za pig­men­to. Se il ta­tuag­gio è trop­po gran­de o si tro­va in zo­ne par­ti­co­la­ri (ad esem­pio a li­vel­lo dei ge­ni­ta­li) è scon­si­glia­bi­le sot­to­por­si al trat­ta­men­to la­ser. Non è in­di­ca­to, inol­tre, a chi è af­fet­to da pso­ria­si (che do­vreb­be evi­ta­re an­che di fa­re ta­tuag­gi) e a chi ha una pel­le pre­di­spo­sta al­la for­ma­zio­ne di che­loi­di, ov­ve­ro ci­ca­tri­ci im­por­tan­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.